LO STATO SOCIALE DUETTO PICCOLO CORO DELL’ANTONIANO E PAOLO ROSSI / Il primato su iTunes (Sanremo 2018)

- La Redazione

Lo Stato Sociale ha cantato “Una vita in vacanza” con il Piccolo Coro dell’Antoniano e Paolo Rossi nella quarta serata del Festival di Sanremo 201: oggi il primato su iTunes.

Lo_Stato_Sociale_Sanremo_2018
Lo Stato Sociale

La mattinata di oggi si apre con una bella sorpresa per Lo Stato sociale e tutti i loro fan. La band bolognese, che ieri al Festival di Sanremo 2018 è stata applauditissima grazie al duetto con il Coro dell’Antoniano e Paolo Rossi, questa mattina ha conquistato il primo posto su iTunes. Ha così superato Ermal Meta e Fabrizio Moro che dallo scorso martedì aveva raggiunto la vetta della classifica con la loro ‘Non mi avete fatto niente’. Il brano più divertente di questa edizione si conferma invece il sostituto di ‘Occidentali’s Karma’ e si preannuncia come uno dei più grandi successi dell’anno appena iniziato. ‘Una vita in vacanza’ piace, diverte ed è orecchiabile ma il suo incredibile successo stupisce prima di tutto proprio la band bolognese. Nel suo profilo Instagram, infatti, Lo Stato Sociale ha riportato la notizia esprimendo l’innegabile sorpresa: “Anche oggi ci avete fatto uno scherzo infame. Vita in vacanza è in questo momento il singolo più venduto e più trasmesso. Sapete proprio come mettere pressione, ma siete belli. #sanremosociale #unavitainvacanza #lostatosociale #9febbraio #primati #garrinchadischi“. Clicca qui per leggere il loro post completo. [Agg. di Dorigo Annalisa]

IL RICORDO DI ROBERTO FREAK

È stato un tripudio di applausi l’esibizione di ieri al Festival di Sanremo 2018 de Lo Stato Sociale accompagnato dal Piccolo Coro dell’Antoniano (cinquantadue bambini) e dal comico Paolo Rossi. Cinquantotto persone in tutto, se consideriamo anche i componenti della band bolognese, e che sostituiscono per un giorno la protagonista delle due precedenti esibizioni ovvero la ballerina Paddy Jones. Un botta e risposta tra Lodo e Paolo Rossi, interrotto proprio dal coro che, per ovvie motivazioni, sostituisce la parolaccia “non rompete i c…” con “nessuno che buca i palloni”. Un’esibizione imperdibile segnata anche dall’omaggio ad un altro bolognese ovvero Roberto Freak Antoni degli Skiantos, grazie all’uso del cartello mostrato da Paolo Conti con la scritta ‘Ovazione’. Se Lo Stato Sociale era uno dei concorrenti più graditi fin dalla prima puntata, quanto visto ieri sera ha rinnovato l’interesse del pubblico, tanto che Lodo alla fine dell’esibizione ha ammesso: “I bambini piacciono a tutti, come Alberto Angela e Gianni Morandi…” (Agg. di Dorigo Annalisa)

L’AUTOCENSURA DEL CORO

Tra le esibizioni più toccanti della quarta serata al Festival di Sanremo, quella dei duetti, c’è sicuramente Lo Stato Sociale che canta la sua ”Una vita in vacanza” insieme al Piccolo Coro dell’Antoniano e a Paolo Rossi. Sicuramente è stato apprezzato un bel gesto da parte del gruppo che si è esibito insieme a dei bambini sul palco del Teatro Ariston e ha deciso di edulcorare la propria canzone, togliendo la parolaccia che era presente nel titolo originale. E’ così che ”nessuno rompe i c…” è diventato ”nessuno che buca i palloni”. E’ stata questione di tatto, ma sicuramente non ce lo si aspettava e anche il pubblico è rimasto stupito durante l’esecuzione quando ha sentito che c’era qualcosa di diverso. Una situazione molto interessante che ha portato il pubblico sui social network a spendere ancora parole importanti proprio per Lo Stato Sociale che il suo Festival di Sanremo l’ha già vinto in attesa di vedere come si posizionerà alla fine. (agg. di Matteo Fantozzi)

ESIBIZIONE SENZA LA VECCHIA!

Lo Stato Sociale questa sera sale sul palcoscenico dell’Ariston assieme al Piccolo Coro dell’Antoniano e a Paolo Rossi. Un Trio davvero originale così come originale è la band con la sua canzone. Anche se c’è chi ha notato subito l’assenza della grande protagonista: la “vecchia che balla”. Ed è così che sul web si chiedono “Che teneri i bimbi!!! E la vecchia si riposa per il rush finale di domani??”. Sicuramente Paddy Jones tornerà sul palco domani, ma non mancano complimenti per l’esibizione di questa sera de Lo Stato Sociale. “Davvero forti, la versione di stasera è stata spettacolo puro!” e ancora “No dai. Geni. Per chi apprezza il genere, geni puri. Mi professo groupie, lo so o li ami o li odi e io rientro pienamente nel primo gruppo!” e “Per me potete anche vincere portate allegria e voglia di saltare e ballare Grandi!” (Aggiornamento di Anna Montesano)

LA LORO PRIMA PARTECIPAZIONE AL FESTIVAL

Lo Stato Sociale col Piccolo Coro dell’Antoniano e Paolo Rossi, uno dei duetti più attesi della quarta serata del Festival di Sanremo 2018. Intervenuti a La Vita in Diretta, i membri della band hanno commentato: “Volevamo rappresentare lo scontro generazionale: ieri l’anziana signora che balla, oggi i bambini, e noi trentenni siamo la via di mezzo. Ballerina e Coro insieme domani sera? Sarebbe molto bello ma non possiamo, l’ospite è solo questa sera”. Prosegue Lo Stato Sociale, parlando della prima partecipazione all’Ariston: “Volevamo portare le nostre idee a un pubblico più ampio e vedere cosa avesse pensato. Sembra stia piacendo e siamo contenti, siamo già felici così. Vittoria? No, no, no: lo vince qualcun altro (ride, ndr). Non sappiamo ancora l’ora precisa, ma abbiamo i permessi fino alle 23.00”. Infine una battuta sulla parolaccia presente nel testo, non adatta da cantare per il Coro dell’Antoniano: “Parolaccia? Era già stata tolta quando abbiamo pensato di invitare loro. Abbiamo scritto una cosa che rappresenta lo stesso concetto ma adatto ai bambini”. (Agg. Massimo Balsamo)

UN ENSEMBLE INEDITO

Tra i cantanti in gara al Festival di Sanremo che sono riusciti a posizionarsi nella parte alta della classifica troviamo Lo Stato Sociale. Il gruppo originario di Bologna, nato nel 2009 e composta da 3 dj, nella terza serata del Festival si cimenterà in un’inedita esibizione assieme al Piccolo Coro dell’Antoniano e all’attore comico Paolo Rossi. Un connubio musicale curioso che riserverà non poche sorprese e che proporrà una versione del tutto rivoluzionata del brano Una vita in vacanza, ovvero la canzone che il gruppo bolognese ha presentato in gara. Lo strano “ensemble” ha ben poco in comune da un punto di vista musicale: le musicalità indie de Lo Stato Sociale si incroceranno con le voci celestiale dei bambini del Piccolo Coro dell’Antoniano e alla voce calda e profonda di Paolo Rossi, offrendo così al pubblico una versione completamente rivisitata di Una vita in vacanza.

LA COREOGRAFIA SUL PALCO

Dopo la prima serata del Festival, Lo Stato Sociale ha decisamente sorpreso pubblico e addetti ai lavori, piazzandosi nella prima parte della classica, quella contrassegnato con il colore blu e contenente i sette cantanti preferiti della giuria demoscopica. Le performance offerte dal gruppo bolognese hanno anche potuto contare sullo straordinario effetto sorpreso rappresentato dalla presenza di una signora sprint che si è esibita in un fantastico rock acrobatico nel finale dell’esibizione. Una trovata che ha piacevolmente sorpreso e intrattenuto il pubblico. La collaborazione con Il Piccolo Coro dell’Antoniano e Paolo Rossi non potrà far altro che accrescere il valore musicale e artistico della band agli occhi del pubblico a casa. L’enorme sensibilità artistica dei tre componenti del trio renderà il brano de Lo Stato Sociale ancora più intimo e suggestivo.

DALLO ZECCHINO D’ORO A SANREMO 2018

Il Piccolo Coro dell’Antoniano è stato recentemente protagonista dell’ultima edizione dello Zecchino d’Oro, la competizione canora andata in onda su Rai Uno dal 18 novembre al 9 dicembre 2017. Anche nella passata edizione del Festival di San Remo il noto coro fondato nel 1963 da Mariele Ventre ha calcato le scene del palco dell’Ariston nel corso della terza serata della kermesse sanremese, esibendosi in alcuni dei più grandi successo dello Zecchino d’Oro come Volevo un gatto nero e Il valzer del moscerino. Paolo Rossi è invece un noto attore comico e cantautore italiano che nel 2017 è apparso nel film Poveri ma ricchissimi nel ruolo di Libero.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori