Il Cacciatore / Anticipazioni prossima puntata, 11 aprile 2018: Bagarella finisce in manette

- Morgan K. Barraco

Il Cacciatore, anticipazioni dell’11 aprile 2018, in prima Tv su Rai 2. ‘La tana del bianconiglio’ e ‘Bersagli’ sono i nuovi episodi. Bagarella finisce in manette

il_cacciatore_fiction_raiplay
Francesco Montanari è Il Cacciatore

Mercoledì 11 aprile 2018 andrà in onda la quinta puntata, penultimo appuntamento, della fiction Il Cacciatore, che vedrà Bagarella finire in manette. Ma scopriamo la trama del primo episodio, dal titolo ‘La tana del bianconiglio’. Saverio e Mazza hanno un solo obiettivo: Tony Calvaruso e il suo negozio. È seguendolo che i due si avvicinano sempre più a Bagarella, che saprà tuttavia mandarli in confusione e rendere la loro missione molto complicata. Intanto, Tony inizia ad avere il sospetto che Bagarella si stia appunto preparando a lasciare casa sua. Preoccupato dall’idea di perdere il negozio, Tony decide di sbilanciarsi e chiedere a Don Luchino cosa abbia in mente per il loro futuro insieme. La polizia, però, non si ferma e fa irruzione nell’appartamento, arrestando i presenti. (Aggiornamento di Anna Montesano)

Le rivelazioni di Roberto Citran sulla serie

Nella prima serata di Rai 2 di oggi, mercoledì 4 aprile 2018, andrà in onda lil quarto appuntamento con Il Cacciatore, in prima Tv assoluta. Questa sera vanno in onda gli episodi “Cacciatori” e “L’eredità”. Roberto Citran che interpreta il procuratore capo di Palermo Andrea Elia nella serie, in una recente intervista a Tv Sorrisi e canzoni ha voluto sottolineare quali sono, a suo dire, i punti forti di questa fiction che, possiamo anticipare, è stata rinnovata per una seconda serie. «Il cacciatore vuole mostrare sia il lato positivo sia quello negativo di tutti i personaggi. – dichiara l’attore – Elia, per esempio, è un uomo integerrimo, ma sa di non possedere la caparbietà necessaria per stare in prima fila nella guerra alla mafia. E per questo affida il compito a Barone». (Aggiornamento di Anna Montesano)

LUTTO PER DON LUCHINO MA…

La puntata de Il Cacciatore in onda questa sera, si aprirà con una scena che spezzerà il cuore di tutti i seguaci della serie tv. La moglie di Don Luchino, infatti, giace esanime sul letto della sua camera da letto, il tutto mentre il boss guarda rassegnato il suo corpo ormai senza vita. Assieme a lui il braccio destro di sempre, l’autista Tony Calvaruso, che sembra soffrire più di tutti per la perdita dell’amata amica segreta. Fra i due, infatti, era nata una piccola complicità, che oggi lascia il posto soltanto all’amarezza. Tony, anche in questo caso, sarà d’aiuto al boss, che nel buio della sua casa dovrà preparare il funerale della sua amata scegliendo per lei il vestito più adatto. E per l’autista, di certo, non sarà semplice, dal momento che la ricerca fra i suoi effetti personali lo metterà di fronte a una serie di ricordi che non faranno altro che addolorarlo ulteriormente. Questa nuova perdita segnerà il percorso del giovane Tony nella banda criminale? (Agg. di Fabiola Iuliano)

IL CACCIATORE, ECCO DOVE SIAMO RIMASTI

Nella prima serata di Rai 2 di oggi, mercoledì 4 aprile 2018, andrà in onda la quarta puntata de Il Cacciatore, in prima Tv assoluta. Sarà composta dall’episodio 7 e 8, dal titolo “Cacciatori” e “Eredità“. Prima di scoprire le anticipazioni, ecco dove siamo arrivati la settimana scorsa: Saverio continua a lavorare al fianco di Mazza per riuscire a fermare il bagno di sangue promosso dai corleonesi. Mazza però riesce a chiudere le porte al proprio lavoro una volta rientrato a casa, impresa che invece Saverio non riesce a fare. Nemmeno la nascita della piccola Carlotta e la relazione con Giada sembrano mettere pace nella sua mente. Ancora una volta sembra che le indagini siano ad un punto morto, ma Saverio riesce a trovare in Serena, l’amante di Salvatore Barbagallo, una valida aiutante. La donna infatti riferisce alla Polizia di temere che qualcuno possa farle del male, dato che conosce molti segreti dei Di Peri. Fa così un accordo con le autorità: in cambio di altre informazioni potrà usufruire della protezione testimoni e trasferirsi a Milano con un altro uomo. Serena prepara quindi una trappola per incastrare Barbagallo, ma viene scoperta poco prima che la task force riesca ad arrestare il mafioso. Sotto interrogatorio, Barbagallo accetta di diventare collaboratore di giustizia e di fornire tutte le informazioni in suo possesso, oltre ad un aggancio che potrebbe portare Saverio ad incastrare Bagarella.

Nel frattempo, Vincenzina continua a pensare al rapimento del piccolo Giuseppe e si convince che la sua recente impossibilità ad avere un figlio dipenda proprio da questo tragico evento. Inizia a premere perché Bagarella le dia una vita normale, che le permetta di avere una famiglia come tante altre. Don Luchino invece ordina a Tony Calvaruso di uccidere uno dei suoi picciotti, rimasto ferito in seguito ad un agguato. L’autista sembra voler accettare l’incarico, ma scopre una volta in ospedale che il bersaglio è già morto. Grazie alla collaborazione di Barbagallo, Saverio e Mazza riescono a portare a termine nuovi arresti, riuscendo ad alimentare la preoccupazione di Don Luchino. Quest’ultimo aumenta di contro la propria sete di sangue, tanto da mettere paura persino a Tony. L’autista si prepara quindi a lasciare la città con moglie e figlio, ma Monica lo convince che fuggire li porterà dritti nel mirino del boss. In seguito, Saverio trova il nascondiglio in cui i Di Peri hanno occultato tutte le loro armi. All’interno del rifugio trova inoltre un coltello che riconosce come quello di Lucio Raja, l’uomo che quando era appena adolescente gli aveva insegnato i segreti della caccia. Mazza trova ulteriori prove del coinvolgimento fra Raja e i Di Peri e rivela al collega di sapere che i due si conoscono. Non sono solo questi i pensieri che impegnano la mente di Saverio: ha notato che Giada si è allontanata e deve trovare un modo per accorciare le distanze. Bagarella invece mette in secondo piano Vincenzina per via della guerra in corso: la donna, presa dallo sconforto, si impicca.  

ANTICIPAZIONI DEL 4 APRILE 2018, EPISODIO 7 “CACCIATORI”

Mazza continua le sue indagini sui mafiosi vicini a Bagarella, riuscendo a trovare importanti informazioni su Di Filippo, un boss vicino al clan del boss di Corleone. Saverio intanto continua a seguire la pista che lo porta fino a Lucio Raja e scopre che l’uomo sta coprendo le tracce di Di Filippo, in modo da garantirgli una latitanza vincente. Nel frattempo, Bagarella continua a fare i conti con il proprio lutto. La morte di Vincenzina sembra aver messo in ginocchio Don Luchino, che decide di rinchiudersi nella sua villa per riflettere sul futuro. Decide così di prendere le distanze dalla guerra, che subisce quindi un piccolo arresto.

ANTICIPAZIONI DEL 4 APRILE 2018, EPISODIO 8 “EREDITA'”

Saverio e Mazza riescono a portare a termine il caso su Raja, riuscendo così a scoprire dove si nasconda Di Filippo. Grazie all’installazioni di cimici, ottengono anche delle prove che potrebbero portarli dritti fino a Bagarella. Saverio infatti non intende agire prima di aver scoperto dove si nasconde Don Luchino, convinto che prima o poi i mafiosi si tradiranno. Nel frattempo, Bagarella riemerge dal dolore che ha provato fino a quel momento e decide di proseguire la caccia al traditore. Sicuro di aver trovato il colpevole, ordina a Brusca di ucciderlo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori