UN POSTO AL SOLE CANCELLATO?/ “Si rischia la rivoluzione”: le rivelazioni dell’attrice Miriam Candurro

- Rossella Pastore

Miriam Candurro parla della presunta chiusura di Un posto al sole: “Sarebbe terribile, scenderebbe in piazza tutta l’Italia”. Oltre alla soap, un nuovo libro in stampa.

miriam_candurro_2018
Miriam Candurro è Serena in Un posto al sole

“Credo che togliere Un posto al sole agli italiani sarebbe come togliergli una parte della famiglia”. Miriam Candurro, Serena in Un posto al sole, non usa mezzi termini: “Chi ci segue si sente legato quasi da un rapporto di parentela: quando ci incontrano per strada ci salutano direttamente col bacio. Sarebbe come lasciare una parte dell’Italia orfana”. E ancora: “La vera magia della serie è legata al fatto che raccontiamo storie molto attuali. Il nostro grande segreto è che siamo una finestra vera sull’Italia, una finestra senza filtri: raccontiamo quello che succede davvero nel paese”. Un posto al sole come Novantesimo minuto: se chiudesse, “scenderebbero in strada uomini e donne”. Al Messaggero parla addirittura di “rivoluzione”: “Credo proprio che succederebbe qualcosa del genere”.

UN FUTURO DA SCRITTRICE

Non solo fiction: Miriam Candurro, un piano B, ce l’ha eccome: “Ho accettato la scommessa di pubblicare un libro. Con la scrittura mi affido al pubblico senza schermi; sono molto orgogliosa del risultato finale”. Il titolo del romanzo – edito Garzanti – è Vorrei che fosse già domani. Il racconto ruota attorno a Paolo e Cristina, due amici sinceri destinati a “qualcosa in più”. Sinossi: “Era come se l’anima di Paolo, sciogliendosi in mille gocce, le fosse piovuta nel cuore. Era sempre stato quello il posto di Paolo, il suo cuore, da sempre, già da prima che si incontrassero. Da prima del big bang. Da prima del mondo. Da prima di tutto”. Vorrei che fosse già domani nasce dalla collaborazione con Massimo Cacciapuoti. Insieme esplorano il delicato mondo degli adolescenti, in un romanzo consapevole che è più di una storia d’amore.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori