Gerry Scotti piange a The Wall/ Video “I soldi servono per curare i miei fratelli malati di sclerosi multipla”

Gerry Scotti piange a The Wall. Video, il racconto di Massimiliano e Gabriele commuove il presentatore: “I soldi servono per curare i miei fratelli malati di sclerosi multipla”

07.12.2018 - Carmine Massimo Balsamo
Gerry Scotti piange a The Wall

Gerry Scotti piange a The Wall, un momento di commozione nel corso della puntata odierna del game show in onda su Canale 5. I concorrenti di oggi sono Massimiliano e Gabriele, due uomini di Firenze che hanno un negozio da parrucchiere e sono anche insieme nella vita. Nella presentazione dei due giocatori, Massimiliano ha spiegato perchè una vincita sarebbe importante per lui e, soprattutto per la sua famiglia: «Ho un fratello e una sorella con la sclerosi multipla», l’ammissione dell’uomo, che si commuove nel parlarne, così come lo stesso Gerry Scotti. «Hanno bisogno sempre. Sono invalidi tutti e due» prosegue Gabriele, con Scotti, visibilmente emozionato, che aggiunge: «Non voglio infierire, ma non ho mai sentito di due fratelli malati». Il concorrente evidenzia: «E’ abbastanza dura. Quanti anni hanno? 54 e 57 anni, hanno famiglie».

LA COMMOZIONE DEL CONDUTTORE

«E’ un problema che coinvolge tante persone, io mi auguro che il muro sia particolarmente generoso oggi con voi, ragazzi, e che possa lasciare attaccati un po’ di soldi per voi e per le vostre famiglie», l’augurio di Gerry Scotti, che poi prova a stemperare il clima scherzando: «Riprendiamoci perché il muro non vuole veder piangere, al massimo piangi dopo se hai perso tutti i soldi ma adesso dobbiamo cercare di mettere da parte un po’ di soldini». Momenti di lacrime e di emozione, con il presentatore del fortunato game show che non è riuscito a mascherare la commozione per un dolore che ha colpito il concorrente Gabriele e la sua famiglia. Con la speranza che i due compagni fiorentini riescono a raggiungere una buona vincita e aiutare i due fratelli colpiti dalla malattia: clicca qui per vedere il video.



© RIPRODUZIONE RISERVATA