Lisa, il tumore e il “miracolo” di Padre Pio/ “L’ho sognato prima di una risonanza e…” (La Vita in Diretta)

- Silvana Palazzo

Lisa, il tumore e il “miracolo” di Padre Pio: “L’ho sognato prima di una risonanza e…” Il racconto a La Vita in Diretta della cantante che ha vinto l’edizione di Ora o mai più

lisa_ora_o_mai_piu_2018
Lisa

Lisa, vincitrice di “Ora o mai più”, ospite a La Vita in Diretta per parlare della sua esperienza nel programma di successo di Rai 1 condotto da Amadeus. «È stata una grandissima emozione, poi io sono innamorata del format. Sarò per sempre grata ai produttori di questo programma meraviglioso. È stato anche terapeutico». Ma ha parlato anche del suo rapporto col “coach” Marco Masini: «Nutro grande stima per lui, ha brani straordinari. È stato bello esprimersi attraverso le sue canzoni». Ma a La Vita in Diretta la cantante ha raccontato anche la sua battaglia più grande, quella con il tumore al cervello. «È stato un colpo al cuore, è stata dura da accettare, ma ho avuto fede. Anche la musica mi ha aiutato». La malattia è piombata tra l’altro nel periodo nel quale stava avendo successo anche all’estero: «A un certo punto ho cominciato ad avvertire grandi problemi. Non riuscivo ad ammettere cosa mi stava succedendo».

LISA, IL TUMORE E IL “MIRACOLO” DI PADRE PIO

Nell’intervista a La Vita in Diretta su Raiuno, Lisa ha evidenziato l’importanza della prevenzione. La cantante ha infatti ammesso di essersi sottoposta in ritardo agli esami che le hanno permesso di scoprire che aveva un tumore al cervello. «Ecco, consiglio di non ignorare i segnali del corpo. Io sono stata un po’ vigliacca, non volevo ammettere che non stavo bene e ho aspettato un anno. Mi succedevano cose tremende, poi, quando non avevo più le forze, mi sono arresa all’evidenza e ho fatto le indagini». E così è cominciata la sua battaglia per combattere la malattia. Per lei è stata decisiva anche la fede: «Sono molto devota a padre Pio. L’ho segnato prima della mia ultima risonanza. Non dimenticherò mai quella luce immensa. Ho sentito una carezza sulla testa… Poi mi hanno detto che non c’era nulla. Quello resta il mio miracolo, ognuno lo chiami come vuole».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori