Germano Bellavia, Un Posto al Sole / “Ci davano per spacciati ma siamo arrivati a 5000 puntate”

- Anna Montesano

Germano Bellavia pronto a festeggiare le 5000 puntate di Un Posto al Sole. L’attore, che interpreta Guido, ammette: “Dopo sei mesi ci davano per spacciati, poi…”

germano_bellavia_guido
Un Posto al Sole, Germano Bellavia

Germano Bellavia è uno dei punti fermi di Un Posto al Sole. L’amatissima soap di RaiTre, ambientata a Napoli e a Palazzo Palladini, ha visto Germano – che interpreta il simpatico Guido – sin dalla prima puntata, nel 1996. Oggi festeggia con tutto il cast la puntata numero 5000, che andrà in onda venerdì 11 maggio e, intervistato da TvBlog ammette che non è stata facile: “Fin dall’inizio è stata una scommessa, che abbiamo voluto vincere. – racconta – Dopo sei mesi ci davano per spacciati, poi è passato un anno, due… ora siamo vicini ai 22 e festeggiamo ancora”. Tanti anni in cui il rapporto con il pubblico, pur essendo sempre bello e soddisfacente, è cambiato: “Diciamo che prima era tutto più romantico: agli inizi arrivavano le lettere e lì vi trovavi storie di vita, leggevi quello che Guido, talvolta Germano, significava per le vite di chi scriveva. Ora magari è tutto più diretto, con post, mail, messaggi, ma spesso anche più violento. Era più romantico, ecco…”

IL RAPPORTO TRA GUIDO E MARIELLA

Non manca però qualche rammarico per l’attore, tra i protagonisti di Un Posto al sole. Uno tra tutti quello di non essere riuscito a far comprendere al pubblico la faccia “comica” della storyline tra Guido e Mariella: “Guido in questo periodo non si è comportato molto bene con Mariella, ma con gli autori avevamo pensato a creare una commedia su questa storia. Ma la cosa è stata presa male e tutti sono scattati in difesa di Mariella. Forse non sono riuscito a rendere l’idea degli autori e mi spiace…”. Tuttavia ammette che “Penso che Guido abbia trovato la sua giusta dimensione nella normalità, che poi è un lavoro, un amore, le amicizie… una cosa che in molti cercano di raggiungere, ma non è semplice.”



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori