HITMAN – L’ASSASSINO, CANALE 20/ Info streaming del film con Olga Kurylenko (oggi, 5 luglio 2018)

- Cinzia Costa

Hitman – L’assassino, il film in onda su Canale 20 oggi, giovedì 5 luglio 2018. Nel cast: Timothy Olyphant, Dougray Scott e Olga Kurylenko, alla regia Xavier Gens. Il dettaglio.

hitman_lassassino_film
Il film in seconda serata su Italia 1

La critica ha apprezzato l’interpretazione di Timothy Olyphant in “Hitman – L’assassino”: “Il film è uno dei pochi esempi riusciti dell’esecrabile genere del cine video gioco anche per la mistica prova perfino con humour di Timothy Olyphant”, ha scritto Maurizio Porro, sul Corriere della Sera. E ancora: “Timothy Olyphant con giacca e cravatta e cranio rasato è credibile come killer postmoderno di poche parole e tante pallottole, che si lascia alle spalle una scia di cadaveri con qualche chiaroscuro in più rispetto al videogame”, ha commentato Alberto Castellano, sul Mattino. Invece Roberto Nepoti, su Repubblica, ha bocciato il film: “Tra Istanbul, San Pietroburgo e altre località turistiche, il film svolge il suo compito con piglio dinamico, unito a un sospetto di svogliatezza: ‘rallentati’ alla maniera del cinema di Hong Kong, movimenti di machina da luna park, effetti di montaggio, spiazzanti. A paragone, la trilogia di Jason Bourne fa la figura dei classici del cinema. E poi, che gusto c’è a giocare a videogame se lo schermo del cinema non è interattivo?”. Ricordiamo che “Hitman – L’assassino”, clicca qui per vedere il trailer, andrà in onda sul 20 a partire dalle 21.00 ma sarà possibile vederlo anche in streaming grazie al portale di Mediaset, sui propri dispositivi mobile cliccando qui.

CURIOSITÀ SUL FILM 

Un film, un videogioco e addirittura una possibile serie tv, Hitman – L’assassino oggi, 5 luglio, andrà in onda su Canale 20 per la gioia di tutti coloro che amano questo personaggio. A prestare il volto al personaggio è Timothy David Olyphant che con qualche piccolo trucco e i capelli completamente rasati è quasi irriconoscibile in queste vesti. Il grande pubblico, soprattutto quelle delle serie tv Netflix, adesso lo conosce nel suo nuovo ruolo nell’irriverente e trash “Santa Clarita Diet” nella quale recita al fianco di Drew Barrymore. Ma ecco qualche curiosità sul film a cominciare dagli accordi per la nascita dovuta proprio al videogame omonimo. Gli accordi erano stati presi già nel 2003, ma per il ruolo dell’Agente 47 si era pensato all’attore Vin Diesel, che tre anni dopo si ritira dalla candidatura, diventando poi uno dei produttori. E’ stato prodotto anche un sequel, Hitman 2, per il quale è stato sostituito il regista, nel quale l’Agente 47 dovrà riconquistare la perduta fama di assassino senza paura.

NEL CAST DOUGRAY SCOTT

Hitman – L’assassino, il film in onda su Canale 20 oggi, giovedì 5 luglio 2018 alle ore 21.00. Hitman – L’assassino è una pellicola thriller e d’azione prodotta nel 2007 da una collaborazione tra Francia e Stati Uniti d’America. Il cast è composto da Timothy Olyphant (Ti presento Bill, Il risolutore), Dougray Scott (Perfect Creature, Dark Water), Olga Kurylenko (La corrispondenza, Le serpent), Henry Ian Cusick (Lost, The 100), Robert Knepper (Heroes, Hunger Games) e Ulrich Thomsen (L’ultimo dei templari, Centurion). La regia è affidata invece a Xavier Gens, che nello stesso anno diresse l’horror Frontiers. Il film, tratto dall’omonimo videogioco, mantiene il suo stile e quello del personaggio principale, il suo abito nero con camicia bianca, una cravatta rossa e il codice a barre tatuato nella testa. L’unico momento in cui sarà veramente in pericolo è quando si innamorerà di una ragazza russa che susciterà in lui strane emozioni. Le recensioni rivelano però che la critica ritiene il film la cosiddetta solita “americanata”, un super personaggio che non si ferma davanti a nulla e che viene però incastrato, dovendo quindi vendicarsi da solo. Ma ecco nel dettaglio la trama del film.

HITMAN-L’ASSASSINO, LA TRAMA DEL FILM THRILLER

Il protagonista della pellicola è un assassino dai geni modificati, detto Agente 47. Istruito da quando era bambino per essere un mercenario, si trova però ad assistere a un colpo di stato in Russia e comincia il suo inseguimento da parte dell’Interpol e dell’esercito. Essendo chiuso ai rapporti personali, l’Agente 47 riesce comunque a comunicare il suo carisma, accompagnato da un’ottima sceneggiatura e dalla regia che ne delineano le caratteristiche. Anche gli altri personaggi non sono da meno e nessuno ha un carattere univoco. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori