Coniglio spot Cornetto Algida preso per le orecchie/ Video, “E’ maltrattamento, messaggio inaccettabile”

Coniglio spot Cornetto Algida preso per le orecchie, video, “E’ maltrattamento, messaggio inaccettabile”. Insorgono i medici veterinari contro il trattamento dell’animale

coniglio_cornetto_2018
La pubblicità del Cornetto Algida 2018 - Youtube

Non è passato inosservato il coniglio bianco dello spot del Cornetto 2018. Due sono le versioni della pubblicità proposta dalla nota ditta di gelati Algida, e in una di queste c’è un ragazzo che tenta di far colpo su una propria compagnia di scuola, facendole dei giochi di prestigio davanti agli occhi. Ad un certo punto, il giovane tira fuori dalla cartella un coniglio bianco, prendendolo per le orecchie. Un gesto che ha fatto indignare gli animalisti, ed in particolare i medici veterinari. In poche parole, prendere l’animale in questione dalle sue orecchie, sarebbe un gesto molto doloroso nei confronti dello stesso: «Ai conigli essere presi per le orecchie fa molto male – dicono i veterinari, come riporta il Corriere della Seraè come prendere a calci o a bastonate un cane. Insomma è un vero è proprio maltrattamento».

“SOLLEVARE IL CONIGLIO PER LE ORECCHIE FA MOLTO MALE”

Luca Re, medico veterinario e presidente di Avem (Associazione Veterinari Animali Esotici) spiega come le orecchie del coniglio siano estremamente sensibili e vascolarizzate: «Il sollevare un coniglio per le orecchie – prosegue – è una pratica dolorosa e che può provocare gravi danni funzionali all’animale». Ma non finisce qui, perché il povero coniglio, trovandosi in tale situazione di dolore, potrebbe scalciare con le zambe, fratturandosi la colonna vertebrale, con tutto ciò che ne consegue. «Noi veterinari esperti in animali esotici – ha aggiunto indignato Re – riteniamo che nel 2018, la diffusione di un tale messaggio sia inaccettabile in materia di benessere animale». Secondo l’esperto veterinario, gli autori della pubblicità avrebbero prima dovuto interpellare un esperto. Clicca qui per vedere lo spot in questione



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori