Striscia la Notizia/ Stefania Petyx e il Ponte Corleone e Luca Abete e i rifiuti a Castel Volturno

- Elisa Porcelluzzi

Questa sera, giovedì 1 marzo, alle 20,40 su Canale 5 va in onda una nuova puntata di Striscia la notizia, condotto da Ficarra e Picone. In studio anche le veline.

ghione_rolando_manfredini_striscia_2018
L'inchiesta di Jimmy Ghione

Nella puntata di questa sera di Striscia la Notizia, sono andati in onda i nuovi servizi firmati da Stefania Petyx e da Luca Abete. L’inviata e il suo inconfondibile bassotto, in quest’occasione, si sono recati a Palermo per parlare del Ponte Corleone, un ponte molto trafficato perché chiunque voglia andare a Catania, Messina o Ragusa, deve transitare lì. Le condizioni del Ponte Corleone sono pessime e il problema, grazie ad una perizia, è noto da ben 12 anni. I bandi per quanto riguarda il progetto di una doppia carreggiata, però, non sono ancora partiti. Luca Abete, invece, si è recato a Castel Volturno per parlare del problema dello smaltimento dei rifiuti speciali. Con un camioncino e un frigorifero da buttare, l’inviato di Striscia la Notizia ha dimostrato che liberarsi di rifiuti speciali a Castel Volturno è una prassi consolidata per gli abitanti del posto che hanno fornito consigli senza alcun problema. Per questo servizio, Luca Abete si è inventato praticamente un format nel format dal titolo Stasera Lo Butto. (Aggiornamento di Fabio Morasca)

JIMMY GHIONE E GLI INSETTICIDI DI AMAZON

Stasera a Striscia la notizia va in onda un’inchiesta di Jimmy Ghione sulla facilità con cui è possibile reperire su Amazon insetticidi che in Italia non si potrebbero comprare. Questi prodotti, utilizzati per usi professionali in agricoltura, nel nostro Paese possono essere acquistati solo in possesso di un’autorizzazione, perché un uso improprio potrebbe essere pericoloso per la salute e per l’ambiente. L’inviato di Striscia e Rolando Manfredini, responsabile sicurezza alimentare Coldiretti, entrambi sprovvisti della suddetta autorizzazione, hanno acquistato senza problemi uno di questi insetticidi su Amazon. Il prodotto è arrivato in pochi giorni dalla Spagna. Inoltre, l’insetticida acquistato con tanta facilità, va contro un’altra legge italiana, che prescrive: «Il prodotto, una volta autorizzato, può essere immesso in commercio con un’etichetta autorizzata dal Ministero della Salute e obbligatoriamente redatta in lingua italiana». Peccato che sull’etichetta del prodotto acquistato su Amazon non ci sia una sola parola in italiano.

Il successo di Striscia la Notizia

Questa sera, giovedì 1 marzo, alle 20,40 su Canale 5 torna Striscia la notizia, condotto da Ficarra e Picone. Ieri il tg satirico di Antonio Ricci ha registrato una media di 5.814.000 spettatori con uno share del 20.5%. Un ottimo risultato favorito anche dall’assenza de I soliti ignoti su Rai 1 per lasciare spazio alla diretta. Oggi nello studio di Canale 5, oltre ai due comici siciliani, ritroveremo le veline, Shaila Gatta e Mikaele Neaze Silva, che verranno affiancata dal Gabibbo sulle note della sigla finale. In questi giorni il tg satirico sta destando molto attenzione per la sua “indagine” sull’Isola dei Famosi. Il pubblico da casa apprezza il lavoro di Striscia: “Grazie a striscia che non prende in giro gli spettatori. Al contrario di tutta la produzione Magnolia, Marcuzzi, Mara Venier e quel pupazzo di Bossari che non hanno mai avuto rispetto x il pubblico da casa. #Striscialanotizia #isola”, ha scritto un utente su Twitter.

L’appello del “buon Fabio”

Ricordate il “Buon Fabio” di Striscia la Notizia? Fabio De Nunzio, è questo il vero nome dell’inviato, per anni ha fatto coppia con Mingo in servizi locali per smascherare presunti truffatori. Oggi Mingo è accusato di truffa ai danni di Mediaset  per essersi fatto pagato 10 servizi relativi a fatti puramente inventati, per una somma di 170mila euro. Appurata l’estraneità del buon Fabio dalla truffa del collega, nei giorni scorsi l’ex inviato di Striscia ha lanciato un appello ad Antonio Ricci tramite le pagine Nuovo tv: “Ricci aiutami, voglio tornare in televisione. Sono stato 18 anni a Striscia e trovarsi fuori non è bello. Ora sogno L’Isola… almeno per dimagrire”. Il “Buon Fabio” ha ottenuto un ottimo riscontro con la collana di libri “Sotto il segno della Bilancia”, dove ha raccontato il forte e deleterio legame tra alimentazione e bullismo, ricevendo anche alcuni premi letterari.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori