NITRO/ “Venivo all’Arena in gita con la scuola, oggi è una grande emozione” (Wind Music Awards Summer 2018)

- Morgan K. Barraco

Il rapper vicentino Nitro è tra i protagonisti della puntata dei Wind Music Awards Summer 2018 che andrà in onda questa sera, martedì 26 giugno, su Rai 1.

nitro_instagram_2018
Nitro (Instagram)

Il venticinquenne vicentino si è appena esibito sul palco di Verona con la sua fortunata “Ho fatto bene”. Il teatro si è scatenato, e, specialmente il pubblico più giovane, ha cantato insieme a Nitro il brano. Nelle sue canzoni unisce il rap più moderno a quello old school, ma i suoi esordi sono legati all’hip hop e al freestyle. Per salire sul sudato palco, Nitro si è presentato con i capelli raccolti in tante trecce e in un abito scuro. Al termine dell’esibizione Federico Russo ha consegnato al rapper il premio per il suo Album “No comment”, pubblicato a gennaio e terzo della sua carriera, che in poco tempo è diventato disco d’oro. “Venivo a Verona e a visitare l’Arena insieme alla scuola, durante le gite scolastiche. Non avrei mai immaginato che, un giorno, sarei salito su questo palco per cantare. È una grande emozione”. (Agg. Camilla Catalano)

IL SUCCESSO DI “NO COMMENT”

No Comment è l’album che ha permesso a Nitro di confermare ancora una volta il suo successo discografico. Nessun compromesso con le regole non scritte del mondo della musica, per il rapper a cui piace raccontare temi scomodi e rimanere sempre se stesso. Nonostante sia convinto di aver fatto dei numeri inferiori a quelli registrati da altri artisti per via della sua musica di nicchia, come ha svelato ad All Music Italia. Non è un caso quindi che Nitro sia stato premiato disco d’oro ai WMA 2018 per il suo No Comment, il suo ultimo lavoro discografico. L’artista rap sarà inoltre presente nella puntata dei Wind Music Awards Summer 2018 che andrà in onda questa sera, martedì 26 giugno, in prime time su Rai 1. Per il cantante salire sul palco dell’Arena di Verona è stato tra l’altro un momento significativo. “È un posto in cui venivo in gita con la scuola e non avrei mai pensato di venire a suonare qui”, rivela nell’intervista, sottolineando anche di non considerare questa premiazione come una novità, ma come la conferma di trovarsi sulla strada giusta. “Io racconto la mia e sono felice di vedere che non sono l’unico a pensarla così”, afferma pensando ai fan che hanno dimostrato di apprezzare i suoi testi. Presente al concerto del Primo Maggio a Roma e altri live come il Radio Italia Rap di Piazza Duomo a Milano, con cui ha attirato migliaia di fan. Merito del suo Infamity show, con cui l’artista che risponde all’anagrafe con il nome di Nicola Albera, è riuscito a trasmettere gran parte della sua energia. Appena ieri Nitro si è unito a Eman per il Festival Fatti di Musica che si è tenuto a Catanzaro. Una notte che ha impegnato lo Stadio Nicola Ceravolo della città ed in cui l’artista è riuscito a replicare le emozioni già registrate a Piazza San Giovanni nel concertone del Primo Maggio.

Gli impegni estivi tra Spritz e zenzero

L’estate sarà piena di impegni per Nitro, il rapper vicentino Nicola Albera, che ancora una volta si ritroverà fra gli artisti più in vista di quest’anno. È stato infatti fra i volti della Medimex 2018, la rassegna musicale pugliese che unirà conferenze e concerti sotto il segno dell’International Festival & Music Conference e che ha accolto la sua esibizione lo scorso 9 giugno. Una grande occasione per promuovere ancora una volta il suo No Comment, il terzo album dell’artista nato a Vicenza. Il cantautore hip hop continua a mietere successi, fra cui non vanno dimenticati i brani contenuti in Suicidol, il suo secondo disco. Fra i partecipanti del Radio Italia Rap, il concerto promosso a Milano da Radio Italia, Nitro ha sottolineato di avere solo due dipendenze. La prima riguarda lo spritz che scorre nelle sue vene più che del sangue. La seconda riguarda invece lo zenzero. “Mi aiuta con la gola”, rivela ai microfoni della radio, “faccio infusi di zenzero anche d’estate”. Sembra infatti che il rapper sia incline ad avere frequenti raffreddori e che per questo sia costretto a correre ai ripari con bevante calde, anche quando la temperatura esterna è molto alta. Definisce inoltre la sua musica un mix di horror e comicità, così come sarebbe la sua vita se venisse rappresentata sul grande schermo. “Sarebbe un cult tipo La casa di Sam Raimi”, ironizza in conclusione del suo intervento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori