IO E ZIO BUCK/ Su Rete 4 il film con Macaulay Culkin (oggi, 28 febbraio 2018)

- Cinzia Costa

Io e zio Buck, il film in onda su Rete 4 oggi, mercoledì 28 febbraio 2018. Nel cast: Jean Louisa Kelly e , John Candy, alla regia John Hughes. La trama del film nel dettaglio.

io_e_zio_buck
Il film nel pomeriggio di Rete 4

NEL CAST MACAULAY CULKIN

Il film Io e zio Buck va in onda su Rete 4 oggi, mercoledì 28 febbraio 2018, alle ore 16.50. Una commedia del 1989 scritta e diretta da John Hughes (Una pazza giornata di vacanza, Breakfast club, Sixteen candles – Un compleanno da ricordare) ed interpretata da Jean Louisa Kelly (Goodbye Mr. Holland, Tre bambini sotto l’albero, Harvest of fire), John Candy (Un biglietto in due, Non è stata una vacanza… è stata una guerra, Balle spaziali) e Macaulay Culkin (Mamma ho perso l’aereo, L’innocenza del diavolo, Richie Rich – Il più ricco del mondo). Il film è rimasto inizialmente inedito in Italia. Solo in seguito al successo di Mamma ho perso l’aereo venne ripescato e distribuito nel nostro paese. Ma ecco nel dettaglio la trama del film.

IO E ZIO BUCK, LA TRAMA DEL FILM

I Russell, sembrano visti dal di fuori, una famiglia normale, con una bella casa e un lavoro remunerativo. Cindy e Bob hanno tre figli, la quindicenne Tia (Jean Louisa Kelly) e i piccoli Maizy (Gaby Hoffmann) e Miles (Macaulay Culkin). Il rapporto fra genitori e figli però non è ottimale, i piccoli non ottengono le attenzioni che desiderano e l’adolescente Tia si scontra in continuazione con la madre. Quando il padre di Cindy subisce un forte infarto da cui stenta a riprendersi, i coniugi Russell devono quindi lasciare Chicago per correre ad Indianapolis al suo capezzale. In questo periodo i tre piccoli Russell vengono affidati allo zio Buck (John Candy). Quest’ultimo è un uomo confusionario, infantile, pasticcione e apparentemente del tutto inadatto a gestire una ragazza e due bambini. Ben presto però, Buck e i ragazzi riusciranno a trovare un loro equilibrio e cominceranno ad andare d’accordo. I piccoli Russell cominceranno ad apprezzare lo zio più dei loro stessi genitori, da cui non avevano mai ricevuto le necessarie attenzioni. L’unica a resistere alle lusinghe dell’infantile zio sarà proprio Tia, troppo presa dal suo ruolo di adolescente ribelle per potersi affezionare velocemente allo zio.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori