CRIMINAL MINDS 13/ Anticipazioni del 6 aprile 2018: un mistero in fondo al lago

- Morgan K. Barraco

Criminal Minds 13, anticipazioni del 6 aprile 2018, su Fox Crime. Il BAU indaga su una serie di delitti collegati ad una cittadina in piena siccità. 

criminal_minds_13_facebook_2017
Criminal Minds 13, in prima Tv assoluta su Fox Crime

CRIMINAL MINDS 13, ECCO DOVE SIAMO RIMASTI 

Nella prima serata di Fox Crime di oggi, venerdì 6 aprile 2018, andrà in onda un nuovo episodio di Criminal Minds 13, in prima Tv assoluta. Sarà il decimo, dal titolo “Sommersi“. Prima di scoprire le anticipazioni, ecco dove siamo arrivati la settimana scorsa: la squadra si trova a Roswell per indagare su un gruppi di complottisti, presi di mira da un SI sconosciuto. Mentre si trovano il posto per indagare, uno dei presenti scopre di avere un’arma addosso e la punta contro i presenti. Anche se Tara (Aisha Tyler) e Emily (Paget Brewster) cercano di calmare Doug (Antonio Robles), quest’ultimo decide di uccidersi, sicuro che si trovi di fronte ad una finta missione sotto copertura. I piani alti iniziano quindi a fare delle pressioni sulla squadra, per via delle accuse dei teorici del complotto. In base ai consigli di Rossi (Joe Mantegna), la squadra procede con gli interrogatori di tutti i complottisti, che ovviamente mettono in atto alcune difese per poter scoprire un’eventuale cospirazione da parte delle forze dell’ordine. Ore prima, grazie a Garcia (Kirsten Vangsness) i profiler iniziano a collegare alcuni omicidi alle grandi teorie complottiste. Una delle donne interrogate da Tara rivela in seguito di essersi informata su tutti i profiler della squadra e dic redere che agiscano in modo illegale per incastrare qualcuno di loro. Nel passato, il BAU si trova in volo ed analizza gli ultimi delitti e scoprono l’esistenza di alcuni dialoghi fra due delle vittime che potrebbero nascondere la verità sull’SI. Nel presente, Melissa Miller (Zelda Williams) contesta a Tara il fatto che la squadra utilizzi dei jet privati per le loro indagini. Ore prima, la squadra si divide per analizzare le due scene del crimine. Nel primo caso il killer ha affogato una delle vittime in una vasca per i pesci piena di candeggina. Nel secondo caso invece ha estratto il proiettile dal muro per non lasciare tracce. Matt (Daniel Henney) trova poco dopo una tessera ad alte frequenze che apre l’accesso a diversi vani pieni di armi, di cui uno vuoto. Visto che si tratta di armi nascoste, la squadra conclude che l’SI conosceva perfettamente le due vittime e che potrebbe aver agito nel timore di essere stato scoperto. Tara suggerisce quindi di parlare apertamente al gruppo di teorici del complotto, in modo che l’SI entri in contatto diretto con loro. Nel presente, Melissa ricorda a Tara che lo Sceriffo ha sottoposto tutti i presenti al metal detector prima che entrassero nella stanza. La teoria della donna è che la Polizia abbia nascosto nelle tasche di Doug l’arma con cui si è ucciso, per poi chiamare i federali per riuscire a mettere in atto il loro complotto. Rivela infine di voler usare la registrazione del loro colloquio per pubblicare tutto sul suo podcast. Con il procedere dell’interrogatorio, Tara ha qualche difficoltà e decide di cedere il posto a JJ (AJ Cook) e Emily. Quest’ultima sfrutta le credenze della donna per ribaltare ogni cosa e le rivela di aver intuito che è in realtà lei ad aver provocato omicidi e incidenti. 

ANTICIPAZIONI DEL 6 APRILE 2018, EPISODIO 10 “SOMMERSI”  

La squadra raggiunge la California, dove si sono verificati diversi omicidi nelle piscine domestiche. I tre casi presentano delle analogie: un uomo è stato legato ad un blocco di cemento ed annegato, mentre una donna è stata copita al petto e ritrovata nella vasca della terza scena del crimine. Il killer ha inoltre derubato le vittime di articoli minori, come bigiotteria e monete di poco costo. Per questo inizialmente la Polizia ha attribuito tutto a dei ladri. Arrivata sul posto, la squadra scopre che la città si trova in un periodo critico a causa della siccità e dell’abbassamento del livello dell’acqua del lago. I furti quindi sono aumentati: di contro con l’abbassamento delle acque, alcuni cadaveri nascosti nel lago sono riemersi dopo diverso tempo. Questo particolare tuttavia spinge i profiler a credere che l’SI commetta i suoi crimini per via di qualche collegamento con quanto sta avvenendo in città, motivo per cui simula l’annegamento nel lago delle sue vittime.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori