Jimmy Ghione cacciato dall’Agenzia delle entrate/ Nel bar interno il caffè è in nero (Striscia la Notizia)

- Matteo Fantozzi

Torna Striscia la Notizia e con il tg satirico anche i servizi di Jimmy Ghione. L’inviato è stato all’Agenzia delle Entrate di Eur 6 – Torrino a Roma, accorgendosi di un fatto strano.

jimmy_ghione_striscia
Jimmy Ghione

Striscia la Notizia fa il debutto stasera su Canale 5 con una nuova edizione. Al timone troveremo quella che è ormai una coppia storica formata da Ezio Greggio e Michelle Hunziker. Tra i tanti ritorni ci sarà anche quello dello storico inviato Jimmy Ghione protagonista di un servizio che andrà in onda proprio stasera. Questi si è recato all’Agenzia delle Entrate di Eur 6 – Torrino a Roma. Pare che il bar all’interno della suddetta Agenzia non rispetti le normali regole fiscali e non rilasci scontrini fiscali. Le anticipazioni che arrivano da Canale 5 sottolineano come ci siano immagini molto importanti che immortalino senza dubbio quello che accade tutti i giorni sotto gli occhi di dirigenti e dipendenti. Pare poi che Jimmy Ghione abbia chiesto delle spiegazioni su questo atteggiamento per essere allontanato dall’edificio senza ricevere nessun tipo di risposta.

IL PAESE DEI CONTROSENSI

Il servizio di Jimmy Ghione a Striscia la notizia rilancia quello che da molto tempo è sotto gli occhi di tutti e cioè che il nostro è sempre più il paese dei controsensi. Un servizio all’interno dell’Agenzia delle Entrate che non effettua regolarmente scontrini è un lampante esempio. Fare evasione fiscale proprio all’interno dell’organo che la dovrebbe combattere potrebbe essere un inquietante precedente. Di certo il nostro sistema deve ripartire dalle fondamenta per provare ad estirpare quelli che sono evidentemente dei mali inaccettabili. È così che combattere l’evasione fiscale deve diventare non solo un compito, ma anche un banco di prova. Ci si aspetta infatti che un bar all’interno della sede di un’Agenzia delle Entrate possa dare l’esempio e non generare polemiche ulteriori.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori