Andrea Cardella, figlio adottivo di Carlo e Marina Ripa di Meana/ Dettagli inediti della coppia a Pomeriggio 5

- Emanuela Longo

Andrea Cardella, figlio adottivo di Carlo e Marina Ripa di Meana: ospite di Pomeriggio 5 per la prima volta dopo la morte dell’onorevole, racconta lati inediti della coppia.

andrea_cardella_domenica_live
Andrea Cardella

Andrea Cardella, il figlio adottivo di Carlo e Marina Ripa di Meana, torna a raccontarsi da Barbara d’Urso, nella nuova puntata odierna di Pomeriggio 5. L’uomo, intervenuto già in collegamento con Domenica Live la passata settimana, racconterà alcuni retroscena in esclusiva alla trasmissione pomeridiana di Canale 5. Proprio lui, infatti, ha vissuto da vicino gli ultimi giorni prima di Marina Ripa di Meana e poi dell’amato marito scomparso lo scorso 2 marzo a due mesi esatti dalla morte della moglie. I due coniugi, di fatto, se ne sono andati via insieme poiché dopo la scomparsa della donna, anche il marito aveva perso totalmente la voglia di vivere, lasciandosi andare fino a spegnersi del tutto. Era un affetto sincero quello che univa Andrea ai suoi genitori adottivi con i quali ha condiviso un pezzo importante della sua vita. Dal 2010, l’uomo è stato legalmente adottato dal politico e ambientalista toscano ed oggi tornerà a raccontare alcuni aneddoti importanti sulla coppia che lo ha realmente trattato come un figlio. Prima della sua morte, Marina gli aveva strappato la promessa di occuparsi di papà Carlo, e Cardella sembra proprio averla rispettata fino in fondo.

ANDREA CARDELLA: “ECCO IL CRUCCIO DI CARLO RIPA DI MEANA”

Andrea Cardella racconterà con estremo affetto, per la prima volta nello studio di Pomeriggio 5 dopo la morte di Carlo Ripa di Meana alcune cose segrete mai svelate prima relative a Marina ma anche alcuni dettagli tenerissimi della coppia ed aspetti inediti. Di recente, intervistato dal settimanale Oggi aveva rivelato: “L’onorevole (così chiamata il padre adottivo Carlo, ndR) ha trascorso le settimane lacerato da un grande cruccio. “Come ho fatto a non capire che Marina stava così male?”, ripeteva. “Marina non voleva che lei sapesse, che lei soffrisse”, gli spiegavo”. Dopo la scomparsa di Marina, Cardella sperava di avere più tempo da trascorrere con papà Carlo. “Lo spronavo: “Onorevole, si rimetta presto e ritorni a casa: ho bisogno del suo aiuto per organizzare il trasloco””, gli diceva. Dopo la scomparsa della moglie, infatti, si era deciso a trasferirsi in un appartamento più piccolo ma molto luminoso nel quartiere Trieste. “Era speranzoso e non vedeva l’ora di iniziare questo nuovo capitolo della sua vita, il capitolo di padre e figlio. Ma con Marina sempre nel cuore e nella mente”, aveva aggiunto Andrea. Poi però, il tempo gli è stato tiranno e dopo poco ha raggiunto in cielo la sua amata Marina.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori