Nicola Di Bari/ “Amo mia moglie Agnese come il primo giorno” (Sabato Italiano)

- Stella Dibenedetto

Nicola Di Bari, ai microfoni di Sabato Italiano, racconta il suo amore per la moglie Agnese con cui ha festeggiato 51 anni di matrimonio, coronato dalla nascita di quattro figli.

nicoladibari2018
Nicola Di Bari

Nicola Di Bari festeggia 51 anni di matrimonio nella puntata odierna di Sabato Italiano. Il cantante, famosissimo per tanti successi tra i quali “La prima cosa bella”, dopo aver regalato al pubblico di Raiuno la sua hit, ha raccontato ad Eleonora Daniele il suo amore per la moglie Agnese. I due hanno festeggiato le nozze d’oro. Oltre ad essersi concessi una festa, i due si sono regalati anche un secondo viaggio di nozze a Venezia. “Quando eravamo più giovani, andavamo spesso a Venezia per qualche momento di relax”, ha spiegato il cantante che ha così deciso di riportare nella romantica città per rivivere quei momenti. Con quattro figli e quattro nipoti, Nicola Di Bari ha aggiunto: “amo mia moglie come il primo giorno di 51 anni fa”. Un amore nato quando entrambi erano ragazzini e che oggi è stato celebrato da tutta la famiglia, felice di vedere i genitori ancora così uniti.

LA STORIA D’AMORE DI NICOLA DI BARI E LA MOGLIE AGNESE

Nicola Di Bari e la moglie Agnese si sono sposati il 21 dicembre del 1967. Nonostante siano sposati da tantissimi anni, la signora Agnese, ad Eleonora Daniele, ha spiegato di sentirsi come se fosse ancora fidanzata con il marito. I due non hanno un segreto per essere felici e poter vivere sempre un matrimonio sereno. “Bisogna avere fortuna in queste cose – aveva spiegato Nicola di Bari a Storie Vere -. Pensare che quando la incontrai, siccome ero un po’ restio al matrimonio, ho pensato ‘questa qui mi porta all’altare’ e infatti c’è riuscita bene”. A Nicola Di Bari sono anche arrivati gli auguri di Tony Renis, uno dei nomi più importanti della musica italiana. Fortunato nel lavoro e nell’amore, Nicola Di Bari, il cui vero nome è Michele Scommegna, ha davvero avuto tutto dalla vita.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori