Sinisa Mihajlovic e il fidanzato della figlia Viktorija/ Video scherzo Iene: “Ora gli spacco la testa…”

- Silvana Palazzo

Sinisa Mihajlovic e il fidanzato della figlia Viktorija: video scherzo Iene. “Ora gli spacco la testa…”, dice l’ex allenatore di Torino e Milan alla moglie quando conosce il finto genero

mihajlovic_2018_iene
Sinisa Mihajlovic e lo scherzo de Le Iene

Un pessimo genero per Mihajlovic? È mister Sinisa la vittima del nuovo scherzo de Le Iene. Stefano Corti e Alessandro Onnis hanno messo a dura prova la pazienza dell’allenatore, ma non direttamente. Hanno “sguinzagliato” un ragazzo, Loris, che ha finto di essere il nuovo fidanzato di sua figlia. «Ho voglia di dargli uno schiaffone. Lo prendo per il naso e gli spacco la testa», le prime reazioni dell’ex allenatore di Milan e Torino dopo aver conosciuto quello che ritiene essere suo genero. Del resto con il ritardo di 50 minuti a cena non si è presentato nel migliore dei modi… E non va meglio neppure quando comincia a chiamarlo di continuo “papi”. La situazione rischia di precipitare quando il finto fidanzato comincia a cantare: “Vicky sei la mia zingarella…”. Mihajlovic non la prende bene neppure quando arrivano degli amici del ragazzo. A quel punto Sinisa capisce di essere arrivato al limite, quindi intervengono le due Iene a riportare la calma. «Guarda, ancora sto tremando. Se restavo, menavo qualcuno».

CLICCA QUI PER VEDERE IL SERVIZIO DE LE IENE

SINISA MIHAJLOVIC A LE IENE: DAL DIARIO DI ANNA FRANK ALLO SCHERZO

Non è la prima volta che Sinisa Mihajlovic viene preso di mira da Le Iene, ma stavolta per uno scherzo. Tempo fa invece Stefano Corti e Alessandro Onnis gli consegnarono il “Diario” di Anna Frank, libro che il tecnico dichiarò di non aver mai letto. «Anna Frank? Non conosco questa storia, questa mattina non ho letto i giornali… Sono un po’ ignorante da questo punto di vista…», aveva dichiarato Mihajlovic, all’epoca dei fatti allenatore del Torino. Così intervenne sulla bufera scoppiata per il gesto di una frangia di tifosi laziali che affisse sulla curva sud dello stadio Olimpico immagini della giovane vittima-simbolo della Shoah con la maglia della Roma. «Io sono contro ogni tipo di razzismo. Non avendo letto il “Diario” di Anna Frank e non avendo saputo cosa fosse successo la sera prima, ho preferito non parlare dell’argomento. A noi a scuola insegnavano di Ivo Andric, premio Nobel per la letteratura dell’ex Jugoslavia», la spiegazione di Mihajlovic.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori