Toni Servillo e il docu-film su Elvira/ Dopo le polemiche al Bellini di Napoli, presenta il suo nuovo lavoro

- Davide Giancristofaro Alberti

Toni Servillo e il docu-film su Elvira/ Dopo le polemiche al Bellini di Napoli, presenta il suo nuovo lavoro

toniservillo testori archivio1280 640x300
Toni Servillo legge "Conversazione con la morte" di Giovanni Testori (foto d'archivio)

Toni Servillo presenterà domani il docu-film “Il teatro al lavoro” presso la sala Mastroianni della cineteca di Bologna. Un documentario di un’ora girato da Massimiliano Pacifico e Diego Liguori sulle prove dello spettacolo “Elvira”, trascrizioni di Jouvet, che lo stesso Servillo porta in scena dal 2016, da Venezia a Milano, arrivando fino a Parigi. «Solo in Italia lo hanno visto più di 60mila persone – dice lo stesso Servillo soddisfatto, parlando ai microfoni del Corriere di Bologna – Jouvet racconta un suo modo di stare sul palcoscenico che è anche una particolare relazione col mondo. Gli attori come Jouvet – prosegue il noto attore e regista italiano – avevano un sentore democratico naturale, ritenevano che ciò che era appannaggio dell’elite dovesse essere trasmesso alla società». Come sottolinea Servillo, Jouvet insegna che l’attore non è un’esibizionista che cerca il successo, ma è un poeta, un uomo che “interpreta il mondo”. Il film, sottolinea lo stesso Servillo, è nato da un’idea del presidente dei Teatri Uniti, Angelo Curti, in occasione dei trent’anni della compagnia dell’attore del Belpaese «Mostrando le ambizioni ma anche i fallimenti, le crisi e gli entusiasmi del percorso».

TONI SERVILLO E IL DOCU FILM SU ELVIRA

«Sono stato molto amico di Leo De Berardinis – ha proseguito Servillo – uno dei miei maestri. Mi sono formato con le letture dei libri sul teatro di Cruciani e Meldolesi, professori del Dams e ho un legame speciale con la Cineteca» Quindi l’attore svela qualche progetto futuro: «Sta per uscire il primo film di Igort, si intitola “5 è il numero perfetto”: interpreto un vecchio killer in pensione costretto per varie ragioni a tornare in pista. Dovrebbe uscire in primavera. E poi mi sto preparando a girare come protagonista il mio secondo film con Donato Carrisi». In questi giorni Servillo è stato il protagonista di una notizia che in breve tempo ha fatto il giro del web: durante una replica proprio di Elvira, in scena al Bellini di Napoli, l’attore ha polemizzato con una spettatrice che faceva delle smorfie, invitandola ad uscire.



© RIPRODUZIONE RISERVATA