Il professore matto, su Italia 1/ In onda il film comico con Eddie Murphy (oggi, 1 maggio 2018)

- Matteo Fantozzi

Il professore matto, su Italia 1: in onda in seconda serata, a partire dalle ore 23.30, il film comico con protagonista uno straordinario Eddie Murphie. (oggi, 1 maggio 2018)

la_famiglia_del_professore_matto_film
Il film in seconda serata su Italia 1

La travolgente simpatia di Eddie Murphy arriva invece in seconda serata su Italia 1: alle 23:30 andrà in onda Il Professore Matto, una delle pellicole che ha contribuito a far conoscere in tutto il mondo il simpaticissimo attore americano. Il film ha avuto un successo straordinario non solo tra il pubblico, ma anche dalla critica. Il Professore Matto ha fatto incetta di premi cinematografici, tra i quali spicca il premio Oscar per il Miglior Trucco. La pellicola ha inoltre permesso all’attore Eddie Murphy di ricevere una nomination ai Golden Globe come Miglior attore in un film commedia o musicale, oltre a portare a casa un premio BAFTA per il Miglior Trucco, due Saturn Awards (Miglior Trucco e Miglior Attore Protagonista), un People’s Choice Award come Film Preferito e un BMI Film & TV Award come Miglior Colonna Sonora, curata da David Newman.

LA TRAMA DEL FILM “IL PROFESSORE MATTO”

Uscito nel 1996, Il professore matto racconta le vicende dello scienziato con problemi di obesità Sherman Klump e del suo assistente Jason. I due stanno lavorando ad un nuovo siero sperimentale, ma i numerosi incidenti stanno riducendo a zero il numero dei suoi finanziatori. La vita di Sherman e del suo esperimento cambieranno quando incontrerà l’avvenente Carla Purty, che invita a cena finendo però nelle mire dello stand up comedian di turno. A quel punto Sherman sperimenta il siero su di sé, diventando improvvisamente magro e affascinante e riuscendo a conquistare Carla, seppur non con le sue vere sembianze. Da qui la vita dello scienziato prende una piega inaspettata: da una parte il successo con Carla lo rende felice, dall’altra il non poter essere apprezzato da lei se non nella sua forma modificata lo fa soffrire.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori