Carlo Cracco sbarca su Netflix / Dopo l’addio a Masterchef parteciperà a The final table

- Matteo Fantozzi

Carlo Cracco sbarca su Netflix, dopo l’addio a Masterchef parteciperà a un cooking show che lo vedrà sfidare i migliori colleghi del mondo. Il programma si chiamerà The final table.

carlo_cracco_hell_kitchen_4_facebook_2017
Carlo Cracco a Hell's Kitchen Italia 4

Carlo Cracco si prepara a passare da giudice, ruolo ricoperto per diversi anni in Masterchef, a “giudicato”. Sarà infatti protagonista di The Final Table il nuovo cooking show lanciato dalla piattaforma streaming Netflix che vedrà confrontarsi l’uno contro l’altro i più grandi chef del mondo con Carlo Cracco a rappresentare la nostra nazione. E’ questa una delle due grandi novità della stagione di Netflix e l’altra sarà una docu-serie originale sul Mondiale di Formula 1 molto attesa dal pubblico che segue sempre con attenzione questa tipologia di contenuti. Sarà per Carlo Cracco una splendida sfida che lo porterà a confrontarsi anche con modus operandi e culture culinarie molto diverse dalla sua. Il rigido chef di Masterchef sarà così messo sotto torchio dai nuovi giudici che gli faranno capire a modo loro quanto provato in lunghi anni passati a giudicare gli altri.

I CONCORRENTI IN GARA

La sfida di The Final Table vedrà Carlo Cracco confrontarsi con chef provenienti da tutto il mondo. Lo show vedrà in gara 12 squadre composte da due chef con piatti tipici di tantissimi paesi come Messico, Inghilterra, Giappone, Spagna, India ma anche Italia. Ogni puntata un paese diverso e la sua cucina saranno protagonisti e sottoporranno a uno stress decisamente importante i protagonisti. Insieme a Carlo Cracco vedremo presenti Enrique Olvera per il Messico, Andoni Aduriz per la Spagna, Clare Smyth per il Regno unit, Helena Rizzo per il Brasile, Vineet Bhatia per l’India, Grant Achatz per gli Stati Uniti, Yoshihiro Narisawa per il Giappone e infine Anne-Sophie Pic per la Francia. Si tratta di grandissimi volti della cucina internazionale, conosciuti in tutto il mondo per il loro spirito di innovazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori