Fedez e Chiara Ferragni/ Leone sovraesposto sui social? Tante critiche ma… ecco perchè hanno vinto loro

- Anna Montesano

Chiara Ferragni e Fedez criticati dal web! Il piccolo Leone Lucia Ferragni “troppo social”, il rapper sbotta e risponde: “Dibattito inutile, non siamo i primi a farlo”

fedez_chiara_ferragni_2018_instagram
Chiara Ferragni e Fedez

Fedez e Chiara Ferragni, amati e odiati. Il rapper e l’imprenditrice digitale fanno discutere, fuori e dentro i social e riempiono le copertine. Articoli su internet ed anche sulla carta stampata ed in sintesi, tutti dicono esattamente ciò che anche loro vogliono comunicarci con le fotografie su Instagram. Brevi attimi di “piacere” trasformati in parole e gesti. Leone piange, poi si tranquillizza e viene vestito come un piccolo Lord. Poi la coppia è stanca, dopo giornate passate ad accudire il piccoletto che di certo, ha notevolmente bisogno di attenzioni. Ed intanto Federico e Chiara per distrarsi fanno un giro in quel di Los Angeles alla ricerca di una nuova casa. Ed ancora, il certificato di nascita del piccolo e poi chi ne scrive e volontariamente o meno, sa tutto di loro. In sintesi, che piacciano oppure no, Fedez e Chiara Ferragni hanno trovato il giusto canale e la strada da intraprendere. Come Alice intrappolata in un immenso labirinto, loro posseggono le indicazioni stradali direttamente condivise su WhatsApp, da visionare sull’ultimo modello di iPhone. Non vi piacciono? Li seguite. Vi fanno impazzire? Li seguite. In sintesi, hanno vinto loro… fatevene una ragione, Costanzo compreso (leggete il precedente post per capirne meglio). (Aggiornamento di Valentina Gambino)

“GIORNALISTI A CACCIA DI CLICK…”

Fedez e Chiara Ferragni dopo la nascita di Leone hanno dovuto – in più di una occasione – replicare agli haters che hanno usato parole forti dei loro confronti. La coppia praticamente ancor prima di conoscersi ed innamorarsi, ha sempre usato i social con assoluta coerenza. Entrambi si sono sempre esposti senza filtri e così, anche dopo la loro voglia di mettere su famiglia, il pensiero non si è modificato di una virgola. Ecco perchè sia Fedez che Chiara ha voluto raccontare agli estimatori ogni passo della gravidanza, comprese le piccole problematiche. Dopo la nascita del primogenito Leone, non hanno avuto alcun problema a mostrarlo immediatamente a favore di camera e per questo motivo, sono stati attaccati dal popolo social. Tra gli ultimi “detrattori” anche Maurizio Costanzo che sulle pagine del settimanale Nuovo TV, ha voluto esprimere il suo pensiero riguardante la coppia più amata dal pubblico social. Ecco a seguire le sue parole: “Nell’era dei social si è arrivati a un estremo inaccettabile: esisti solo se pubblichi una tua foto. Personalmente non condivido il modo di usare questa tecnologia. Per carità, la Ferragni e Fedez sono i genitori e del loro bambino fanno ciò che vogliono: tuttavia, da personaggi pubblici, non danno certo il buon esempio”. Il rapper dovrà difendersi anche dalle parole del giornalista romano? Staremo a vedere cosa dirà tramite le Stories di Instagram dove tiene costantemente aggiornati i fan. (Aggiornamento di Valentina Gambino)

“GIORNALISTI A CACCIA DI CLICK…”

Fin da quando è nato Leone Lucia mamma Chiara Ferragni e papà Fedez hanno condiviso tanti scatti dei primissimi momenti di vita del piccolo. C’era da aspettarselo che il figlio di una coppia famosa sarebbe stato protagonista di molti post, soprattutto su Instagram, culla in particolare della fashion blogger. Nonostante ciò, non sono mancati gli attacchi ai due neo genitori. Alcuni hanno addirittura messo in discussione le loro capacità genitoriali, proprio per questo Fedez ha reagito proprio sui social: «Non sono certo gli scatti diramati sui social che espongono nostro figlio che sarebbe stati esposto inevitabilmente e, se è vero che un bambino non può scegliere se essere pubblicato su Instagram o meno, è vero anche che non può scegliere se essere battezzato o iniziato a una religione quando è neonato». Il rapper ha poi attaccato i giornalisti: «Il giornalismo italiano non vuole fare informazione, vuole fare i click. Hanno anche scritto che abbiamo venduto la nascita di nostro figlio a riviste del settore di gossip e non è vero. Preferiamo pubblicare noi le foto di nostro figlio condividendo emozioni vere piuttosto che far lucrare altri sulla nascita di Leo». (agg. di Silvana Palazzo)

“IN ALCUNI CASI I SOCIAL SONO MOLTO UTILI”

Fedez non ci sta e decide di rispondere alle numerose critiche piovute su di lui e sulla compagna Chiara Ferragni per la sovraesposizione social del piccolo Leone. Il rapper non vuole che la sua capacità genitoriale venga messa in discussione per le foto scattate a suo figlio e pubblicate su Instagram e, anzi, oltre a rispondere a tono alle polemiche, vuole anche sottolineare come il mezzo social possa essere anzi molto utile in alcuni casi. “Vi faccio un esempio, quando Chiara ha avuto dei problemi durante la gravidanza, tutti i messaggi che le sono arrivati le hanno dato una mano e una forza che voi non avete idea. – spiega Fedez, che poi aggiunge – Non è la foto di nostro figlio sui social che lo espone, nostro figlio inevitabilmente sarebbe stato esposto al pubblico”. (Aggiornamento di Anna Montesano)

“FOTO A LEONE? MEGLIO IO CHE UN PAPARAZZO”

Fedez non le manda a dire e a chi critica il modo con cui lui e Chiara Ferragni stanno vivendo le prime settimane da genitori, risponde senza mezzi termini. “Preferisco pubblicare io una foto di Leo o da Chiara trasmettendovi tutte le emozioni che stiamo provando in questo periodo piuttosto che farla pubblicare da un paparazzo con un titolo del c***o”, ha urlato il rapper su Instagram Stories. Il rapper, inoltre, ha smentito di aver venduto l’esclusiva della nascita di Leone a qualche giornale di gossip assicurando di non averne assolutamente bisogno. Fedez, inoltre, attacca anche chi parla di privacy svelando, però, il proprio punto di vista su un argomento sui social. “Trovo abbastanza divertente chi vuole ridare valore e dignità al concetto di privacy divulgando le proprie idee sui social network che, dall’inizio della loro nascita, non vogliono fare altro che battere il concetto di privacy tra le persone”, aggiunge ancora il rapper che difende il diritto di diffondere una foto di suo figlio (aggiornamento di Stella Dibenedetto).

FEDEZ SBOTTA SUI SOCIAL

Sbotta sui social Fedez che, stanco di tutti coloro che lo criticano e che puntano il dito contro la sua versione “papà”. Leone ha solo quindici giorni ma sicuramente è la star del momento. Non passa giorno in cui il bambino non finisca sui social. La sua prima linguaccia, il suo primo sorriso, il suo vestito griffato e tutto quello che i fan potrebbero vedere (e magari volere) per i propri bambini. Rimane il fatto che, mentre altri genitori ci tengono alla privacy del proprio bambino e tengono le loro foto oscurate o lontane dai social, di Leone ormai abbiamo già visto tutto o quasi ed è per questo che le critiche sono piovute addosso ai due neo genitori. Fedez ha preso la parola sui social per dire la sua al grido di “I criteri per valutare la capacità di fare i genitori non dovrebbero basarsi sulle foto social”. Il rapper è convinto che tutte le giovani coppie fanno questo sui social soprattutto alla nascita del loro primo figlio e che, quindi, non c’è niente di male in questa loro scelta: “Stiamo condividendo il momento più bello della nostra vita come farebbe qualsiasi famiglia figlia della nostra generazione. Non siamo la prima coppia al mondo a condividere questa grande gioia con tutti“. I fan e gli haters li perdoneranno per questo? (Hedda Hopper)

PIOVONO CRITICHE SUI NEO GENITORI

Chi credeva che con la nascita del piccolo Leone, Fedez e Chiara Ferragni sarebbero stati meno social si è ricreduto in un batter d’occhi. Il rapper e la fashion blogger e imprenditrice sono invece più social che mai. I momenti più importanti della coppia sono sempre immortalati dalla camera dei loro cellulari e condivisi con milioni di fan su Instagram. E se prima questi momenti riguardavano solamente la coppia, ora hanno come maggiore e quasi unico protagonista il piccolo Leone. Il bebè, che ha solo pochi giorni di vita, è ormai già una star del web e c’è chi già lo chiama “Baby influencer”. Un appellativo che, effettivamente, calza a pennello visto che il bebè ha già ricevuto in omaggio dalle case di moda più importanti e “lussureggianti” tantissimi completi da indossare. 

IL WEB ATTACCA CHIARA E FEDEZ: “TROPPE FOTO DI LEONE, VA SALVAGUARDATO!”

Chiara Ferragni ha già fatto sfoggiare al suo piccolo Leoncino alcuni completi griffati di Gucci, Versace, Missoni, gli stessi mostrati attraverso le tante storie su Instagram con le quali la blogger ha ringraziato per i doni ricevuti per suo figlio. Inutile dire che sul web per la coppia imperversa la polemica e non solo per la sovraesposizione social del bambino che, per molti utenti, dovrebbe essere in qualche modo “salvaguardato”. “Un minore non dovrebbe essere esposto in questo modo al mondo, anche se di cognome fa Lucia Ferragni” scrive qualcuno che trova concorde molti altri. Polemiche che non sembrano toccare più di tanto il rapper e la sua dolce metà, che anzi continuano a mostrare con fierezza la loro piccola, dolce e bellissima creatura a milioni e milioni di follower. Polemiche che hanno oggi scatenato la risposta furiosa di Fedez.

FEDEZ RISPONDE ALLE CRITICHE DEL WEB

Attraverso una serie di storie su Instagram, Fedez ha voluto fare chiarezza: “A prescindere dalle posizioni sul pubblicare le foto del proprio figlio, i criteri per giudicare la capacità genitoriale non dovrebbero basarsi sulle foto social. Per quanto la dietrologia si sprechi, semplicemente si sta condividendo un momento bello della propria vita, come farebbe qualsiasi famiglia figlia della nostra generazione. A prescindere dal fatto che il dibattito è inutile, sembra che siamo l’unica famiglia italiana a pubblicare le foto del proprio figlio e a condividere una gioia così grande. Non siamo la prima coppia al mondo a farlo, né i primi personaggi pubblici. Sembra però di sì, a quanto leggo. È ovvio che se si vuole cercare del marcio in tutto, lo si trova anche forzatamente”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori