Emmy Awards 2018, vincitori e premi/ La vittoria di Game of Thrones delude ma…

- Annalisa Dorigo

“The Marvelous Mrs. Maisel” è il grande trionfatore degli Emmy Awards 2018, conquistando ben quattro statuette. Positivi anche i risultati per “Game of Thrones”.

emmy_2017
Emmy Awards 2017

Dopo la poco brillante settima stagione di Game of Thrones e l’imponente ottava ormai alle porte, in molti erano sicuri che la serie HBO non avrebbe portato a casa nemmeno una statuetta ma così non è stato. In una delle categorie più ambite, ovvero quella di Migliore serie tv drammatica, Il Trono di spade ha prevalso sulle sue colleghe. Magari non è stato difficile battere una serie come This Is Us, vera rivelazione con la sua prima stagione ma poi assestatasi sulla “normalità” dei drama, stessa cosa per Westworld e magari anche per The Crown, ma non si spiega come abbia fatto a battere la mitica ultima stagione di The Americans o la seconda di The Handmaid’s Tale, ancora migliore, se possibile, della prima. Le polemiche non mancano e altre potrebbero arrivarne nelle prossime ore, voi da che parte state? (Hedda Hopper)

POSITIVI I RISULTATI DI THE ASSASSINATION OF GIANNI VERSACE

Lo sapevamo fin dall’inizio che sarebbe stata una delle cerimonie più sorprendenti degli ultimi anni ed, infatti, gli Emmy Awards 2018 non hanno deluso le aspettative. Tanti i riconoscimenti inaspettati, a partire dal vero trionfatore di questa edizione, la serie “The Marvelous Mrs. Maisel” che ha conquistato ben quattro statuette di grande peso: miglior comedy, miglior attrice protagonista a Rachel Brosnahan, miglior attrice non protagonista ad Alex Borestein, miglior sceneggiatura e miglior regia di un pilot. Positivo anche il ritorno di “Game of Thrones” che, dopo l’assenza del 2017, si è aggiudicato due statuette (le nominations però erano ben 22) come miglior serie drammatica e come miglior attore non protagonista a Peter Dinklage (è la terza volta che il personaggio di Tyrion Lannister conquista l’ambito riconoscimento). Più che positivi anche i risultati per “The Assassination of Gianni Versace: American Crime Story” con tre premi: miglior miniserie, miglior attore protagonista a Darren Criss e miglior regia a Ryan Murphy.

I GRANDI FAVORITI

Per tutti gli appassionati di tv si avvicina la notte più magica dell’anno: fra poche ore saranno infatti consegnati gli “Oscar” a chi, nel corso degli ultimi mesi, si è distinto per la sua attività sul piccolo schermo. Ma chi la spunterà fra Game of Thrones, assente lo scorso anno per questioni di tempistica, e The Handmaid’s Tale, data già per favorita? E riuscirà Keri Russell a stringere in mano la prestigiosa statuetta come Miglior Attrice Protagonista? In attesa di scoprirlo, The Independent ha stilato una classifica tra i vincitori probabili e quelli dati per certi per le categorie chiave di questa edizione. Secondo il noto giornale, infatti, tra le serie drammatiche merita il trionfo il thriller di spionaggio di FX The Americans, ma alla fine, probabilmente, a spuntarla sarà The Handmaid’s Tale, data già per favorita. A stringere la statuetta come Miglior Attrice protagonista in una serie drammatica sarà invece quasi certamente Elisabeth Moss con The Handmaid’s Tale, che avrebbe già potuto trionfare lo scorso anno. Mentre il miglior attore maschile per una serie drammatica, sempre secondo The Independent, sarà Sterling K Brown di This Is Us, anche se meriterebbe la vittoria il suo collega Matthew Rhys di The Americans. I pronostici saranno confermati nell’evento di oggi? (Agg. di Fabiola Iuliano)

DARREN CRISS PRONTO A VINCERE SU “SHERLOCK”

La grande notte degli Oscar della tv si sta avvicinando a grandi passi e tra i favoriti e i possibili vincitori nella categoria di protagonista maschile in una miniserie potrebbe essere lui, Darren Criss. Nei prossimi Emmy Awards 2018 in scena tra qualche ora a Los Angeles, l’attore che abbiamo conosciuto in Glee e che abbiamo amato e ammirato alla follia in American Crime Story L’assassinio di Gianni Versace, potrebbe essere il vincitore di una delle categorie più importanti. L’attore si scontrerà, tra gli altri, con Antonio Banderas e la sua versione di Picasso, ma anche l’amato Sherlock Holmes ovvero Benedict Cumberbatch che questa sera concorrerà nella sezione miniserie per via della sua partecipazione alla drammatica e intensa Patrick Melrose. Completeranno la rosa i “meno” papabili ovvero Jeff Daniels in The Looming Tower, Jesse Plemons in USS Callister e John Legend in Jesus Christ Superstar Live in Concert. Come andrà a finire la serata per loro? (Hedda Hopper)

LA DIRETTA SU RAI4

Si sta per alzare il sipario deglii Emmy Awards 2018, gli Oscar della televisione americana, che avranno luogo lunedì 17 settembre al Microsoft Theatre di Los Angeles. In Italia, si potrà seguire in diretta su Rai4 nella notte tra lunedì 17 settembre e martedì 18 settembre, dall’1:55 alle 5 (l’evento sarà trasmesso anche su Radio2). La 70esima edizione degli ambiti premi sarà condotta da Michael Che e Colin Jost, storici presentatori del Saturday Night Live e potrà contare su ospiti di primissimo livello. Tra coloro che annunceranno i vincitori delle varie categorie sono, infatti, ci saranno Ben Stiller, Michael Douglas, Alec Baldwin e Kimmy Kimmel. Tra le varie candidature, la serie che ha ottenuto il maggior numero di nomination è ‘Game of Thrones’, prodotta negli Stati Uniti dalla HBO e trasmessa in Italia sulla piattaforma Sky. ‘Game of Thrones’, che nel 2017 non era presente, ha ottenuto ben 22 nominations, seguita da da ‘Westworld’ e ‘Saturday Night Live’ che hanno raggiunto quota 21. La competizione quest’anno appare particolarmente agguerrita sia per quanto riguarda i riconoscimenti più importanti che sul fronte degli attori.

LE SERIE IN NOMINATION

La categoria più attesa nella cerimonia degli Emmy Awards 2018 è la Miglior serie drammatica, nella quale si trovano in nomination ‘Game of Thrones’, ‘The Handmaid’s Tale’ , ‘The Americans’, ‘The Crown’, ‘Stranger Things’, ‘This is us’ e ‘Westworld’. I pronostici della vigilia invitano a non dare nulla per scontato. Sarà questa l’ultima occasione per ‘The Americans’ che, oltre alla categoria di miglior serie drammatica, è in gara con i suoi attori protagonisti (Matthew Rhys e Keri Russell). Per quanto riguarda le commedie, la lotta sarà tra ‘Atlanta’, ‘Barry’, ‘Black-ish’, ‘Curb Your Enthusiasm’ ,’Glow’, ‘The Marvelous Mrs. Maisel’, ‘Silicon Valley’ e ‘Unbreakable Kimmy Schmidt’. Grande attesa anche per la categoria Migliori miniserie nella quale si confronteranno ‘Genius: Picasso’; ‘Godless’, ‘American Crime Story: L’assassinio di Gianni Versace’ , ‘Patrick Melrose’ e ‘The Alienist’. In questo caso sembra probabile che possa spuntarla ‘American Crime Story’ oltre che il suo attore Darren Criss.

GLI ATTORI IN NOMINATION

Per la prima volta negli ultimi 18 anni non è il canale HBO ad ottenere il maggior numero di nominations agli Emmy Awards. La cerimonia di premiazione di questa sera sarà, infatti, dominata dal colosso web Netflix, che di riconoscimenti ne ha ottenuti ben 112. Tra gli attori più attesi, segnaliamo le nominations di Claire Foy (The Crown), Tatiana Maslany (Orphan Black), Elisabeth Moss (The Handmaid’s Tale), Sandra Oh (Killing Eve), Keri Russell (The Americans) ed Evan Rachel Wood, (Westworld) per la Migliore attrice in una serie drammatica. Anche sul fronte maschile, la competizione appare ancora aperta e vede scontrarsi gli artisti in nomination Jason Bateman (Ozark), Sterling K. Brown (This Is Us), Ed Harris (Westworld); Matthew Rhys (The Americans), Milo Ventimiglia (This Is Us) e Jeffrey Wright (Westworld). Per quanto riguarda la statuetta maschile dedicata alle commedie, la gara si farà tra Anthony Anderson (Black-ish); Ted Danson (The Good Place), Larry David (Curb Your Enthusiasm), Donald Glover (Atlanta), Bill Hader (Barry) e William H. Macy (Shameless).





© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori