AMADEUS/ “C’è posta per te è l’avversario più tosto, è una trasmissione perfetta” (Ora o mai più 2019)

- Emanuele Ambrosio

Amadeus alla vigilia di “Ora o mai più” si è raccontato tra passato e presente: “sento questa trasmissione particolarmente vicino a me”

amadeus_rai1
Amadeus (LaPresse)

Amadeus torna in tv alla conduzione della seconda edizione di “Ora o mai più 2019“. Per l’occasione si è raccontato in una lunga intervista concessa al settimane DiPiù Tv in cui ha parlato della sua vita professionale, ma anche di un momento difficile in cui ha rischiato di sparire dalla tv. “Sono doppiamente felice di tornare in tv con Ora o Mai più” – ha dichiarato il conduttore – “Sono felice perché questo programma era partito come una scommessa, un esperimento estivo senza troppe aspettative”. Poi “Ora o mai più” è scoppiato conquistando critica e pubblico: “è andato così bene che ora ha conquistato il sabato sera di Raiuno”.  Amadeus è al settimo cielo per la promozione in prima serata peraltro di sabato sera: “sento questa trasmissione particolarmente vicino a me, come i cantanti che vi partecipano ho passato un periodo buio n cui la mia carriera sembrava finita per sempre. Anche io come loro sono caduto, ma sono riuscito a rialzarmi e tornare al successo”.

Amadeus, “Ho rischiato di sparire dalla tv”

Tutto è successo nel 2006 come ha raccontato a DiPiù: “all’apice del successo decisi di lasciare il quiz di Raiuno “L’Eredità” e al posto mio arrivò Carlo Conti. Fu un grande errore. Dopo ho fatto una serie di programmi sbagliati che mi hanno portato a rischiare di sparire dalla tv”. Sono stati tre anni difficili, che Amadeus ha superato grazie all’affetto della famiglia: “Alice, la figlia nata dal mio primo matrimonio che allora aveva nove anni e Giovanna, che allora era la mia compagna e tre anni dopo è diventata mia moglie e madre di Josè, il mio secondo figlio. Grazie a loro ho tenuto duro”. Per fortuna poi Amadeus ha avuto la sua seconda possibilità ed oggi è uno dei conduttori di punta della Rai. Reduce dal grandissimo successo de I soliti ignoti – Il ritorno e de “L’anno che verrà”, l’evento di Capodanno di Rai1 che ha letteralmente stracciato, dal punto di vista degli ascolti, il rivale Capodanno in Musica di Canale 5, il conduttore è pronto a tornare in tv con “Ora o mai più 2”.

Ora o mai più 2: le novità

Sulla seconda edizione di Ora o mai più, il conduttore ha raccontato: “gareggeranno otto cantanti, cinque donne e tre uomini tra cui Barbara Cola, Jessica Morlacchi, Annalisa Minetti, Silvia Salemi e Donatella Milani, già scelta per la scorsa edizione, ma si era dovuta ritirare dopo solo una puntata a causa della scomparsa della mamma. Ci è sembrato doveroso richiamarla”. Poi il conduttore ha rivelato che ci saranno diversi maestri nuovi pronti a sedersi nella giuria: “ritroveremo Marcella Bella, Orietta Berti, Red Canzian e Fausto Leali presenti nella scorsa edizione. Ci saranno quattro nuovi ingressi: i Ricchi e Poveri, Toto Cutugno, Donatella Rettore e Ornella Vanoni”. Amadeus è al settimo cielo per l’ingresso dei nuovi maestri al punto da dichiarare: “senza nulla togliere agli altri, non vedo l’ora di lavorare con queste due grandi dive delle canzone, due donne imprevedibili e senza peli sulla lingua”.

La sfida con C’è posta per te di Maria De Filippi

Diverse le novità di questa edizione, a cominciare dalla diretta e dalla presenza di un televoto. Non solo “Ora o mai più” quest’anno si scontrerà con “C’è posta per te” di Maria De Filippi: “è l’avversario più tosto che ci sia, è una trasmissione talmente perfetta e rodata che sarei un folle a pensare di batterla. Questo, però, non significa che abbia intenzione di rinunciare a combattere. Mi batterò con tutto me stesso per portare a casa il miglior risultato possibile”. A chi gli domanda se sarà lui il prossimo conduttore del Festival di Sanremo visto l’appello lanciato da Fiorello, Amadeus dice: “Fiorello è un mio caro amico, l’ho ringraziato per le sue parole e gli ho detto che se dovessero chiamarmi a condurre Sanremo lui dovrà essere con me. Ovviamente accetterei, al Festival non si può dire di no, ma finché non accadrà non ci penso”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA