GERRY SCOTTI/ “Insinna? Giusto averlo allontanato per un po’” (Tu si que Vales)

- Francesco Agostini

Gerry Scotti, giudice a Tu si que vales, va giù duro contro il collega Rai Flavio Insinna, ancora fuori dai giochi dopo la clamorosa sfuriata contro la concorrente. 

gerry_scotti_2018
Gerry Scotti

Gerry Scotti è uno dei volti più amati della televisione italiana e il suo ruolo di giudice all’interno del format Tu si que vales lo conferma abbondantemente. Lo ‘zio Gerry’ ha da poco ricominciato anche a condurre il suo show del preserale di Mediaset, quel Caduta libera, che ha fatto divertire e che continua a tenere banco tra gli appassionati del genere. Certo, per quest’anno le cose saranno più difficili visto che Mediaset per mandare in onda i mondiali ha di fatto lasciato per parecchio tempo campo libero alla Rai, che ne ha prontamente approfittato. La sfida si preannuncia quindi ardua ma Gerry Scotti non sembra intimorito, come ha lui stesso raccontato a Libero Quotidiano: “Quest’anno arrivo dopo tre mesi di non concorrenza con i nostri rivali e ci dovremo rimboccare le maniche per rimetterci in carreggiata. L’anno prossimo se dovesse servire mi metterò io a scrivere e condurre un programma televisivo in modo danon ripetere lo stesso errore.” Un Gerry Scotti vagamente pungente, dunque, che non esiterà due secondi a dare il meglio di sé per riprendersi quella che è la sua ‘comfort zone’.

INSINNA NEL MIRINO

La faccia del buono il buo Gerry Scotti ce l’ha, ma non sempre l’apparenza rispecchia quello che siamo realmente. Lo storico presentatore ha voluto dire la sua dopo parecchio tempo sul caso Insinna, non risparmiandogli le dovute critiche per quello che aveva fatto a una sua concorrente (ricorderete senz’altro l’epiteto ‘nana di m…’ oppure frasi davvero infelici come ‘la lavoro io la merce’): “Flavio è stato allontanato per un bel po’ dalla Rai ed è stato fatto con tutte le ragioni del mondo”. Poi, però, lo zio Gerry ha aggiiustato il tiro dicendo che “però adesso è giusto che lui torni nel giro, ha pagato”. Insomma, un colpo di qua e un colpo di là, come si suol dire, che però non lascia spazio a libere interpretazioni di alcuna sorta. Decisamente più morbido, invece, sui concorrenti storici dei suoi programmi preserali: “Sono sempre stato un dirimpettaio e vicino di casa onesto, Amadeus e Carlo Conti sono per me due grandi amici. La concorrenza stimola e fa sempre bene.” Bisognerà vedere se il suo programma, Caduta libera, riuscirà a riprendersi lo spazio che merita nel cuore della gente.

GERRY SCOTTI: LE POLEMICHE SUL FIGLIO EDOARDO

Nonostante il sorriso sempre stampato in faccia, Gerry Scotti in questi anni ha vissuto più di una situazione spiacevole. La prima, purtroppo, è stata quella relativa alla separazione dalla propria moglie, che ha influito su tutti, anche sul figlio Edoardo. Proprio su di lui non molto tempo fa sono piovute pesanti alcune critiche riguardo alle raccomandazioni e alle ingerenze del padre per farlo lavorare in televisione; nello specifico Gerry Scotti è stato accusato di aver spinto troppo per farlo entrare a lavorare insieme a lui in Mediaset. Su Kontrokultura lo zio Gerry, però, ha rispedito al mittente tutte le accuse piovutegli addosso: “Non è vero che ho raccomandato mio figlio per lavorare, se è qui è perché sa fare bene il suo lavoro a prescindere dal cognome che porta. Ha studiato diversi anni negli Stati Uniti d’America e non è affatto uno sprovveduto.” Insomma, tra la concorrenza di mamma Rai, il divorzio e le accuse al figlio Edoardo (che, per inciso, ha fatto l’inviato in un suo programma, ‘Lo show dei record) per Gerry Scotti questo non è davvero un momento semplice.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori