Andreas Muller dice addio ad Amici / I ringraziamenti nella finale fanno pensare alla fine dell’avventura

- Matteo Fantozzi

Andreas Muller dice addio ad Amici, i ringraziamenti da parte del ballerino nella finale hanno fatto pensare subito a un suo addio al programma condotto da Maria De Filippi su Canale 5.

andreas_muller_amici_instagram
Andreas Muller (Instagram)

Andreas Muller è stato tra i ballerini professionisti di Amici nella fase serale dopo aver vinto l’edizione dello scorso anno superando in finale il cantante Riki. Il ballerino però non dovrebbe continuare a lavorare nel cast del programma di Maria De Filippi con le parole di ringraziamento viste nella finale di ieri che hanno destato più di una preoccupazione. Su Instagram infatti Andreas Muller ha scritto: “I percorsi sono fatti sia di sbagli che di vittorie, di fallimenti e successi. L’esperienza è il miglior modo che abbiamo per migliorarci, riflettere e crescere! Si chiude così per ora un altro viaggio, un’esperienza da professionista che come dicevo lascia qualcosa in un altro bagaglio da portarmi dietro”, clicca qui per la foto e i commenti dei follower. Parole che sembrano davvero non lasciare dubbio verso il futuro ad Amici, vedremo se poi annuncerà cosa farà.

IL SUO PERCORSO AD AMICI

Andreas Muller è nato a Singen il 2 giugno del 1996, ha compiuto quindi da pochissimo 22 anni. Ha vinto la sedicesima edizione di Amici di Maria De Filippi, dove è riuscito a battere nella finalissima il cantante Riki. Dopo pochi mesi è stato tra gli interpreti del videoclip proprio di quest’ultimo, “Balla con me”. Nel 2016 invece era stato tra i protagonisti dei videoclip di Alessio Bernabei “Due giganti” e di La Rua “Il sabato fa così”. Ha preso parte alla fase serale della diciassettesima edizione proprio di Amici di Maria De Filippi stavolta nelle vesti di ballerino professionista. Sicuramente per lui è stata una grande emozione e responsabilità passare da una parte all’altra sempre sul palcoscenico di Canale 5. Ha raccolto grandissimi consensi da parte anche della critica che hanno confermato tutte le qualità che avevamo visto nell’edizione precedente.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori