Sridevi Kapoor è morta/ Bollywood perde la sua “regina”: malore mentre partecipava al matrimonio del nipote

- Valentina Gambino

Sridevi è morta, la più famosa attrice di Bollywood si è spenta a Dubai per un arresto cardiaco, aveva 54 anni e tra i più celebri film ricordiamo: Mr India, Chandni e ChaalBaaz.

sridevi_morta-2018
Sridevi Kapoor, in uno scatto (Archivio)

Un malore improvviso ha causato la morte di Sridevi Kapoor, leggendaria attrice di Bollywood. La tragedia è stata annunciata dalla famiglia. Stava partecipando ad una festa a Dubai, il matrimonio di un nipote, quando si è sentita male. Pare sia stata colpita da un arresto cardiaco. Il corpo verrà portato a Bombay per la cremazione, stando a quanto riportato da Ndtv. I fan intanto si sono radunati fuori dalla sua casa in città. Cordoglio per la morte di Sridevi è stato espresso anche dal primo ministro indiano, Narendra Modi, che si è detto «rattristato dalla scomparsa prematura» di Sridevi, definita «una veterana dell’industria cinematografica la cui lunga carriera comprendeva ruoli diversi e performance memorabili». Il presidente indiano Ram Nath Kovind si è è detto «scioccato» dalla notizia, affermando su Twitter che la morte dell’attrice «ha lasciato il cuore spezzato a milioni di fan». (agg. di Silvana Palazzo)

Sridevi si era ritirata nel 1997 per dedicarsi ai figli

La morte di Sridevi ha sicuramente lasciato senza parole il mondo dello spettacolo, ancor più quello orientale. La donna era diventata una delle attrici più famose dell’India tra gli anni ottanta e novanta. Nel 1997 aveva lasciato il mondo dello spettacolo per dedicarsi completamente alla sua famiglia, visto che l’anno precedente si era sposata con il produttore cinematografico Boney Kapoor. L’annuncio ufficiale dell’addio al mondo dello spettacolo era arrivato nel 2011, nonostante questo era un personaggio rimasto molto noto fino ai giorni nostri con i suoi film che sono andati in onda diverse volte nel nostro paese anche grazie all’opera di recupero di splendidi critici cinematografici come Enrico Ghezzi. Vedremo se verrà ricordata anche nel nostro paese con la messa in onda di film importanti della sua carriera. (agg. di Matteo Fantozzi)

Bollywood saluta l’attrice indiana

Bollywood saluta l’attrice indiana Sridevi, morta ieri, sabato 24 febbraio a Dubai, dopo un arresto cardiaco. Aveva a 54 anni. Durante gli anni ottanta e novanta, la Sridevi (il suo vero nome era Shree Amma Yanger Ayappan) era diventata la più celebre attrice di Bollywood, il nome con cui ci riferisce proprio alla “Hollywood dell’India”. Associated Press ha scritto di lei che: “ha rivoluzionato il concetto di celebrità in India”, BBC invece dice: “è stata una delle pochissime attrici in grado di far ottenere grandi successi ai film in cui recitava, anche senza la presenza di noti attori maschili”. Narendra Modi, il primo ministro indiano, ha scritto su tweet su Twitter, affermando che Sridevi è stata una vera esperta dell’industria cinematografica indiana e che nella sua carriera ha avuto ruoli “diversi e memorabili”.

La carriera di Sridevi

La carriera di Sridevi era costellata di moltissime soddisfazioni e successi, ecco perché, in ben 50 anni di carriera (nonostante l’età), ha recitato in oltre 150 film, un vero record. Tra i più celebri? Citiamo: Mr India, Chandni, ChaalBaaz e Sadma. Il suo primo film da protagonista è stato girato nel 1978 mentre l’anno precedente, nel 1997, dopo il film del Judaai, ha sposato il produttore Boney Kapoor interrompendo la sua carriera al cinema per svariati anni; è tornata poi nel 2012 per English Vinglish. Il Guardian ha scritto che, oltre che per il loro grande successo di pubblico, i suoi film verranno ricordati anche perché riportavano spesso personaggi con protagoniste sfaccettate e “piene di vita”, differenti dalla maggior parte delle donne dei film di Bollywood. Sridevi era anche stimata per la sua capacità nel ballo e per i suoi tempi fortemente comici. Il suo ultimo film è stato Mom, del 2017 e la trama ci racconta di una madre che cerca di vendicare lo stupro di sua figlia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori