DARK POLO GANG/ “Ehi-Ehi, Woh-Woh” e l’Arena salta (Wind Music Awards 2018)

- Morgan K. Barraco

La Dark Paolo Gang, gruppo trap di Roma, sarà tra i protagonisti dei Wind Music Awards Summer 2018 all’Arena di Verona, in onda questa sera su Rai 1.

dark_polo_gang_instagram_2018
Dark Polo Gang (Instagram)

Il trio romano, formato da Tony Effe, Wayne Santana e Dark Pyrex, è la prova vincente che oggi la musica sta cambiando. Per avere successo non è più necessario avere una potente casa discografica, ma buone e vincenti idee. La Dark Polo Gang lo sa bene e quest’anno è, addirittura, salita sul palco dell’Arena di Verona dove ha cantato “British” insieme a delle finte guardie britanniche. I loro brani sono prodotti da Sick Luke, membro non ufficiale della gang e uno dei migliori beatmaker italiani, figlio del più conosciuto Duke Fontana, rapper italiano che vanta collaborazioni con Snoop Dogg. Alla consegna del premio, il trio ha deciso di ringraziare anche Dark Side, ex membro del gruppo: “Grazie alle nostre famiglie, ai pischelletti dark e a Side”. Il 10 luglio la Dark Polo Gang si esibirà durante il concerto di Post Molone. (Agg. Camilla Catalano)

IL RITORNO CON “BRITISH”

Dopo aver aperto l’ultimo concerto di J-Ax e Fedez, la Dark Polo Gang si prepara al ritmo dell’estate grazie alla loro British. Il singolo ha ricevuto un premio importante ai WMA 2018 che si sono tenuti a inizio giugno, anche se ancora oggi fa discutere la decisione della Rai di censurare la canzone della band durante la messa in onda dell’incontro all’Arena di Verona. Il collettivo trap di Roma ha dovuto infatti piegarsi al volere dell’emittente pubblica, che ha deciso di tagliare le strofe con più parolacce e di proporre una versione più soft per non scuotere gli animi dei giovanissimi. Una scelta rivelata da Fedez grazie ad una Story su Instagram, in cui ha criticato con forza la decisione dell’emittente. Rai 1 trasmetterà invece questa sera, martedì 26 giugno, il Wind Music Awards Summer 2018 in cui sarà presente anche la Dark Polo Gang. Nessun commento invece da parte della band, che ha deciso di proseguire con i propri live in cui può sfoggiare la nota libertà di linguaggio. Diversi gli appuntamenti delle ultime settimane, dal concerto a Brescia, diventata improvvisamente dark grazie alle canzoni del collettivo, fino alla più recente performance di Roma, grazie al Wind Summer Festival. “Stasera Roma è British“, commentano in un post in cui il trio si presenta in una posa eloquente e irriverente allo stesso tempo, con capelli biondo platino. Clicca qui per vedere la foto della Dark Polo Gang.

L’addio di Dark Side

Da quattro a tre, la Dark Polo Gang ha dovuto fare di recente a meno di uno dei suoi noti componenti. Side Baby ha infatti deciso di lasciare il collettivo romano per avviarsi verso una carriera di solista, debuttando in questa veste nei giorni scorsi grazie ad un live a Milano con un alias diverso dal precedente Dark Side. Il distacco fra l’artista e la band è iniziato molto prima dell’annuncio ufficiale, come ha sottolineato a Rolling Stone, in un periodo in cui si sono fatti sentire i problemi di salute di Arturo Bruni. “Solo con Pyrex mi sono sentito una volta” rivela parlando di un periodo precedente alla lavorazione della band dell’ultimo singolo British. “Continuo a lavorare con Sick Luke, ho un sacco di progetti con lui“. Il beatmaker storico della Dark Polo Gang ha infatti scelto di sostenerlo anche in questa sua nuova avventura, rinnovandogli tutta la sua fiducia. Sia dal punto di vista umano che professionale. “Ho pronto un featuring con Defgold“, annuncia subito dopo, aggiungendo anche di avere già ricevuto numerose richieste da parte di chi vuole collaborare con lui. Nei suoi progetti c’è anche un sodalizio con Sfera Ebbasta e Ghali, ma sono ancora tutte cose da definire. Nessun commento invece da parte della Dark Polo Gang, per una separazione che in realtà è ancora in via di definizione. La rottura fra Side Baby ed il resto del gruppo sarebbe emersa infatti solo per via di una dichiarazione del padre di Arturo, Francesco Bruni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori