SABRINA FERILLI / Scrive a Virginia Raggi: “L’esproprio dei ragazzi del Cinema America è atto gravissimo”

- Annalisa Dorigo

Sabrina Ferilli è scesa in difesa dei ragazzi del Cinema America, scrivendo una lettera di attacco al sindaco di Roma Virginia Raggi: “L’esproprio è atto gravissimo”.

sabrina_ferilli
Sabrina Ferilli (web)

Sabrina Ferilli si unisce ad altri autorevoli colleghi per difendere i ragazzi del Cinema America di Roma e l’esproprio della loro arena in piazza San Cosimato. Una decisione che l’attrice considera gravissima, motivo per cui ha deciso di scrivere una lettera al sindaco di Roma Virginia Raggi, che la stessa Ferilli aveva votato e sostenuto pubblicamente nel corso della campagna elettorale nella quale aveva trionfato. Per questo, sentendosi direttamente chiamata in causa, l’attrice romana ha deciso di non affidarsi a interviste o critiche nei social network, ma di rivolgersi direttamente alla Raggi: “Questi ragazzi sono l’emblema della romanità che non si ferma davanti a niente e nessuno, mossi semplicemente da un sentimento di amore per la città in cui sono nati. Mi appello personalmente a lei affinché la manifestazione venga immediatamente autorizzata come successo negli scorsi anni”.

La richiesta di Sabrina Ferilli a Virginia Raggi

Sabrina Ferilli si è aggiunta alla lunga lista di personalità culturali e politiche che si oppongono alla messa a bando dell’arena trasteverina annunciata dal vicesindaco Bergamo. Tra di essi numerosi attori e rappresentanti del mondo del cinema tra i quali Roberto Benigni, Giuseppe Tornatore, Jasmine Trinca, Claudio Giovannesi, Ivano De Matteo, Gabriele Mainetti, Alessandro Borghi, Toni Servillo, Costanza Quatriglio, Luca Zingaretti ma anche il ministro Dario Franceschini secondo il quale: “Una cosa bella, che funziona, che porta cultura, vita in una bellissima piazza romana deve essere aiutata, non ostacolata”. La soluzione di questo problema appare ancora lontana: la Giunta del I Municipio si è espressa contro all’inserimento della piazza di San Cosimato nel Bando dell’Estate Romana, richiedendo che il luogo gli venisse concesso per la manifestazione e proponendo vari accorgimenti per limitare il rumore. Qualora un accordo non venisse preso, i ragazzi del Cinema America potrebbero spostarsi a Fiumicino, il cui sindaco ha già dato il suo benestare per ospitare la rassegna.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori