Xiaomi prende in giro Apple/ Ecco la campagna virale “contro” iPhone: agli stessi prezzi tanti gadget

Xiaomi in giro Apple. La celebre azienda ha presentato di recente gli ultimi costosissimi iPhone, facendo storcere il naso sia agli estimatori che alle aziende concorrenti.

16.09.2018 - Valentina Gambino
xiaomi-bundle-prezzi-iphone-xs-xr-02
Xiaomi prende in giro Apple

Xiaomi in giro Apple. La celebre azienda ha presentato di recente gli ultimi costosissimi iPhone, facendo storcere il naso sia agli estimatori che alle aziende concorrenti. I prezzi infatti, non sono assolutamente alla portata di tutti e, per portarsi a casa il top di gamma al pieno delle sue qualità, bisognerà sborsare quasi 1.700 euro (in Italia).  Xiaomi non ha mai fatto mistero di essersi ispirata ad Apple, imitando in maniera sottile, linee guida e design. Ecco perché in Cina, hanno prontamente condiviso per gli utenti (cinesi) XS Set, XS Max Set e XR Set, ovvero bundle di prodotti Xiaomi che, nell’insieme, costano quanto ognuno dei nuovi modelli di iPhone. Si parte infatti con il bundle più economico dove potreste portarvi a casa uno smartphone Mi8 6/128 GB, un Mi Notebook Air 12.5 4/256 GB, una Mi Band 3 e degli auricolari Bluetooth. Con gli altri bundle si giunge al Mi Notebook Pro e a tagli di memoria ancora più alti, provando che, se si rinunciasse ai costosissimi nuovi iPhone, ci si potrebbe rivestire dalla testa ai piedi di gadget tecnologici di ottima qualità.

Xiaomi prende in giro Apple

I bundle dei prodotti sono denominati XR suite, XS suite e XS Max e sono prezzati esattamente come i prezzi di partenza dei tre nuovi modelli di iPhone in Cina. I prodotti Apple sono estremamente popolari in Oriente e hanno un prezzo troppo alto per molti cinesi. Ricordiamo bene il triste e sfortunato episodio accaduto nel 2012 quando un ragazzo di 17 anni di Anhui, una delle province più povere della Cina, ha venduto il suo rene per 22.000 yuan e ha usato i soldi per comprare un iPhone e un iPad. Il prezzo dei prodotti Apple in questi anni, ha continuato a salire vertiginosamente e Xiaomi sta forse cercando di prevenire casi così allarmanti di adolescenti che vendono i loro reni per ottenere un iPhone. I “pacchetti” proposti infatti, mettono di fronte l’utente meglio all’acquisto di numerosi gadget al prezzo di un solo iPhone. Naturalmente gli articoli sono in vendita separatamente e questa è solo una strategia di marketing per affrontare la concorrenza. Le vendite di iPhone in Cina sono crollate negli ultimi tempi proprio a causa dell’aumento di marchi rivali come Xiaomi, OPPO, Vivo e altri.

I commenti dei lettori