QUALUNQUEMENTE, RAI MOVIE / Streaming video del film di Giulio Manfredonia (oggi, 18 settembre 2018)

- Cinzia Costa

Qualunquemente, il film in onda su Rai Movie oggi, martedì 18 settembre 2018. Nel cast: Antonio Albanese, Lorenza Indovina, Davide Giordano, alla regia Giulio Manfredonia. Il dettaglio.

qualunquemente_film
il film commedia in prima serata su Rai Movie

La critica ha apprezzato il film “Qualunquemente” di Antonio Albanese: “Il cast è indovinato, molte battute diverranno un must, Albanese è Albanese (ovvero un grande) e il suo Cetto una maschera destinata a restare anche quando (ma quando?) non sarà più così attuale”, ha scritto Alessandra Levantesi Kezich, su La Stampa. E ancora: “Bravissimo Albanese, ci porta la fotografia, spinge a guardare dentro, invita alla risata con complesso di colpa incorporato, obbligando Manfredonia a inseguire il campione illegale di un’Italia martoriata nella volgarità. Latita un po’ la sceneggiatura, ma c’è un grande cast”, ha commentato Maurizio Porro, sul Corriere della sera. Giorgio Carbone, su Libero, ha apprezzato i personaggi: “Dalla moglie al portaborse al ‘ragioniere’ è un festival di macchiette tutte schizzate col segno grosso. Però vivaci, però esilaranti. Si ride. Come a certe vignette di Vauro”. Ricordiamo che “Qualunquemente”, clicca qui per vedere una scena del film, andrà in onda su Rai Movie a partire delle 21.10 ma sarà possibile vederlo anche sintonizzando i propri dispositivi mobile a Rai Play, cliccando qui.

CURIOSITÀ SULLA PRODUZIONE DEL FILM 

Qualunquemente è una pellicola di genere commedia che è stata prodotta nel 2011 in Italia ed è stata diretta da Giulio Manfredonia mentre la produzione è stata firmata da Domenico Procacci. La distribuzione è stata eseguita dalla 01 Distribution, il montaggio è frutto del lavoro di Cecilia Zanuso, le musiche della colonna sonora sono state composte e eseguite dalla Banda Osiris mentre i costumi usati dagli attori sul set sono disegnati da Roberto Chiocchi. Tra i principali protagonisti di questa pellicola sicura l’attore italiano Davide Giordano nato a Palermo nel marzo del 1987. Da sempre animato da una grande passione per la recitazione inizia studiata nel 2003 presso la scuola del Teatro Biondo di Palermo per poi entrare nell’accademia nazionale d’arte drammatica Silvio D’Amico dove terminerà gli studi nell’anno 2009. La sua carriera cinematografica ha avuto inizio nell’anno 2011 allorché si è trovato a collaborare con il regista Francesco Antonio Castaldo per la realizzazione del film Il sesso aggiunto, nello stesso anno arriva anche la collaborazione proprio con Giulio Manfredonia per la pellicola Qualunquemente mentre nel 2012 a prima collaborato con Giuseppe piccioni per il film Il rosso e il blu e quindi con il sempre Giulio Manfredonia per la pellicola Tutto tutto niente niente. Tra gli altri lavori che fino a questo momento mi hanno scandito la carriera ricordiamo noi eravamo di Leonardo Tiberi, Tutto il mondo è paese di Giulio Manfredonia, Libero Grassi e I 57 giorni Paolo Borsellino.

NEL CAST ANTONIO ALBANESE

La programmazione di Rai Movie per la prima serata di questo martedì 18 settembre 2018 prevede a partire dalle ore 21:10 la messa in onda del film Qualunquemente. Si tratta di una pellicola italiana prodotta dalla casa cinematografica Fandango nel 2011 in collaborazione con Rai Cinema e Technicolor SA mentre la distribuzione è stata gestita esclusivamente dalla 01 Distribution. La regia della pellicola è stata affidata Giulio Manfredonia mentre sia il soggetto che l’adattamento della sceneggiatura sono stati realizzati da Antonio Albanese e Piero Guerrera. Nel cast sono presenti Antonio Albanese, Lorenza Indovina, Davide Giordano, Salvatore Cantalupo, Sergio Rubini e Antonio Gerardi. Ma ecco nel detaglio la trama del film.

QUALUNQUEMENTE, LA TRAMA DEL FILM

Cetto è un boss che in ragione delle sue tante pendenze con il mondo della legge è dovuto scappare in Sud America dove praticamente si è fatto una nuova vita al fianco di una bellissima ragazza brasiliana dalla quale ha avuto una splendida figlia. Essendo andato in prescrizione qualsiasi capo di accusa nei suoi confronti Cetto può finalmente ritorna nella sua amata cittadina portando con sé anche la nuova compagna e la figlia e manco a dirlo, come prima cosa decide di andare da sua moglie e dal figlio Melo. L’impatto ovviamente non è dei migliori in quanto ci sono diversi scontri per questioni che Cetto non riesce proprio a capire in quanto trova assolutamente normale che un uomo come lui durante un periodo di lunga latitanza abbia instaurato una nuova famiglia per altro una donna di cui non ricorda puntualmente il nome. Tuttavia a preoccuparlo non è il rapporto tra le sue due famiglie pensi quello che sta accadendo nella cittadina in quanto sembra essere in arrivo una pericolosa ventata di legalità che potrebbe mettere a rischio tutte le sue proprietà che evidentemente sono state create non rispettando la legge. Su consiglio dei suoi vecchi amici e collaboratori Cetto decide quindi di prendere parte alle elezioni comunali allo scopo di diventare il primo cittadino e quindi dettare le leggi a proprio convenienza. Ha così inizio una lunga e dura battaglia elettorale nel corso della quale cercherà di avere un approccio maggiormente onesto rispetto alla collettività seguendo i consigli di uno stretto collaboratore che comunque alla fine per farlo vincere dovrà comunque far truccare una serie di schede elettorali. Diventato il primo cittadino Cetto inizia a guardare al futuro con estremo entusiasmo ed in particolare alla costruzione di una fantomatico ponte dalle dimensioni faraoniche.





© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori