Antonio Ricci/ “Flavio Insinna? Si è fatto male da solo!”

- Silvana Palazzo

Antonio Ricci: “Avrei dato fuoco a Claudio Baglioni. Flavio Insinna? Quando vedo lui mi sento un figo”. Il “papà” di Striscia la Notizia attacca Fabio Fazio ma promuove Mika.

antonio_ricci
Antonio Ricci

Antonio Ricci è certamente un personaggio che non le manda mai a dire. Dopo la recente intervista che sta facendo il giro del web, dove pare avere le idee chiare su molti personaggi, compreso il prossimo conduttore del Festival di Sanremo, proprio qualche tempo fa, intervistato su Radio Capital da Vittorio Zucconi e Edoardo Buffoni, aveva detto la sua sulla questione “Insinna”, compreso il celebre marchio di acqua minerale che, dopo il polverone aveva chiesto un risarcimento di 2 milioni di euro. Anche in quel caso, la risposta del papà di Striscia la Notizia, fu chiara e concisa: “Ma era da ritirare subito quello spot, uno dei più brutti della storia della pubblicità!”, aveva esordito. Poi ha specificato anche perchè ha voluto mandare i fuorionda del conduttore, durante una puntata speciale di Affari tuoi: “Insinna andò dalla Berlinguer a proporsi e alcuni giornali scrissero che poteva essere uno dei nuovi leader della sinistra. Il fatto che Insinna potesse prendere il posto di Berlinguer papà con testimone-sponsor la figlia voleva dire passare il segno! Per cui abbiamo tirato fuori quegli audio che avevamo da tempo di riserva. E ne abbiamo messa in onda una parte. Poi Insinna si è fatto del male da solo, con la trasmissione riparatrice sempre dalla Berlinguer. Una cosa talmente aberrante che nessuno poteva fargli del male di più di quello che si è fatto da solo”. (Aggiornamento di Valentina Gambino)

“SANREMO? NON NE PARLEREMO!”

Durante la conferenza stampa di Striscia per annunciare il ritorno di Ficarra e Picone, Antonio Ricci ha “sparato” a zero sul conduttore del prossimo Festival di Sanremo, Claudio Baglioni. Ma quest’anno al fianco di Baglioni ci sarà Michelle Hunziker, volto noto di Striscia la notizia. Alla domanda del perché Striscia non parli di Sanremo e se questo sia legato alla presenza della showgirl svizzera, Ricci ha risposto: “Non ne parleremo perché il Festival ha perso l’aria torbida che aveva un tempo, è diventato uno spettacolo televisivo. Vent’anni fa quando inquadravano le prime file c’erano solo esponenti della criminalità organizzata, percepivi l’idea precisa di cosa poteva essere il carcere di San Vittore”. A chi gli ha chiesto se Ricci è intoccabile, il patron di Striscia ha risposto: “No. Ma essendo un provocatore e pagando in prima persona con denunce, pestaggi e anche bombe, mi piace far capire quanto sia rischioso questo lavoro” (agg. Elisa Porcelluzzi)

I FAN DI BAGLIONI CONTRO RICCI

Antonio Ricci non ha speso belle parole per Claudio Baglioni nell’intervista al Corriere della Sera. Il “papà” di Striscia la Notizia ha parlato del direttore artistico di Sanremo 2018 come una “melensa creatura dalla maglietta fina che canta passerotto non andare via” e “il cantante preferito dei fascisti”. Dichiarazioni senza troppi peli sulla lingua – nello stile di Ricci – che però hanno fatto infuriare i fan di Baglioni che hanno lanciato una vera e propria petizione sul web dal titolo “Caro Antonio Ricci, chiedi scusa ufficialmente a Claudio Baglioni!”, per far sì che l’autore televisivo chieda scusa all’artista. “Un uomo nella propria vita può fare liberamente le proprie scelte e queste, giuste o sbagliate che siano, non devono in alcun modo essere strumentalizzate per attaccare la persona, l’artista e la sua arte, né devono divenire una fonte d’odio, considerando che non è l’unico ad aver scritto canzoni non impegnate durante gli anni ’70 e non è l’unico (SE ANCHE DOVESSE ESSERE VERO, perché questo può saperlo solo lui in persona e nessuno può permettersi di affermarlo come una verità certa) ad essere ricorso alla chirurgia estetica, soprattutto nel mondo dello spettacolo. Pertanto non merita di ricevere tutto questo odio e tutte queste accuse, come se avesse commesso chissà quali delitti o reati”, sono le prime righe della petizione lanciata su change.org. Infine i fan di Baglioni chiedono a Ricci di fare un passo indietro: “Una persona di una certa cultura dovrebbe giudicare l’arte senza influenze di alcun tipo perché l’arte è al di sopra di ogni cosa. Quindi, caro signor Ricci, tutti conosciamo bene la sua ironia, ma c’è un limite a tutto e la invitiamo a chiedere UFFICIALMENTE SCUSA a Claudio Baglioni Uomo, Artista e alla sua Arte”. Il patron di Striscia la Notizia risponderà? (agg. Elisa Porcelluzzi)

ANTONIO RICCI PROMUOVE MIKA

Nelle ultime ore Antonio Ricci ha avuto una parola “non tanto buona” per tutti. Dopo aver detto di non sopportare Cladio Baglioni – “il botulino gli intoppa i ragionamenti nel cervello” – di sentirsi un “figo” quando vede Flavio Insinna e aver criticato Fabio Fazio per la sua scelta “di non avere concorrenza”, l’ideatore di Striscia la notizia ha speso belle parole per Mika. Intervistato da Eurosat, Ricci ha detto di aver visto il programma del cantante libanese in onda su Rai 2: “Ultimamente ho visto con piacere “Stasera CasaMika”, mentre mi ha angosciato e atterrito lo spettacolo di Neri Marcorè “Celebration”, di cui – confesso – ho visto solo una puntata”. Ha poi spiegato cosa gli è piaciuto di “Stasera CasaMika”: “Nel primo caso Mika è riuscito a mettere allegria in televisione: nel suo show ci sono idee, buonumore, voglia di condividere la gioia con gli altri. Nel programma di Marcorè, che peraltro stimo molto, ho visto più che altro tetraggine e supponenza, due cose che possono magari andar bene in un cabaret ma non in prima serata su Raiuno”. (agg. Elisa Porcelluzzi)

ANTONIO RICCI CRITICA FABIO FAZIO: NON VUOLE CONCORRENZA

Antonio Ricci è un fiume in piena. A far discutere non è solo l’intervista rilasciata al Corriere della Sera, ma anche le dichiarazioni a Eurosat. Questa volta tocca a Fabio Fazio e alla Rai: «Oggi, pur essendo sull’ammiraglia Rai, Che tempo che fa viene regolarmente battuto da Paperissima Sprint. Non solo: l’operazione ha comportato per l’azienda del servizio pubblico la necessità di esaudire la richiesta di Fazio di non avere concorrenza su Raidue e Raitre. E con un uomo solo al comando, sta soffrendo oltre ogni previsione in termini di ascolti». Il patron di Striscia la Notizia ha approfondito il tema della grande crisi in Rai, non senza gongolare per il successo di Mediaset: «Prima la Rai era libera di schierare su Raiuno le grandi fiction, di cui è leader. La fiction Mediaset si è infilata nello spazio lasciato libero: un trionfo, dovuto esclusivamente a Fabio Fazio!». (agg. di Silvana Palazzo)

ANTONIO RICCI: “ROBERTO BENIGNI RINTANATO IN UNA TECA”

Nell’intervista che Antonio Ricci ha rilasciato al Corriere della Sera c’è spazio anche per qualche considerazione sulla politica, in particolare sul Movimento 5 Stelle. L’autore di Striscia la Notizia non ha preso solo di mira Claudio Baglioni, il Festival di Sanremo e Flavio Insinna, ma anche l’amico Beppe Grillo, che si è defilato dal M5S. «Sono anni che sento dire che deve mollare, ma in realtà a lui piace quella situazione. Quando vedo che lo spintonano nel mucchio, nel casino, nella ressa, capisco che sta godendo come un matto. Lui è un blog che assorbe energia da tutti», ha dichiarato Antonio Ricci. E così coglie l’occasione per puntare il dito contro Roberto Benigni, «che sta rintanato nella sua teca». La politica comunque non fa per Antonio Ricci: «Mi hanno chiesto molte volte di candidarmi, sempre in area Pd, ma non mi interessa fare il ragazzo immagine». (agg. di Silvana Palazzo)

ANTONIO RICCI: “BRAVISSIMO A ROMPERE LE SCATOLE”

Antonio Ricci a ruota libera ai microfoni del Corriere della Sera. Il patron di Striscia la Notizia non ha mai avuto problemi a dire tutto ciò che pensa e lo dimostra, ancora una volta, parlando a ruota libera di Claudio Baglioni e Flavio Insinna. Ricci, poi, svela che la sua miglior qualità è rompere le scatole agli altri. “Rompere le scatole è la cosa che so fare meglio, appena vedo la preda mi lecco i baffi da lontano. Non mi fermo nemmeno davanti agli amici. Anzi c’è più gusto, perché ti fa più male chi ti conosce bene”, ha dichiarato Ricci facendo riferimento ai numerosi servizi realizzati da Striscia la Notizia su Flavio Insinna quando era al timone di Affari Tuoi. Riserverà lo stesso trattamento al Festival di Sanremo 2018? La parole di Antonio Ricci sono così destinate a far rumore. Claudio Baglioni replicherà alle parole del patron di Striscia o preferirà restare in silenzio concentrandosi sul Festival di Sanremo ormai alle porte? A mettere la pace tra i due potrebbe essere la bionda Michelle Hunziker (aggiornamento di Stella Dibenedetto).

PAROLE DURE DI ANTONIO RICCI CONTRO CLAUDIO BAGLIONI

«Non lo reggo da sempre, da quando era ragazzo. Non lo sopporto». Con queste parole Antonio Ricci apre una velenosa polemica con Claudio Baglioni, che presto sarà protagonista sul palco dell’Ariston con il Festival di Sanremo. «Sono cresciuto negli anni della protesta, di Tenco e Paoli, di Guccini e De André… Poi arriva questa melensa creatura dalla maglietta fina che canta passerotto non andare via», prosegue il guru e vate di Striscia la Notizia. Come se non bastasse il suo programma a pungere, ci pensa lo stesso Ricci a farlo. E lo fa in maniera molto pesante. «Era il cantante preferito dei fascisti, dei La Russa e Gasparri». E poi arriva la dichiarazione che fa discutere: «In uno spettacolo dissi anche che gli avrei tirato una molotov. Ora se gli dai fuoco si sparge odore acre di plastica che semina diossina in tutto il Paese». Parole e toni forti da parte di Antonio Ricci che potrebbero innescare una bufera. «Non penso sia un disonesto… del resto non è capace: il botulismo gli intoppa i ragionamenti nel cervello».

ANTONIO RICCI CONTRO TUTTI: DA BAGLIONI E SANREMO A INSINNA

Il mirino di Antonio Ricci si sposta da Claudio Baglioni al Festival di Sanremo. «Purtroppo ha perso l’aria torbida che aveva un tempo, è diventato uno spettacolo televisivo». Il “papà” di Striscia la Notizia ha rievocato le edizioni di vent’anni fa: «Quando inquadravano le prime file c’erano solo esponenti della criminalità organizzata, percepivi l’idea precisa di cosa poteva essere il carcere di San Vittore». Non poteva mancare una battuta su Flavio Insinna, con il quale nei mesi scorsi c’è stata una lunga polemica: «Sono fiero di essere orrendo e malvagio, poi vedo Insinna e allora mi sento un figo». Pensate che si sia fermato qui con le frecciatine? «Se volete passare i dieci minuti peggiori della vostra vita guardate il monologo che ha fatto da Bianca Berlinguer. Oppure il programma di Veltroni che lui condusse: una fucilata». E quindi spiega la ragione del duro attacco di Striscia la Notizia: «La sua deriva di onnipotenza».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori