ELISA DI FRANCISCA/ Quando abbracciò la sfidante: “La maternità mi ha resa sensibile” (Che tempo che fa)

Elisa Di Francisca torna in tv nel salotto di Che tempo che fa, il programma della domenica sera di Raiuno condotto da Fabio Fazio

20.01.2019, agg. alle 23:52 - Emanuele Ambrosio
elisa_di_francisca_lapresse_2017
Elisa Di Francisca (LaPresse)

Elisa Di Francisca è una star della scherma italiana (e mondiale). Oggi viene celebrata a Che tempo che fa, iniziando dalla clip con Game of Thrones in sottofondo. Le sue sono state imprese al limite dell’epico. “Dopo la nascita di Ettore, il mio primo figlio, ho avuto una grande forza, una grande carica. Dopo ho vinto subito. Lui era sugli spalti, ha visto sua mamma tirare di scherma”. Anche Diletta Leotta, seduta di fianco a lei al Tavolo, è una schermitrice provetta. Così racconta le sue prodezze e Fazio si complimenta. Ma torniamo a Elisa, con il grande successo della Coppa del Mondo: “Mi trovavo a gareggiare in finale con una ragazza di diciannove anni. Era la sua prima finale in assoluto, e quando perse iniziò a piangere. Per questo la abbracciai… da quando sono madre sono più sensibile”. Prossima tappa Tokyo: “Sto imparando a cucinare il sushi”, scherza Elisa. [agg. di Rossella Pastore]

Ospite a Che tempo che fa

Elisa Di Francisca è una delle ospiti della nuova puntata di “Che tempo che fa“, il programma condotto da Fabio Fazio e trasmesso domenica 20 gennaio 2019 in prima serata su Rai1. La campionessa italiana di scherma sarà nel parterre del tavolo del programma di Raiuno per raccontare la sua vita da mamma e da sportiva. Il prossimo obiettivo? Partecipare alle Olimpiadi del 2020 che si terranno a Tokyo in Giappone. Sulle ultime gara ha raccontato al Corriere dello Sport: “Avevo delle aspettative, ma non credevo proprio di arrivare fino in fondo, perché non mi sentivo ancora pronta a livello fisico e sapevo di essere indietro rispetto alle mie avversarie. Ma sono nata per combattere: mi hanno impiantato questo meccanismo. Ce l’ho sempre avuta questa vena agonistica e, una volta in pedana, non ci sto a perdere. Sentivo che c’erano delle mancanze, ma la voglia di vincere ha avuto la meglio”.

Elisa Di Francisca: “picchiata dal mio ragazzo”

Elisa Di Francisca in passato ha raccontato anche di essere stata vittime di violenze. La campionessa, durante un’intervista rilasciata a Fox Sport, ha rivelato: “picchiata dal mio ragazzo ma sono riuscita a tornare alle gare grazie all’aiuto della mia famiglia”. Per fortuna a starle accanto c’è stata la famiglia, in cui ha trovato conforto e la forza per ricominciare e lasciarsi alle spalle questo terribile momento. L’amore è poi tornato a bussare alla porta del cuore: si tratta di Ivan Villa, il compagno con cui è sentimentalmente legata da diversi anni e con cui ha avuto Ettore, il figlio nato nel 2017. L’incontro con Ivan è avvenuto per caso in un programma televisivo come ha raccontato la campionessa a Vanity Fair: “Sono arrivata in ritardo e ho visto arrivare verso di me questo ragazzo molto arrabbiato. Ma alla fine è stato un colpo di fulmine”.

L’obiettivo finale: “chiudere la mia carriera in bellezza”

Oltre alla famiglia, Elisa Di Francisco è una mamma presente ed attenta. Nonostante la maternità e l’impegno come mamma, Elisa ha continuato ugualmente ad ottenere ottimi risultati anche nello sport. Inizialmente però non sono mancati i dubbi e le difficoltà, in particolare Elisa era preoccupata per il piccolo Ettore come ha raccontato a Il Corriere dello Sport: “avevo i sensi di colpa perchè quanto tiravo nei gironi lui stava male e aveva la febbre. Avevo mille paranoie, poi per fortuna è stato meglio. Non sono dunque pentita di averlo portato con me e continuerò a farlo perché spero di essere da esempio per lui e quando sarà grande potrà raccontare di aver contribuito ai miei successi”. Sui progetti futuri la campionessa non ha alcun dubbio. Il suo obiettivo è chiudere la carriera alla grande: “Ho già deciso di voler arrivare alle Olimpiadi di Tokyo 2020 e dare il meglio comunque vada. Ai Giochi sarà la mia ultima gara e voglio che sia memorabile”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA