Serena Rossi è Mimì Martini in “Io sono Mia”/ “Loredana Bertè mi ha fatto piangere perché…”

Esce nei cinema il film Io sono mia, storia della cantante Mia Martini

11.01.2019 - Paolo Vites
miamartini_speciale_techetechete
Mia Martini, il film a lei dedicato (Web)

Sarà nei cinema dal 14 al 16 gennaio Io sono mia, il film biografico che racconta la storia della cantante scomparsa in circostanze tragiche Mia Martini. Il suo ruolo lo interpreta Serena Rossi. Il film verrà poi trasmesso su Rai 1 subito dopo ill festival di Sanremo, luogo dove comincia il film, durante la sua ultima esibizione nel 1989. Ha collaborato la sorella Loredana Bertè mettendo a disposizione molti particolari inediti della vita di Mia. Altri amici della cantante, come Ivano Fossati e Renato Zero, invece non hanno voluto prendere parte. Intervistata da La Stampa, Serena Rossi dice che mentre recitava le è capitato spesso di piangere subendo forti emozioni: “Ho capito che le proprie idee vanno portate avanti costi quel che costi senza piegarsi compromessi e che le donne con un carattere vengono accusate di averlo brutto”.

I COMPLIMENTI DI LOREDANA BERTE’

A proporle il ruolo il produttore Luca Barbareschi anche se, spiega, il progetto è poi rimasto fermo per tre anni. Per lavorare alle canzoni di Mia Martini spiega di aver lavorato con la sua migliore amica, Alba Calla e quindi con un coach di recitazione e di canto: “Il complimento più bello me lo ha fatto Loredana dicendomi che non imitavo Mia, ma le ho catturato l’anima”. Nel film la dura vita della donna: i problemi con il padre, le accuse di portare sfortuna, la solitudine più dell’ingiustizia subita. E poi l’abbandono dell’uomo che l’aveva lanciata al successo, Crocetta che lei accusò di averla lasciata sola quando gli altri la massacravano. Loredana Bertè, spiega Serena Rossi, non si è mai fatta vedere sul set: “Ci siamo incontrati solo adesso e mi ha fatto piangere, il suo è stato un atto di generosità lasciarci fare il film senza porre condizionamenti”. Che cosa le è rimasto di lei? “Mi piace il suo essere volitiva, integra, dignitosa e la sua grande eleganza”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA