HITMAN – L’ASSASSINO/ Su Italia 1 il film con Olga Kurylenko (oggi, 2 marzo 2018)

- Cinzia Costa

Hitman – L’Assassino, il film in onda su Italia 1 oggi, venerdì 2 marzo 2018. Nel cast: Timothy Olyphant e Dougray Scott, alla regia Xavier Gens. La trama del film nel dettaglio.

hitman_lassassino_film
Il film in seconda serata su Italia 1

NEL CAST TIMOTHY OLYPHANT

Questa sera, venerdì 2 marzo, alle ore 23.20 sulle frequenze digitali di Italia 1, viene mandata in onda la pellicola datata 2007 Hitman – L’Assassino. Da una co-produzione franco-americana è nata in quegli anni l’idea di portare su grande schermo, così come avvenne per ‘Tomb Raider’ o ‘Sin City’, un famoso videogame da consolle, amato da giovani e meno giovani, in cui azione e cultura del sospetto sono alle basi della suspense. Diretto dal regista francese Xavier Gens, giovane e con soli tre film all’attivo (la maturità deve ancora arrivare), concediamo a Gens il tempo della maturazione artistica e professionale. Comunque la prova di regia espressa in Hitman – L’Assassino è di buon livello, il cast gira per un film che è ciò che dev’essere, un blockbuster action e poco altro. Tra gli attori, il ruolo del protagonista, l’agente 47, è interpretato dall’ottimo Timothy Olyphant, per il pubblico conosciuto in alcuni buoni lungometraggi come ‘Il Club Delle Prime Mogli’, ‘Scream 2’ diretto da Wes Craven, ‘La Ragazza Della Porta Accanto’. Al suo fianco il britannico Dougray Scott, molti film soprattutto nell’ambito dell’action-movie e tante serie Tv in diversi ruoli, guest, apparizioni, oppure in serie intere. Il ruolo della torbida femme fatale Nika Boronina è invece affidato alla bella attrice e modella ucraina Olga Kurylenko, anche per lei tanti film, da ricordare in particolare ‘Quantum Of Solace’ accanto a Daniel Craig nel ruolo di Bond-girl di turno. Ma ecco nel dettaglio la trama del film.

HITMAN – L’ASSASSINO, LA TRAMA DEL FILM

Freddo, spietato e risolutore, l’agente 47 è una modificazione genetica di genomi umani sintetizzati in laboratorio, modificati per amplificare i geni responsabili del controllo dei nervi, un vero tipo tosto dal sangue freddo, addestrato per non conoscere pietà e sentimenti se non gli incarichi a lui affidati in qualità di assassino mercenario. Solitamente predatore, i ruoli s’invertono durante un colpo di stato in Russia, un classico golpe di matrice politico in cui spie, servizi segreti deviati o fedeli alla causa, spie corrotte e corruttibili, agenti travestiti e donne di seduzione compongono il quadro di una classica spy-story in questo caso di alto coefficiente emotivo e sinergico. L’agente 47 si troverà quindi ricercato sia dall’interpol che dai servizi segreti russi, dall’esercito comandato dal Cremlino e da altri mercenari come lui e la fuga sarà per lui l’unica possibilità di vita. Ma durante la fuga, l’agente 47 inizierà a dipanare la matassa intricata, eliminare i nemici certi, cercare di capire chi l’ha voluto al centro di mille mirini pronti a infilargli una o più pallottole nel sottocute e l’unica persona di cui potrà in parte fidarsi è proprio la bella Nika Boronina, seduttrice e dal doppio volto, misteriosa eppure unica isola in un oceano di guai. Riuscirà l’agente 47 a salvare la pelle, compiere la sua missione di auto-difesa, scoprire i tranelli ed eliminare i nemici? Ma soprattutto, riuscirà nell’impresa quasi impossibile a resistere all’alto potere seduttivo della conturbante Nika?



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori