Akash Kumar/ Ammette la falsa identità e si scusa, Mariotto è l’unico a difenderlo (Ballando con le stelle)

- Fabiola Iuliano

A Ballando con le stelle, Akash Kumar si rivela un bugiardo. Selvaggia Lucarelli lo attacca, mentre l’unico giudice a difenderlo è Guillermo Mariotto: “Non ha di certo ucciso nessuno”.

akash_kumar_ballando_con_le_stelle
Akash Kumar e Veera Kinnunen

Continua a fare molto rumore la polemica attorno ad Akash Kumar, che a Ballando con le Stelle 2018 ha voluto chiedere scusa per la questione legata alle sue tante identità. Il ragazzo ha fatto un bagno di umiltà e in sua difesa l’unico che è sceso in campo è Guillermo Mariotto. Il giudice del programma condotto da Milly Carlucci ha voluto sottolineare: “Akash Kumar non ha di certo ucciso nessuno. E poi siamo a una gara di ballo e lui balla veramente da Dio“. Mariotto giustamente cerca di portare l’attenzione sulla gara del programma della Rai, smettendo di pensare a questioni extra Ballando con le Stelle, che però fanno di certo più rumore di una bella esibizione. Ora toccherà al ragazzo voltare pagina e cercare di riconquistare tutti compresa Selvaggia Lucarelli con la quale ha avuto più di qualche problema. E’ di certo un momento interessante della trasmissione che entra nel vivo e Akash Kumar non può pensare assolutamente ad altro che alla pista da ballo. (agg. di Matteo Fantozzi)

LUCARELLI: “LA VERITÀ ESCE FUORI IN TV”

Akash Kumar voleva evidentemente fare il “furbetto” e dopo avere cambiato identità, sperava di farla franca. Ieri però, durante Ballando con le stelle ha finalmente capito che fosse arrivato il momento di chiedere scusa. Una clip mandata in onda prima dell’esibizione, vede la Lucarelli citata più volte e così riapre la questione anche in onda: “Visto che sono stata citata più volte nella clip…” ma lui taglia corto: “Sono molto diretto, ho sbagliato e volevo già chiedere scusa a te, è un mio passato brutto”. Milly spiega l’accaduto ma nemmeno lei è molto felice: “Noi abbiamo letto queste cose…” Selvaggia prosegue: “Ho chiesto, ho visto delle pagine Instagram con dei nomi diversi, mi son chiesta perché? Ma io mi chiedo perché pensare che nel 2018 la verità non esca fuori, in tv?”. “La verità la dico, devo chiedere scusa a Milly, sono stato gestito male, farsi accettare come ragazzo straniero e soprattutto a Verona che son tutti della destra…” spiega lui che, dopo lo scivolone razzista cerca di riprendersi: “Un ex agente mi diceva che Akash Kumar non funzionava perché era un nome indiano… Io avevo bisogno di soldi, denaro e l’ho fatto. Qua sono arrivato con la mia vera identità”. La Carlucci ha successivamente voluto precisare tutti i punti della spinosa questione: “A noi non importa che lui abbia un nome d’arte. Ma ne abbiamo già parlato con lui, non è un problema verso me o la produzione. Perché non l’hai detto a me? Avrei semplicemente gestito la cosa, bastava metterlo in una piccola clip”. (Aggiornamento di Valentina Gambino)

LO SCIVOLONE RAZZISTA

Ieri Akash Kumar dopo aver finito di ballare durante la terza puntata di Ballando con le stelle 2018, ha chiesto scusa alla Carlucci per le storie emerse durante la settimana in riferimento alle sue “tante identità”. In settimana – ha esordito la Carlucci per i telespettatori da casa – sono apparse sul web notizie che dicono: Non si chiama Akash, quindi è tutta una finzione”. Selvaggia Lucarelli ha rincarato la dose e lui si è scusato con il rischio di fare uno scivolone parecchio più grande: “Chiedo scusa. Ho sbagliato. Sono stato gestito male. Mi hanno consigliato di usare un altro nome d’arte. Essere un ragazzo straniero e farsi accettare dagli italiani, soprattutto a Verona ché sono tutti di destra…”. La Carlucci lo ha interrotto: “Rischi di dire cose di cui non pesi il danno”. “Sono stato gestito male”, ha replicato ancora. “Che lui avesse un nome d’arte – ha così chiarito la Carlucci – non me ne importa niente. Il problema non è verso di me o versa questa Produzione, ma verso il pubblico a casa”. Selvaggia Lucarelli però, ha posto l’accento su altri aspetti: “Forse invece non lo hai detto che hai fatto altri programmi perché era importante. Non fare il furbo”. Tornando allo scivolone razzista, proprio Roberta Bruzzone gliel’ha fatto notare: “Agli italiani non piacciono i bugiardi”. In ultimo, Fabio Canino ha concluso: “In altri programmi ti avrebbero messo alla gogna senza avvisarti”. (Aggiornamento di Valentina Gambino)

AKASH SI CONFIDA

Akash si confida con Veera: “Temo il giudizio di Selvaggia Lucarelli. Le sue sono sempre critiche, non entra mai nel merito del ballo”. Lucarelli, da parte sua, manifesta l’intento di “detronizzarlo”. “Voglio far emergere la verità. E’ un personaggio un po’ stereotipato”. Faccia a faccia tra loro. Lei: “Non sono mica un cerbero”. Lui: “Ti chiedo scusa”. La sua storia è alquanto complessa: “Akash non è davvero Akash”. Poi spiega: “E’ stato difficile farmi accettare. Sono indiano, e ho pensato fosse meglio nascondere le mie origini: temevo il razzismo”. Quanto ai suoi trascorsi televisivi, Akash preferisce sorvolare. “Non sono venuto qua per guadagnare. Grazie a Dio sono un modello di Armani; non ho bisogno di soldi”. Messo alle strette, minaccia di andarsene. “E’ stato il tuo agente?”. E lui: “Non voglio fare nomi”. [agg. di Rossella Pastore]

LA COPPIA

La classifica della seconda puntata di Ballando con le stelle ha visto Akash Kumar e Veera Kinnunen gareggiare in un Freestyle lento sulle note di “Chandelier”. Il loro ballo, però, non ha convinto del tutto il parere dei quattro giurati in sala, che hanno riservato al duo di concorrenti un risultato di soli 30 punti. Per loro, di conseguenza, un settimo posto in classifica, ben distante dalle preziosissime vette riservate, nel corso della serata, ai concorrenti più talentuosi. A stroncare la loro performance è stato in particolare Ivan Zazzaroni, che pur apprezzando le movenze della coppia, ha paragonato il loro Freestyle lento alla “trippa alle due di notte”; pareri pieni di entusiasmo sono però arrivati con le parole di Carolyn Smith, che con un pizzico di competenza in più ha scelto di non bocciare del tutto la loro coreografia: “Mi è piaciuto tantissimo, c’è ancora qualcosa da sciogliere, ma ho trovato molto belli i sollevamenti”. Il concorrente dovrà quindi lavorare sulle incertezze nei passi e su quelle piccole pecche nei suoi movimenti, con la speranza di conquistare, nella terza puntata di stasera, un posto nell’olimpo dei migliori. Se vi siete persi il video della sua esibizione, potete rivederlo su Rai Play cliccando a questo link.

LA POLEMICA CON SELVAGGIA LUCARELLI

La seconda esibizione di Akash Kumar in coppia con Veera Kinnunen è stata completamente bocciata da Selvaggia Lucarelli, che con il piglio che da sempre la contraddistingue ha accusato il concorrente di non aver fatto tesoro dei preziosi consigli ricevuti dalla sua coach. La giurata, che ha trovato la performance del tutto deludente, ne ha approfittato inoltre per bacchettare i suoi compagni di giuria, accusati di essere stati eccessivamente severi con Amedeo Minghi e clementi, invece, con Akash Kumar. Nelle sue parole, anche una piccola polemica legata al nome del occorrente, che a causa del suo primo nome d’arte (Pablo Andreis Romeo) è stato ironicamente accusato di avere più nomi di Igor il russo. “Milly credo che abbia la mia carta di identità, del comune di Verona, c’è scritto Akash Kumar quindi sono solo chiacchiere e lascio chiacchierare”, ha ammesso in maniera polemica il concorrente, il tutto mentre Selvaggia Lucarelli, determinata a portare avanti la sua battaglia, gli ha chiesto di trovare una personalità ben definita.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori