Anna Falchi, La Confessione e gli slip da Luttazzi/ Video, i complimenti degli estimatori sui social

- Valentina Gambino

Anna Falchi, La Confessione di Peter Gomez in onda nella seconda serata di oggi, giovedì 6 giugno 2018: “Le mutandine che mi tolsi da Luttazzi? Le ha un feticista ma non posso dire il nome”.

LaConfessione_anna-falchi
Anna Falchi si confida con Peter Gomez

Anna Falchi dopo l’intervista a La Confessione di Peter Gomez, ha ricevuto molti elogi da parte degli estimatori. Su Facebook si legge: “piacevole intervista, la cosa stonata l’aver osannato Renzi mamma mia il peggior politico della storia salito con furbizia sul carro del Pd spacciandosi di sinistra…”. Poi ancora complimenti: “Bellissima intervista, sincera e ricca di personalità, sensibilità, profondità. Così come sei”. Qualcuno fantastica pure: “Bellissima… inutile nascondere che fai parte dei miei sogni d’oro”. Pareri positivi anche su Instagram dove la si elogia per essere stata sincera e mai banale: “Anche se rimane un mistero il tuo non essere più una protagonista -come meriteresti- nel mondo dello spettacolo o del cinema”. “Appena vista! bellissima e molto intelligente… spero che la tv generalista possa riaprirle le porte”. Anna con simpatia inoltre, ha ringraziato tutti gli estimatori proprio tramite il suo profilo personale, cliccate qui per leggere le sue risposte ai fan. (Aggiornamento di Valentina Gambino)

La gaffe a Quelli che…

Nell’ultima stagione televisiva, Anna Falchi ha seguito spesso la Lazio come inviata per “Quelli che…”, lo storico programma di Rai 2. Ma in una partita, accompagnata dall’ex inviato veronese di Novantesimo Minuto Ferruccio Gard, è caduta in una gaffe particolare. Parlando degli adesivi su Anna Frank con la maglia della Roma che tante polemiche sono costate all’ambiente della Lazio nell’ultimo anno, Anna Falchi ha voluto sottolineate come il razzismo non debba avere posto negli stadi. Ma nel farlo, si è lanciata nell’affermazione: “Siamo tutti antisemiti…”, scatenando l’ilarità generale, anche se l’intento dell’attrice era ovviamente quello opposto. Una gaffe che non ha comunque messo in discussione il ruolo di madrina laziale della bella Anna, che ha sempre manifestato con orgoglio la sua fede biancoceleste. (agg. di Fabio Belli)

Quello spogliarello per la Lazio…

Anna Falchi è famosa per la sua bellezza, per i suoi ruoli in tv e nel grande schermo, e anche per il suo grande tifo per la Lazio. La bionda attrice ha infatti il cuore biancoceleste, e il 14 maggio del 2000, durante i festeggiamenti per l’ultimo storico successo laziale, inscenò una sorta di spogliarello, rimanendo in reggiseno davanti agli 80mila dello stadio Olimpico. Anche quest’anno la bella Falchi avrebbe voluto festeggiare, ma la compagine capitolina ha perso il match ball all’ultima giornata con l’Inter, chiudendo così la stagione al quinto posto, che significa Europa League. Per l’occasione, Anna utilizzò Instagram per dire la sua sulla sconfitta contro i nerazzurri: «Sempre forza lazio. Per l’energia, la grinta e per la partita di stasera contro l’Inter che meritava di vincere. Avevo detto che forse de Vrij non avrebbe dovuto giocare (anche se ha giocato bene). E’ arrivato un rigore! Comunque è andata così e mi tolgo solo un sassolino dalla scarpa. Quando Ciro Immobile è uscito la squadra è crollata senza il suo punto di riferimento ed è finita così. Tanta tristezza nei nostri cuori laziali». (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

Si toccheranno tanti argomenti

Anna Falchi nella seconda serata sarà ospite di Peter Gomez durante La Confessione in onda sul canale Nove. Con lei si parlerà di molte questioni, dalle famose mutandine con Luttazzi alle molestie nel mondo del cinema e il suo matrimonio fallito con Stefano Ricucci. Nel frattempo, la 46enne è stata di recente la madrina del nuovo marchio di abbigliamento e accessori moda per bambini Crown 81. L’evento si è svolto nella splendida cornice  del Castello Ducale di Torritto, vicino Bari. Per l’occasione la showgirl ha avuto modo di intrattenersi con i presenti. “La Puglia porta bene – ha esordito Anna Falchi – Mi sta veramente portando tantissima fortuna. Sono molto felice, quasi mi ha adottata. Ormai sono 6 mesi che frequento la Puglia, lo sapete mi vedete su Telenorba e sono testimonial di tante aziende”. “Mi fa particolarmente piacere essere qui per il lancio di questo brand dedicato alla moda dei bambini e degli adolescenti, anche perché questo è un tema che mi sta molto a cuore avendo anche io una bambina di 7 anni… e i bambini sono molto esigenti. Quando si va a fare shopping o la mattina, decidono loro come si devono vestire. Da un anno a questa parte ormai faccio una piccola lotta con mia figlia”, ha aggiunto ancora l’attrice. E alla domanda di Daniela Martani se ha intenzione di diventare fashion blogger, ha risposto: “No. Sinceramente lo sconsiglio a tutti”. (Aggiornamento di Valentina Gambino)

Le confessioni di Anna

Sul canale Nove nella seconda serata (a partire dalle 23.55 circa), Anna Falchi ospite di Peter Gomez durante “La Confessione” sarà prontissima a sconvolgere il suo pubblico di estimatori.  Con l’attrice si parlerà di svariati argomenti tra cui il matrimonio fallito col finanziere Stefano Ricucci. “Il suo ex marito è Stefano Ricucci. C’è l’inchiesta, il famoso arresto, cosa ricorda di quei momenti?”, chiede Peter Gomez senza mezzi termini. “Mi ha talmente danneggiato tutta questa storia che ancora ne pago le conseguenze”, ammette di contro la showgirl. “Non voglio fare la vittima su questo, però a lui in fondo non gliene è mai fregato niente”, precisa ancora. Gomez poi decide di aprire anche il capitolo “molestie” nel mondo dello spettacolo: “Ha detto di aver subito molestie nel mondo del cinema, da nomi altisonanti, perché non ha mai denunciato?”. “Mi è capitato non in piena carriera, non ho mai avuto problemi da giovane perché mi sono sempre posta con la mia personalità – ricorda la bionda -. So il fatto mio e so tenere a bada gli uomini. Mi è successo, però, in un altro periodo della mia vita – continua -, quando ho dovuto riprenderla in mano e ho chiesto per la prima volta aiuto a delle persone influenti. Lì – conclude – ho visto che ne avrebbero approfittato volentieri”. (Aggiornamento di Valentina Gambino)

Anna Falchi ospite de La Confessione

Anna Falchi ospite questa sera a La Confessione di Peter Gomez, spiazza totalmente il giornalista rivelando un segreto del suo passato che nessuno probabilmente sapeva. A partire dalle 23.55 circa di oggi, mercoledì 6 giugno sul canale NOVE l’attrice confessa: “Le mutandine che mi tolsi da Luttazzi? Le ha un feticista di cui non posso rivelare il nome”. Con queste parole, la bionda rivelerà alcuni retroscena riguardanti lo sketch più provocante nella storia della tv di Stato. “Ricordo la scena esilarante di Satyricon di lei con Luttazzi…”, accenna il giornalista. L’attrice (protagonista recentemente di una gaffe a Quelli che il calcio) lo blocca subito: “Sì, mi ricorda un po’ questo momento, se vuole gliela ripropongo…”. Sarà una Anna Falchi decisamente bollente quella che interverrà nella seconda serata di oggi, in compagnia del conduttore che avrà delle difficoltà agestire tutto quanto senza ricadere nell’imbarazzo.

Anna Falchi si confida con Peter Gomez

Peter Gomez questa sera ospiterà Anna Falchi. Nel corso de La Confessione, all’attrice viene posta una chiara domanda dal giornalista, sempre in riferimento all’accaduto delle famosissime mutandine: “Senta, lei si tolse lo slip e lo consegnò a Daniele Luttazzi. Tutta Italia vuole sapere – continua Gomez -: lei sotto rimase nuda o no?”. L’ex moglie di Stefano Ricucci ha spezzato il cuore di numerosissimi estimatori rivelando una verità che nessuno conosceva: “No, no, non è mia abitudine sinceramente, no no”. Il giornalista replica: “Era tutto finto!”. “Chiaro, era una gag preparata a dovere”, dice ancora la bella attrice. A questo punto, Peter Gomez la incalza: “È vero che in Rai c’è gente disposta a pagare per quel cimelio?”. L’attrice lo spiazza: “No, pare proprio che sia stato sequestrato da…”. “Da un feticista!”, interviene quindi Gomez. Falchi a questo punto non può fare altro che ammettere: “Sì, di cui so anche il nome sinceramente, che non dirò mai, nemmeno sotto tortura”. “Ci dica il cognome almeno”, insiste il giornalista. “No no, in Italia siamo omertosi e io voglio essere fedele all’omertà”. “Lei dovrebbe essere finlandese”, commenta il giornalista in modo ironico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori