Obbligo o verità/ Lucy Hale e Tyler Posey nel cast: i fan di Pretty Little Liars e Teen Wolf gongolano!

- Stella Dibenedetto

Obbligo o verità, il nuovo film horror di Jeff Wadlow arriva nelle sale cinemtografiche da oggi, giovedì 21 giugno: cast, trama e quello che c’è da sapere.

obbligooverita2018
Obbligo o Verità

I primi avventori dei cinema stanno già per lasciare le sale dopo la visione del nuovo film di Jeff Madlow, Obbligo o verità. Patiti del genere o meno, sicuramente gli amanti delle serie saranno felici di aver visto sul maxischermo i protagonisti di Pretty Little Liars e Teen Wolf. Lucy Hale da una parte (Aria nel teen drama Freeform) e Tyler Posey dall’altra (Scott nel drama MTV) sono nel cast del film che da oggi è al cinema e in cui un gruppo di amici decide di fare una vacanza in Messico approfittando delle vacanze di primavera. Prima di girare il film, il regista ha “obbligato” i ragazzi del cast a partire davvero per il Messico cercando di trovare la loro sintonia in una vacanza “di lavoro” in cui sono davvero riusciti a provare e sentire quello che poi li ha spinti a portare sullo schermo i loro personaggi. Risultato ottenuto o no? Quello che è certo è che i patiti delle serie tv, entrambe cancellate ormai da oltre un anno, ritroveranno i loro idoli. (Hedda Hopper)

IL CAST DEL FILM

Obbligo o verità è il nuovo film horror di Jeff Wadlow che arriva in tutte le sale cinematografiche da oggi, giovedì 21 giugno. Il film presentato come un film destinato a far paura, rappresenta soprattutto una pellicola adatta ai teenagers per la storia che racconta. Protagonisti del film sono Lucy Hale, Tyler Posey, Landon Liboiron, Sam Lerner, Violett Beane, Nolan Gerard Funk, Sophia Ali, Brady Smith, Aurora Perrineau, Hayden Szeto. Il nuovo film di Jeff Wadlow segna il ritorno del regista al genere horror che lo aveva lanciato anche se il risultato finale è lontano da quelle che ci si aspetterebbe dal genere. Obbligo o verità, infatti, è soprattutto un thriller soprannaturale in cui viene raccontato un innocente gioco che si trasforma in una sfida mortale che mette in pericolo chi rifiuta di rispettare l’obbligo o di raccontare la verità.

OBBLIGO O VERITA’: LA TRAMA DEL FILM

Un gruppo di amici dell’ultimo anno di liceo decide di approfittare delle vacanze di primavera per concedersi una vacanza in Messico. Nonostante i dubbi iniziali, convinta dall’amica del cuore Markie, Olivia decide di partire con il gruppo. Sul posto, proprio Olivia conosce Carter che convince lei e i suoi amici a seguirlo in una villa per godersi una serie di drink. Qui, però, Carter dà il via al gioco “Obbligo o verità” che si trasforma in una sfida senza esclusioni di colpi. Chi mente o rifiuta di raccontare la verità viene punito. Più il gioco va avanti e più le verità diventano scomode e private dando il via ad una serie di litigi e discussioni pesanti tra i giovani che si ritrovano a vivere una realtà surreale e difficile da gestire. La cosa più spaventosa, però, da superare è l’obbligo che mette in pericolo l’incolumità dei ragazzi. Nessuno, però, può rifiutare di rispettare l’obbligo: tutti, infatti, sono costretti a cimentarsi nel gioco per sconfiggere la maledizione messicana in cui sono stati coinvolti.

OBBLIGO O VERITA’: UN FILM SENZA COLPI DI SCENA?

Gli appassionati del genere horror sono abituati a restare senza fiato di fronte ai numerosi colpi di scena presenti nei film del genere. In Obbligo o verità, le regole vengono adattate e cambiate radicalmente: “Ci sono quattro regole: se ti chiedono di partecipare, devi farlo; devi dire la verità o morirai, devi fare la penitenza o morirai, se smetti di giocare, allora morirai”. Nonostante tutto, nella pellicola, manca quell’elemento che scatena la paura nel pubblico che si ritrova a vivere solo una realtà soprannaturale e lontana dal classico horror. Il gioco “Obbligo o verità” a cui sono costretti a sottoporsi tutti i protagonisti del film di Jeff Wadlow si trasforma in una sequenza ripetitiva di domande e obblighi che non lasciano con il fiato sospeso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori