Lorenzo Crespi lascia Twitter / “È inutile stare sui social, è un continuo massacro ogni volta che apro bocca”

- Anna Montesano

Lorenzo Crespi lascia Twitter dopo la pioggia di critiche e insulti per i messaggio scritto contro Jonathan Kashanian. “È un continuo massacro”

lorenzo_crespi_2_domenica_live
Lorenzo Crespi, in una recente ospitata in tv (Archivio)

Lorenzo Crespi lascia Twitter. Una decisione che arriva in seguito alle polemiche sorte per alcuni cinguettii offensivi nei confronti di Jonathan Kashanian, concorrente dell’Isola dei Famosi 2018. Tweet offensivi che Crespi ha però dichiarato non essere stati scritti da lui, bensì da un hacker che si sarebbe impossessato del suo profilo. Chiarimento che, tuttavia, non ha convinto tutti. Anzi, in molti credono la sua spiegazione una bugia, ed è per questo che piovono critiche verso l’attore, negli ultimi tempi sempre più spesso al centro del gossip per le grosse difficoltà palesate. Da qui la decisione di lasciare Twitter, annunciata attraverso un ultimo messaggio. “Ormai la macchina del fango dei social si è abbattuta su di me. Chissà come mai” esordisce.

LO SFOGO DI LORENZO CRESPI SU TWITTER

Lorenzo Crespi continua: “Quando si toccano certi poteri succede di tutto nei telefoni e nei pc delle persone. Ma non fa nulla la cosa non mi tocca più, ormai leggo di tutto. – e continua – Sto morendo, sono povero, disperato, minaccio, pietà. Ma vi ringrazio. fortuna che ci siete voi che con la spazzatura che scrivete tenete il mio nome in vita costantemente anche se non lavoro. Grazie di cuore. Continuate pure se vi rende felici e se soprattutto siete pagati per questo. È inutile stare sui social, è un continuo massacro ogni volta che apro bocca pure per dire buongiorno. Salute, casa e lavoro sono le uniche cose che mi interessano. Da questo momento in poi credo che manterrò la promessa di chiudere Twitter e mi tengo soltanto Instagram, almeno quello fino ad oggi e pulito. Che strano,troppo stress non va bene, soprattutto a me. Chi mi vuole seguire venga lì”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori