FABRIZIO FRIZZI, CARLO CONTI LO RICORDA A L’EREDITÀ/ Il conduttore pronto ad esordire con La Corrida: la data

- Anna Montesano

Carlo Conti ricorda Fabrizio Frizzi in occasione della prima puntata de L’Eredità senza di lui. “Vorrei essere in qualsiasi parte del mondo escluso che in questo studio”

carlo_conti_commosso_eredita
Carlo Conti

Carlo Conti ha preso nelle sue mani la guida de L’Eredità, prendendo il posto dell’amico scomparso, Fabrizio Frizzi che nella puntata di ieri, ha omaggiato con delle commoventi parole. Al contempo, Conti si prepara anche ad esordire nella nuovissima edizione della Corrida, della quale arriva finalmente la data ufficiale. A svelarla è Tv Sorrisi e Canzoni, che svela: “Dopo aver cambiato più volte la data di inizio della nuova edizione de «La corrida» di Carlo Conti, la Rai ha confermato la data di partenza ufficiale: venerdì 13 aprile in prima serata su Rai1. – e quindi, per la programmazione di RaiUno, precisa – Di conseguenza, la prevista replica de «Il commissario Montalbano» (Il campo del vasaio), slitta a data da destinarsi.” Una nuova avventura sta quindi per iniziare per Carlo Conti. (Aggiornamento di Anna Montesano)

PRONTA LA SOSTITUZIONE

Fabrizio Frizzi era entrato nel cuore degli italiani oltre che nelle loro case così che l’unica sensazione possibile al ritorno in onda de L’Eredità è la commozione. Carlo Conti prende il timone della trasmissione per raccontare il dolore ancora una volta di tutto il mondo dello spettacolo per l’addio di un personaggio sempre così estremamente positivo. I due avevano palleggiato la trasmissione, conducendola un po’ per uno, ma ora è il momento di voltare pagina e il pubblico dimostra di saper apprezzare i valori veri. La serata commovente di oggi con Carlo Conti a L’Eredità ha portato il pubblico a intervenire in maniera massiccia sui social network per mandare l’ennesimo saluto a un grandissimo personaggio come Fabrizio Frizzi che negli anni aveva regalato emozioni e grande calore con quel suo modo discreto ed educato di fare che ha dato a molti la forza di credere in una televisione fatta di buoni valori e di ottime persone. (agg. di Matteo Fantozzi)

I POSSIBILI SUCCESSORI

L’Eredità è tornato in onda senza Fabrizio Frizzi. Il pubblico di Rai1 ha mostrato tristezza e sgomento nonostante abbia ritrovato l’amichevole volto di Carlo Conti che andrà avanti solo fino al termine della stagione primaverile. Il programma poi, potrebbe ritornare condotto da altri volti TV e si parla già di Amadeus e Alessandro Greco. Proprio l’ex deejay, ha recentemente dedicato grandi parole di stima nei confronti di Frizzi, scomparso il 26 marzo per colpa di una emorragia cerebrale. “Se ne va un amico, un collega, una persona con la quale ho condiviso momenti bellissimi. Noi abbiamo la fortuna di fare un lavoro bellissimo e quindi quando condividi delle cose, sono grazie a Dio cose belle e quelle rimangono. Penso alla famiglia, alla moglie, alla bambina piccola e penso che è tutto ingiusto. Poi penso anche alla sua forza di andare in trasmissione, all’affetto del pubblico che ho visto oggi e trovo che sia giusto perchè era l’amico di tutti. Fabrizio era buono, che fosse bravo lo sapevamo tutti, ma era anche veramente buono”, ha affermato il presentato dei Soliti Ignoti nel corso dei funerali dell’amico. (Aggiornamento di Valentina Gambino)

CARLO CONTI LASCIA L’EREDITA’

Carlo Conti condurrà L’eredità solo fine al termine della stagione. Secondo le ultime indiscrezioni, infatti, la Rai avrebbe deciso di affidare il programma preserale della prima rete ad un conduttore diverso da Carlo Conti che ha già numerosi impegni televisivi. Quello di Carlo Conti, dunque, è un ritorno ad interim. Nella prossima stagione televisiva, a condurre L’Eredità dovrebbe essere un altro volto della Rai. Oltre ad Amadeus di cui vi abbiamo già parlato (leggete in basso), secondo Today, l’altro nome che starebbe valutando la Rai è quello di Alessandro Grieco che, attualmente in onda con il game “Zero e Lode”, in onda alle 14, ha contribuito a far risalire gli ascolti dimostrando di poter condurre egregiamente un game show. Ad oggi, tuttavia, non ci sono assolutamente conferme. Trovare un degno sostituto di Fabrizio Frizzi non sarà facile. Il conduttore, scomparso lo scorso 26 marzo, è ancora nei cuoi del pubblico che faticano a vedere un altro volto su Raiuno alle 18.50 (aggiornamento di Stella Dibenedetto).

CARLO CONTI AL TIMONE DELL’EREDITA’ ANCHE IL PROSSIMO ANNO?

Carlo Conti, pur non volendolo fare, ha accettato di prendere il posto di Fabrizio Frizzi alla guida de L’Eredità. Il conduttore toscano che, ieri, ha aperto la puntata ricordando Fabrizio Frizzi con parole semplici che hanno emozionato il pubblico (leggete in basso), è considerato dai telespettatori l’unico in grado di condurre un programma di cui Fabrizio Frizzi era diventato il simbolo. Molta gente fa ancora fatica a sintonizzarsi su Raiuno per seguire la puntata, ma Carlo Conti ha preso il posto del professore titolare in punta di piedi. Conti condurrà L’eredità fino alla fine di maggio quando il programma lascerà poi il posto alla nuova stagione di Reazione a catena. Per la prossima stagione televisiva, ancora non si sa a chi sarà affidata la conduzione dello show. Molti telespettatori vorrebbero che fosse riconfermato Carlo Conti, ma non è da escludere che il programma venga affidato ad altri. Uno dei nomi che sta circolando è quello di Amadeus che, con I soliti ignoti e Stasera tutto è possibile, ha riconquistato il giusto spazio in Rai (aggiornamento di Stella Dibenedetto).

IL PUBBLICO COMMOSSO

A una settimana dalla scomparsa di Fabrizio Frizzi, L’Eredità è tornata in onda nel preserale di Rai 1. Al timone del programma è ritornato Carlo Conti, che dopo il malore che aveva colpiti Frizzi a ottobre aveva condotto il game show per qualche settimana fino al ritorno dell’amico e collega a metà dicembre. Carlo Conti, suo malgrado, terminerà la stagione dell’Eredità, poi dall’anno prossimo si vedrà cosa decideranno i vertici Rai per il fortunato game show. In studio Conti non ha nascosto la sua commozione, cosa che il pubblico da casa ha molto apprezzato: “Un applauso a Carlo Conti che ha ricordato il suo amico con parole semplici e non patetiche. Mancava l’Eredità in questi giorni e ancor di più Fabrizio”, “Qualsiasi altra presenza avrebbe creato “fastidio” al telespettatore, Conti è l’unico ad evitare questo effetto collaterale. Commosso ma asciutto e non retorico. In pieno stile Frizzi” e “Volevo dire a Carlo Conti che ho molto apprezzato la sua commozione composta”, hanno scritto alcuni utenti su Twitter. Non sono mancate, però, delle critiche di alcuni utenti che avrebbero preferito la sospensione del programma: “Forse sarò l’unica, sarà che la scomparsa di Fabrizio Frizzi mi ha colpita troppo, ma ho trovato fuori luogo continuare il programma per questa stagione” e “L’eredità senza Fabrizio Frizzi io non ce la faccio proprio a vederla. Secondo me era meglio lasciare perdere per questa stagione, senza nulla togliere alla grande professionalità di Carlo Conti”, si legge sempre su Twitter. (agg. Elisa Porcelluzzi)

Carlo Conti torna all’Eredità

Niente discorsi lunghi, niente filmati o foto che non servono a ricordare Fabrizio Frizzi a un pubblico che ben lo conosce e tanto lo ama. È così che Carlo Conti lo ricorda in apertura nella nuova puntata de L’Eredità, la prima dalla scomparsa di Frizzi e quindi senza lui. Il conduttore trattiene a fatica la commozione e le lacrime sembrano essere lì, pronta a fare la loro ricomparsa sul suo volto tanto da mostrare gli occhi arrossati e luci. Carlo Conti appare così prima di pronunciare al pubblico de l’Eredità, che da oggi è lui a condurre, il suo saluto e omaggio al collega e amico scomparso. Poche ma sincere parole quelle di Carlo Conti, che parla di un ritorno forzato, che è appunto il suo, e che mai avrebbe voluto in una condizione simile.

Carlo Conti trattiene le lacrime: “Non vorrei essere qui”

È per Carlo Conti quindi doveroso il toccante ricordo e saluto a Fabrizio Frizzi. Queste le sue parole al pubblico de L’Eredità: “Eccomi qua, in questo studio, queste sono le chiavi, tante volte ce le siamo scambiate con Fabrizio. Era un gioco: io il pilota, lui il copilota, il professore di ruolo, il supplente. Ritornano a me in maniera forzata”. E continua: “Oggi, credetemi, vorrei essere in qualsiasi parte del mondo escluso che in questo studio. Però ci sono. Le parole servono a poco, non sto a fare tanti discorsi, dico solo un grazie a questo studio che in questi mesi ha coccolato Fabrizio e l’ha supportato. Grazie a tutti…“ Parole che lasciano poi spazio all’inizio del gioco e all’ingresso in studio dei concorrenti perchè, come Conti ricorda, “Lo show deve andare avanti”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori