Voyager/ Anticipazioni 5 febbraio: la Sardegna e i sottorranei della Stazione Centrale di Milano,

- Stella Dibenedetto

Voyager, anticipazioni 5 febbraio: in una serata dedicata al meglio, Roberto Giacobbo condurrà il pubblico di Raidue alla riscoperta di alcuni dei reportage più belli.

roberto_giacobbo_voyager
Roberto Giacobbo

Roberto Giacobbo torna in onda oggi, lunedì 5 febbraio, in prima serata su Raidue, con una puntata speciale di Voyager. La seconda rete della Rai, infatti, offre al proprio pubblico il meglio della stagione riproponendo alcuni dei reportage più spettacolari. La prima tappa sarà la Sardegna. Il viaggio di Roberto Giacobbo partirà dal sito Unesco del nuraghe di Barumini in Sardegna, una costruzione meravigliosa che ha sfidato lo scorrere del tempo fino a quando un’onda di maremoto l’ha abbattuto. Roberto Giacobbo cercherà di capire se è andata davvero così. Se è stata davvero un’onda a distruggere una costruzione millenaria o se dietro c’è qualcosa di più oscuro. Attraverso le sue ricerche, Giacobbo cercherà di capire se si tratta della misteriosa civiltà di Atlantide, scomparsa improvvisamente per un disastro naturale. Si parlerà, poi, del popolo degli Shardana, degli esperti e temuti naviganti che, secondo alcune ricostruzioni storiche, rappresentavano gli abitanti indigeni della Sardegna.

GLI ALTRI REPORTAGE DELLA SERATA

Dalla Sardegna, Roberto Giacobbo, si sposterà in Lombardia per mostrare i sotterranei della stazione centrale di Milano dove, durante la seconda Guerra Mondiale, l’attuale senatrice a vita Liliana Segre, salì su un treno che, dal Binario 21, la portò ad Auschwitz. Verrà, poi, raccontata la storia di Stanislav Petrov, un ufficiale dell’Armata Rossa cche il 26 settembre 1983, dopo essersi accorto della presenza di missili balistici provenienti dagli Stati Uniti, decise di non rispettare gli ordini dei suoi superiori salvando il mondo da una catastrofe. Le telecamere di Voyager, poi, mostreranno le 25 km di gallerie nella miniera di Realmonte, in Sicilia, una delle più grandi d’Europa.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori