Emilio Fede rifatto? Irriconoscibile a Non è l’Arena/ La replica: “La prendo con umorismo, ma voglio chiarire”

- Niccolò Magnani

Emilio Fede torna in tv ospite a Non è l’Arena di Massimo Giletti ma il suo volto è decisamente cambiato: merito (o colpa) della chirurgia estetica? Esplode l’ironia sul web.

emilio_fede_processo_ruby_lapresse_2018
Emilio Fede, imputato nel processo Ruby bis (LaPresse)

In seguito alla sua chiacchieratissima ospitata a “Non è l’arena” di Massimo Giletti, Emilio Fede è stato raggiunto da ilfattoquotidiano.it dove ha potuto rispondere alle tante domande su quei lineamenti che in queste ultime ore continuano a tenere banco sui social. “La prendo con umorismo, ma voglio chiarire che non mi sono mai rifatto”, ha dichiarato senza mezzi termini l’ex direttore del Tg4, “Quando sono andato ospite da Giletti a parlare di politica, qualcuno ha fatto una foto al televisore col un’inquadratura con grandangolo ed è diventata virale”. Di fronte quelle immagini che lo vorrebbero deformato, Emilio Fede quindi non ci sta e dà la colpa a chi, da casa, ha trovato il modo di prenderlo in giro: “Chi è pratico di televisione o cinema lo sa: quando ti inquadrano da vicino, ti ingrandisci”, di conseguenza, continua il giornalista, “dalla foto che gira sui social sembra che io abbia due pomodori in faccia, una da una parte e una dall’altra, ma così non è”. A conferma delle sue parole, anche i commenti di chi, nelle ultime ore, ha avuto la possibilità di incrociarlo: “Questa vicenda mi ha travolto. Stamattina ero in treno e tutti continuavano a dirmi “ma non si è rifatto”, senza nascondere di aver fatto ricorso al bisturi soltanto per eliminare le antiestetiche macchie solari “causate dai miei otto anni passati in Africa come inviato”. (Agg. di Fabiola Iuliano)

“TROPPO BOTULINO”, MA È DAVVERO COLPA DELLA CHIRURGIA?

Emilio Fede non si vedeva da un po’ in tv, poi il ritorno grazie all’invito di Non è l’Arena di Massimo Giletti. Il ritorno del giornalista è stato però accompagnato da molte polemiche sui social a causa del suo aspetto. L’86enne ex direttore del Tg4 è apparso molto diverso dal solito: mentre su La7 ripercorreva le tappe più importanti della sua carriera, raccontava i celebri errori dei suoi collaboratori e gli incontri passati alla storia, sui social si dibatteva sul suo volto. Troppo botulino su guance e fronte per Emilio Fede? Cosa sia successo al volto del giornalista non è dato saperlo: non è chiaro infatti se si sia sottoposto ad un intervento di chirurgia estetica o se si tratti di semplici segni del tempo che passa. Del resto Emilio Fede ha cose più importanti a cui pensare: il processo a carico suo e dell’ex consigliera regionale lombarda Nicole Minetti, Ruby Ter, è stato rinviato al prossimo 16 aprile. (agg. di Silvana Palazzo)

TROPPI RITOCCHINI? “È IL DOPO PASQUETTA”, IRONIZZA IL WEB

Cosa è successo ad Emilio Fede? È questa la domanda che rimbalza in Rete e sui social dopo l’apparizione dell’ex direttore del Tg4 a Non è l’Arena di Massimo Giletti. L’ospitata ha fatto parlare più che per i contenuti espressi dal giornalista per l’aspetto dell’86enne, quasi irriconoscibile. I fermo-immagine hanno fatto il giro del web: per gli utenti Fede ha esagerato con i ritocchini dal chirurgo plastico. Il volto del giornalista è apparso più “gonfio” rispetto al solito. C’è chi lo ha paragonato a Lilli Gruber e chi invece ad Ornella Vanoni. Altri gridano al miracolo riconoscendo in lui la defunta Moira Orfei, mentre qualcuno giura sia lui il padre di Ivana Spagna. E non manca chi, ricordando quando Fede si lamentò di non arrivare a fine mese con la sua pensione da ottomila euro al mese, si dice sicuro di aver capito dove finiscano tutti quei soldi. «Gran parte della pensione finisce nelle tasche di chi, senza scrupoli, lo riduce così», scrivono su Twitter. L’ironia tira in ballo anche le festività pasquali: «È il dopo Pasquetta». (agg. di Silvana Palazzo)

DALL’IRONIA DEL WEB AL RINGRAZIAMENTO DI DI MAIO

Non si vedeva in televisione da diverso tempo e il suo ritorno non ha deluso le aspettative, suscitando discussione sul web con la tradizionale ironia che lo ha sempre contraddistinto. Emilio Fede è stato ospite di Non è l’Arena di Massimo Giletti, ma che sorpresa il suo aspetto! Per nulla invecchiato, come i telespettatori si sarebbero aspettati, il giornalista ha messo in mostra un volto gonfio con degli zigomi a dir poco pronunciati e delle labbra carnose. Impossibile non pensare ad un intervento di chirurgia estetica, anche se nel suo intervento nel programma non ha rivolto alcun riferimento a tale possibilità. Al contrario, l’ex direttore del Tg4 ha ripercorso i momenti più importanti della sua carriera, concedendo ampio spazio alla presentazione ufficiale di Rocco Casalino, poi diventato numero il numero due del Movimento Cinque Stelle. Un ruolo che lo ha reso il braccio destro di Luigi Di Maio, tanto che quest’ultimo ha inviato messaggio a Fede. Il giornalista ha infatti aggiunto l’immancabile colpo di scena: “Posso aggiungere una cosa? Mi è arrivato un messaggio di Di Maio che mi ha scritto: ‘Ti ringraziamo per Rocco Casalino'”. [Agg. di Dorigo Annalisa]

L’INTERESSE PER LA POLITICA

Nonostante nelle ultime ore si continui a parlare del suo volto e del presunto ricorso alla chirurgia estetica, l’ospitata di Emilio Fede a Non è l’Arena ha fornito anche alcuni importanti spunti che, tuttavia, sono finiti annacquati dall’ironia social: infatti, se a catalizzare attenzioni e battute è stata quella faccia tirata e così gonfia, ha avuto meno rilievo di quanto ci si aspettasse lo scoop che l’ex direttore del Tg4 ha rivelato a proposito di Rocco Casalino, responsabile della comunicazione per il Movimento 5 Stelle che lo stesso giornalista avrebbe suggerito a Luigi Di Maio. Insomma, proprio nella fase in cui i rapporti tra i pentastellati e Silvio Berlusconi (oltre al suo entourage) sono ai minimi storici, Fede rivela come l’ascesa dell’ex “gieffino” Casalino a portavoce dei grillini (ruolo nel quale peraltro, nonostante alcune ironie iniziali, ora pare destreggiarsi discretamente) sia stata una sua trovata: e l’sms di ringraziamento ricevuto da Di Maio in persona potrebbe anche mettere un po’ in imbarazzo il leader del Movimento che, non a caso, per adesso ha scelto di replicare e potrebbe continuare a tenere questa linea: il fatto che sia stato uno degli uomini-simbolo di Mediaset, l’azienda di quello che il leader grillino vede come fumo negli occhi, a suggerirgli il nome di Casalino come pr nel momento in cui il Movimento muoveva i primi passi potrebbe essere uno scivolone proprio alla vigilia delle consultazioni che a breve si apriranno al Quirinale. (agg. di R. G. Flore)

LUCA TELESE, “HAI IL RECORD DI LICENZIAMENTI”

Nel corso dell’ospitata di ieri sera nel salotto de L’Arena su La7, il ritorno in televisione di Emilio Fede è stato un vero e proprio mix di sorprese e ironia, dal momento che a tenere banco, come era prevedibile, non è stata solamente l’aneddotica di uno dei volti storici delle reti Mediaset e del “berlusconismo” ma anche l’aspetto fisico dell’ex anchorman di Rete 4: infatti, già di recente Fede aveva lanciato una sorta di grido disperato, paventando una sua prossima dipartita e facendo temere a molti per le sue condizioni di salute. Ad ogni modo, nell’intervista andata in scena nello show di Massimo Giletti pare che l’ex giornalista non se la passi tanto male e che, come malignato da alcuni utenti sui social, possa aver fatto ricorso a dei “ritocchini” estetici al volto: la sua faccia è apparsa infatti particolarmente gonfia e tirata, tanto che qualcuno ha ironizzato sul fatto che Fede assomigliasse oramai a Lilli Gruber (altro volto de La7), e in questa atmosfera pervasa da una (manco tanto) sotterranea ironia, con gli altri opinionisti in studio a punzecchiare Fede, non è passata in secondo piano la battuta di Luca Telese che lo ha accusato di avere “il record di licenziamenti in diretta”. Secondo quest’ultimo, Emilio Fede avrebbe favorito le carriere di tanti suoi colleghi a causa delle epurazioni in onda: tuttavia, l’ex direttore di Rete 4 ha risposto a Telese, giustificandosi col fatto di non aver licenziato nessuno mentre Giletti da sotto rincarava la dose: “Li ha solo ricollocati…”. (agg. di R. G. Flore)

IL VOLTO DI EMILIO FEDE SCATENA I SOCIAL

Emilio Fede è tornato in tv ieri sera ospite di Non è l’Arena con Massimo Giletti e subito i social si sono scatenati sull’ex direttore del Tg di Rete 4, sparito dalla circolazione dopo i noti guai del processo Ruby. Il giornalista però ha fatto discutere non solo per la presenza di uno dei personaggi più controversi e “particolari” della tv e del giornalismo degli ultimi 30 anni: i social si sono scatenati sul suo aspetto fisico, notando un vistoso “cambiamento” nell’espressione facciale e nei tratti del volto. «Ma cosa ha fatto alla faccia’?» scrive un utente, a cui ne risponde un altro, «Troppo botulino». E così via, la girandola di ironie e critiche per la presunta chirurgia estetica di Emilio Fede si sono sprecati: già però durante l’ultima uscita pubblica, il giorno delle nuove udienze nel processo Ruby (che lo vede tra gli imputati in uno dei tanti filoni sulle “presunte cene eleganti” ad Arcore e Palazzo Grazioli), in molti avevano notato dei decisi “cambi di espressione” del volto forse dovuti a qualche “ritocco”, misto all’età non proprio giovanissima del sempre abbronzato ex direttore del Tg4. La foto che vedete qui sopra è proprio stata scattata ad inizio marzo al Tribunale di Milano e in effetti qualche “cambiamento” lo si può osservare..

LA “RIVELAZIONE” SU DI MAIO

Durante la trasmissione da Giletti ieri sera non si è però fatto accenno ad eventuali interventi estetici, bensì si è discusso di politica e di televisione (argomenti decisamente più interessanti degli zigomi di Emilio Fede, ndr): dai fuorionda storici, ai litigi focosi fino alla rivelazione secondo cui al giornalista un tempo amico stretto di Silvio Berlusconi, «Aldo Moro aveva chiesto che fossi solo e soltanto io a seguirlo nei suoi viaggi all’estero». Non solo, Fede ha raccontato anche un retroscena curioso sull’entrata in politica di Rocco Casalino, potente capo della comunicazione del Movimento 5 Stelle: ebbene, Di Maio – secondi Emilio Fede – avrebbe scritto un sms di recente in cui ringraziava il giornalista ex Rete 4, «Ti ringraziamo per Rocco Casalino». Il motivo? Lo ha spiegato nel dettaglio a Giletti su La7: «Quell’anno Giorgio Gori volle che io entrassi (nella casa del GF, ndr) vestito da Babbo Natale nella casa, e c’era anche Rocco Casalino. Dopo un po’ di tempo lui venne da me in segreteria per chiedermi aiuto», raccontava ieri sera divertito Fede. «Direttore aiutami, non so cosa fare adesso, c’è questo Movimento che sta per nascere…», avrebbe chiesto Casalino all’allora direttore del Tg4, a cui Emilio Fede consigliò «Vai, offriti come pr, per le pubbliche relazioni e la comunicazione». Così avvenne e in effetti oggi Casalino è il n.2 del Movimento oltre che responsabile della comunicazione tra la Casaleggio Associati e la base grillina; «o lo definisco numero uno bis. È stato molto bravo, pur essendo l’addetto stampa ha saputo mantenere il riserbo totale, parlando poco e commentando poco. Il riserbo in politica paga», conclude il racconto in diretta tv, Emilio Fede.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori