ERMAL META, NIENTE FOTO DOPO IL CONCERTO / “Non sono un trofeo da esibire”

- Anna Montesano

Ermal Meta risponde ai fan furiosi perché, dopo il concerto, non si è fermato a fare foto. “Non si va ai concerti per poi esibire un trofeo fotografico”. Web spaccato.

ermal_meta_amici17_PaoloDeFrancesco_cs_2018
Ermal Meta

Ermal Meta non ci sta e a chi aspettava una foto dopo il concerto, risponde a tono ricordando a tutti di non essere un trofeo da esibire. Il cantautore albanese naturalizzato italiano, sempre schietto e sincero, solitamente disponibile con tutti e pronto a regalare un sorriso ai suoi fans, dopo l’ultimo concerto, ha preferito non fermarsi per scattare foto con i presenti. Una scelta che non è piaciuta a chi, di quel momento, avrebbe voluto avere un ricordo. Ermal, però, con le sue parole, fa intuire che il ricordo di un concerto è quello di condividere una passione con tanta altra gente. Sui social, infatti, molti utenti si sono ritrovati d’accordo con il cantautore. “Finalmente gliel’hai detto! Non si può assistere ad un concerto e vedersi davanti tanti cellulari in alto e non riuscire a vederti e sballarsi come si deve ad un concerto. Grande Ermal” – scrive qualcuno mentre qualcun altro aggiunge – “Verissimo; lo dico sempre anch’io…grande Ermal” (aggiornamento di Stella Dibenedetto).

ERMAL META: POLEMICA PER LE FOTO

Il cantante Ermal Meta, attraverso un post su Facebook, ha scatenato grandi polemiche con i fan. Riportiamo il post dell’ultimo vincitore del Festival di Sanremo insieme a Fabrizio Moro con “Non mi avete fatto niente”: “C’è gente che mi scrive di essere rimasta con l’amaro in bocca perché dopo il “bellissimo ed emozionante” concerto non mi sono fermato a fare le foto. Vorrei dire con grande serenità a tutti i delusi dell’ultima ora che non si va ai concerti per poi esibire un trofeo fotografico sul proprio social, ma per vivere un’esperienza. Mettete giù sti telefoni e godetevi le esperienze. Un abbraccio a tutti, con affetto. Ermal”. La risposta piccata dei tantissimi fan non si è fatta attendere, riportiamo alcuni commenti postati sotto la riflessione del cantante: “E se invece di un “trofeo fotografico” fosse stata semplicemente, per qualcuno, la voglia di salutarti scambiare un sorriso e portarsi a casa il ricordo speciale di aver sentito qualcuno che apprezzi e stimi vicino per un momento? Mah”.

LA RISPOSTA DEI FAN FURIOSI

“Per chi è un vero fan e un sogno poter incontrare il suo cantante preferito, e non vedo cosa ci sia di male volerlo incontrare.. almeno x una volta nella vita!” “Non posso esprimermi come vorrei perchè faccio parte del comitato festeggiamenti che ha permesso questo concerto ho vissuto la cosa in prima persona insieme al mio fantastico gruppo, ma vedere mia figlia di 8 anni in lacrime che lo aspettava sotto il palco mi ha davvero lasciato l’amaro in bocca; dopo un anno di duro lavoro per rimediare i soldi e non poter riuscire a vedere neanche il concerto, una foto o un semplice saluto dal furgone mentre scappava sarebbe stato il minimo”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori