CRISTINA SCABBIA/ “Cerco concorrenti con la passione vera” (The Voice of Italy)

- Francesca Pasquale

La coach del talent di Rai Due e frontman dei Lacuna Coil, Cristina Scabbia, presenta l’identikit del perfetto concorrente di cui è alla ricerca. L’importanza della passione.

the_voice_italy_fb_2018
The Voice of Italy 2018

Tra poche ore ha inizio su Rai 2 la seconda puntata del talent musicale The Voice of Italy. Una edizione che ha portato diverse novità partendo proprio da Cristina Scabbia, coach proveniente dal mondo del hard metal che sta progressivamente conquistando il pubblico televisivo con la propria competenza e simpatia. In effetti, per il pubblico italiano, prima della partenza del programma, Cristina Scabbia era quasi una perfetta sconosciuta. Erano in pochi a conoscere la frontman dei Lacuna Coil, una band particolarmente apprezzata all’estero come del resto dimostra il grande seguito che ha sui social. In una recente intervista rilasciata alla celebre rivista musicale Rolling Stone, la Scabbia ha parlato proprio di questo evidenziando la certezza che il pubblico imparerà a conoscerla piano piano: “Mi conosceranno pian piano. Non sono abituata a sgomitare e non ho intenzione di primeggiare sui miei colleghi già famosi. Ho una personalità definita, ma non voglio propormi per qualcosa che non sono per avere appeal sulla casalinga di Voghera. Ci saranno persone che mi apprezzeranno e altri che non gliene potrà frega’ de meno perché preferiscono gli altri coach”.

CRISTINA SCABBIA, “ECCO COSA CERCO IN UN CONCORRENTE”

Cristina Scabbia, frontman dei Lacuna Coil e coach di The Voice, ha intenzione di allestire una squadra composta da concorrenti che sappiano fare bene determinate cose e che soprattutto siano consci di non potersi aspettare un immediato successo praticamente a livello mondiale. Ecco quanto rivelato a Rolling Stone parlando dei concorrenti che andranno a comporre la sua squadra. “È un po’ un terno al lotto. Non li vediamo e un personaggio completo ha un look, una presenza, una performance. Vorrei qualcuno che sappia fare molto bene anche una sola cosa. Ai ragazzi che faranno parte della mia squadra voglio chiarire che questo è un inizio, non devono aspettarsi un successo planetario. È un mattoncino che devono piantare bene per costruire una casa. Non devono cercare il successo, ma una passione, se veramente ce l’hanno. Cerco qualcuno che ami cantare e voglia fare qualcosa per bene”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori