Raffaello Tonon / “Luigi Favoloso? Sembrava una persona normale, ma con il Grande Fratello…”

- Annalisa Dorigo

Raffaello Tonon, la sua esperienza al Grande Fratello, l’amicizia con Luca Onestini e il bilancio della sua vita: il racconto dell’opinionista a Libero.

MCS_raffaello_tonon_cs_2018
Raffaello Tonon

Raffello Tonon e la sua vita dopo il Grande Fratello: un nuovo amico, una presenza costante nei salotti di Barbara d’Urso, una trasmissione alla radio e soprattutto l’ennesima ripartenza. Sono questi alcuni dei principali punti dell’intervista rilasciata dall’ex gieffino a Libero nella quale si racconta con tutta l’onestà e la sincerità che lo ha sempre contraddistinto. La stessa che si potrà leggere nel libro scritto a quattro mani insieme all’amico Luca Onestini e presto in edicola e, soprattutto, la stessa che spesso si nota nel suo ruolo di opinionista. Un ruolo che a Tonon piace e che, almeno per il momento, non intende lasciare. Spiega infatti nelle pagine di Libero: “È una professione nobile. Ci vuole cultura, non bastano Hegel o Dostoevskij, il mondo si evolve, cambia in continuazione. Se devi apprendere, devi poter comprare cultura, se non hai soldi sei chiaramente in difficoltà”.

L’OPINIONE SUGLI ALTRI REALITY

Nell’intervista a Libero, Raffaello Tonon ha anche espresso il suo punto di vista in merito alla sua opinione sui concorrenti degli ultimi reality andati in onda su Canale 5. Su alcuni di essi, come Bianca Atzei, ha un’immagine positiva: “Mi è piaciuta moltissimo, è stata la vincitrice morale dell’isola. È una donna sensibile, pura, una che ha avuto un bel carico di confidenza con il dolore e non ha paura di dirlo”. Positiva anche l’opinione su Nino Formicola, il vincitore de L’Isola dei famosi, apprezzato soprattutto per la sua cultura e per un’educazione con pochi eguali. Oltre ai concorrenti apprezzati, c’è anche chi non è proprio andato giù a Raffaello Tonon. Tra di essi è immancabile il riferimento a Luigi Favoloso: “Prima del programma mi era parso una persona normale, di buoni sentimenti, nella casa ha avuto una degenerazione”. E per quanto riguarda la sua prima avventura nel mondo dei reality, l’opinionista ricorda ancora le difficoltà riscontrate a La Fattoria (programma da lui vinto) mentre più facile è stato il percorso al Grande Fratello.

IL BILANCIO DEI PRIMI 38 ANNI

I giorni trascorsi da Raffaello Tonon nella Casa del Grande Fratello gli hanno permesso di guardarsi dentro e acquisire un’esperienza di vita che diversamente non avrebbe fatto. La conferma arriva nell’intervista a Libero dove precisa di essersi annoiato ma anche di avere concluso un percorso interiore: “Nella quotidianità sei talmente impegnato a vivere il momento che tieni duro e non ti soffermi. Invece in quella grande casa, parlando con Luca Onestini, è saltato fuori tutto e ho rivisto tante cose”. Da qui ne esce il bilancio dei suoi primi 38 anni di vita, un periodo nel quale ha sempre creduto in se stesso, ripartendo diverse volte e sempre cercando di avere una vita migliore. Per farlo non si è tirato indietro, anche sottoponendosi a chirurgia plastica che gli ha fatto perdere ben 10 chili. Una scelta della quale ancora oggi non si pente, al contrario: “Non ho problemi a dirlo. Mi hanno tolto 10 chili e sono rinato. L’unico rimpianto è di non averlo fatto prima”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori