Il Collegio 3/ Vitozzi è il primo eliminato, Jennifer Poni scoppia a piangere (12 febbraio)

Il Collegio riparte oggi, 12 febbraio 2019, su Rai 2. Le anticipazioni prima puntata con allievi, professori e tutto sulla nuova edizione

12.02.2019, agg. alle 22:30 - Anna Montesano
Il Collegio, anticipazioni

Durante la prima puntata de Il Collegio 3 vengono presentati i diciotto alunni protagonisti della terza edizione del docu-reality di Rai2. Dopo la presentazione di Nicole Rossi di Roma, spetta alle sorelle gemelle Marilù e Cora Fazzini. Momenti di paura per le gemelle visto la prima presenta un compito che viene giudicato non all’altezza dai prof, mentre Cora viene subito ammessa. Alla fine anche Marilù riesce a superare il primo test e viene ammessa nel collegio. Non successo lo stesso a Vitozzi che, dopo aver dato una serie di risposte sbagliate, viene eliminato. A rimanerci molto male è l’amico William Carrozzo. Poi è la volta di Matias Caviglia che cerca in tutti i modi di introdurre uno smartphone nella scuola, ma alla fine è costretto a cederlo alle sorveglianti. Non mancano le prime polemiche, questa volta per le divise che gli alunni giudicano démodé. Intanto le ragazze cominciano a conoscersi e nascono le prime antipatie. A farsi notare è Jennifer Poni che scoppia in una crisi di pianto. (aggiornamento di Emanuele Ambrosio)

“In questo Collegio si obbedisce”

Al via questa sera la terza edizione de Il Collegio 3, il docu-reality di Rai2 che vedrà diciotto allievi tornare indietro nel tempo e vivere un periodo storico davvero importante: il 1968. Gli allievi vivranno questa esperienza presso il Collegio Convitto di Celana, a Caprino Bergamasco, dove dovranno studiare rispettando i metodi d’insegnamento evitando qualsiasi utilizzo di supporti tecnologici. Una sfida non facile che vedrà i giovani allievi alla prova visto che dalla società moderna si troveranno teletrasportati nel 1968. Arrivati al Collegio Convitto di Celana, gli allievi si presentano tra loro e scattano le prime simpatie ed antipatie. Ad accoglierli ci sono i professori e il Preside Paolo Bosisio che precisa subito: “In questo Collegio si obbedisce” prima di introdurre il primo test di ingresso. Diverse le domande tra cui: indicare l’anno di nascita della Repubblica Italiana e l’articolo numero uno della Costituzione. Gli allievi incontrano le prime difficoltà. La prima a presentarsi è Nicole Rossi di Roma. (aggiornamento di Emanuele Ambrosio)

BEATRICE COSSU TRA GLI ALLIEVI DE IL COLLEGIO 3

Tra i protagonisti della nuova edizione del Il Collegio 3 ci sarà Beatrice Cossu, una ragazza 16enne che vive in provincia di Milano. Il portale supereva ha riportato alcune dichiarazioni del papà: “È una furbacchiona, mi raggira sempre e riesce sempre a ottenere quello che vuole”. Riguardo invece Beatrice, ai provini, ha risposto ad alcune domande prima di entrare nel programma. La ragazza scenderebbe in piazza a manifestare: “Per i professori che si sentono troppo importanti e che devono scendere dal piedistallo”. Mentre per un futuro migliore bisognerebbe: “Non far più lavorare i bambini nelle fabbriche per fare le scarpe”. Visto il rapporto strettissimo con il cellulare, la ragazza dichiara che se al collegio dovessero toglierle il telefonino andrebbe davvero in difficoltà, non ci resta che attendere per capire Beatrice come ha reagito in un’epoca praticamente opposta a quella che vive quotidianamente. (Aggiornamento di Anna Montesano)

NOEMI ORTONA DARÀ FILO DA TORCERE AI DOCENTI?

Tutto pronto per la nuova edizione del Il Collegio 3, che vedrà protagonisti ragazzi dai 13 ai 17 anni pronti a cimentarsi in un’epoca totalmente opposta a quella che viviamo oggi, il 1968. Noemi Ortona sarà una delle protagoniste della nuova edizione con il portale gingergeneration che la descrive attraverso le seguenti parole: “Brava a scuola, Noemi de Il Collegio è estroversa ma selettiva nella scelta degli amici: vuole intorno solo persone «sveglie», dinamiche, intraprendenti come lei. Anche in amore pensa che la maggior parte dei ragazzi sia poco furba.” La Ortona è inoltre “Ebrea poco praticante, frequenta il gruppo Hashomer Hatzair, un movimento giovanile ebraico che ha come valori fondamentali il sionismo e il socialismo. Sensibile al tema del conflitto arabo-israeliano, si definisce pacifista. Odia le persone che prendono in giro gli altri anche se è la prima a creare delle canzoni/parodie per punzecchiare i suoi amici”. Darà da fare ai suoi professori? (Aggiornamento di Anna Montesano)

YOUSSEF KOMEIHA GRANDE PROTAGONISTA?

Tra i protagonisti del Il Collegio 3 ci sarà Youssef Komeiha, in onda a partire da stasera martedì 12 febbraio su Rai2 alle 21.20. Ricordiamo che un gruppo di ragazzi dai 13 ai 17 anni, verranno catapultati nel 1968. Youssef Komeiha, attraverso il portale supereva.it, ha raccontato alcune sensazioni riguardo l’esperienza vissuta: “Con gli amici ho un bellissimo rapporto, infatti passo moltissimo tempo con loro. Quando inizio a ridere io, contagio tutti quanti. Dalla mia risata parte tutto. Rido sempre, anche nei momenti più seri”. Anche la mamma ha voluto raccontare qualcosa del suo ragazzo: “Un suo pregio è la bontà. Va d’accordo con tutti ed è molto protettivo nei miei confronti. Non ama litigare. Quando ci sono delle liti tra amici, lui è quello che mette pace. Ed è ben voluto da tutti. Non so se è perché sono la mamma, ma per me i suoi difetti sono quasi zero”. (Aggiornamento di Anna Montesano)

GIANCARLO MAGALLI: “I RAGAZZI DI OGGI SONO IGNORANTI”

Confermatissima la voce fuori campo e prima puntata de Il Collegio 3, questo interessa a Giancarlo Magalli, il re delle polemiche tv che oggi torna in onda con la prima puntata della nuova edizione del docu-reality. I ragazzi di questa edizione si ritroveranno nel Collegio alle prese con materie e regole da seguire mentre sullo sfondo vanno in scena le rivoluzioni del ’68. Sul programma ha detto la sua proprio il conduttore che, come nelle prime due edizioni, presterà la sua voce a colui che narrerà le sorti dei ragazzi della scuola e che in un’intervista a RollingStone ha confermato: “È un programma che riesce a piacere a tutta la famiglia. Trovano tutti qualcosa di interessante, che non è la stessa cosa per tutti quanti“. Secondo Magalli i ragazzi rimangono stupiti dal conoscere le scuole dei loro nonni, i genitori per le reazioni dei ragazzi e anche i nonni hanno il loro bel da fare vedendo quanto “sono ignoranti i ragazzi di oggi“. Di certo questo non è un complimento ma alla luce dei video di presentazione dei ragazzi e delle loro risposte a domande di cultura generale, come dargli torto? (Hedda Hopper)

18 STUDENTI PRONTI PER LA RIVOLUZIONE

Dopo il grande successo delle prime due edizioni torna “Il Collegio 3“, in onda a partire da stasera martedì 12 febbraio su Rai2 alle 21.20. Ricordiamo che un gruppo di ragazzi dai 13 ai 17 anni, verranno catapultati nel 1968. I ragazzi si ritroveranno nel Collegio Convitto di Celana, a Caprino Bergamasco, dove vigono le ferree regole comportamentali e disciplinari degli anni ’60. La mancanza totale di tecnologia, insieme ad un modo completamente diverso di insegnamento, saranno il tema principale per un esperimento televisivo e sociale, realizzato in collaborazione con Magnolia (Banijay Group), affermatosi come un vero e proprio fenomeno di costume specie tra i giovanissimi e gli adolescenti. La voce narrante del percorso dei ragazzi sarà di nuovo Giancarlo Magalli, che racconterà la vita di 18 studenti – 9 ragazze e 9 ragazzi – lontani da casa e, soprattutto, da smartphone e computer.

EDIZIONE AMBIENTATA NEL 1962

Dopo le edizioni ambientate nel 1960 e nel 1961, quest’anno la nuova classe de Il Collegio 3 si affronterà la scuola media unica nata dalla riforma del 1962. Ij questa annata alcune materie non ci sono più con il Latino che viene sostituito dall’Educazione Civica. Il Canto Corale è diventato Educazione Musicale ed è comparsa, per la prima volta, l’Educazione Artistica. L’inflessibile preside Paolo Bosisio, nel suo discorso di inizio anno, annuncia che i venti di rivolta rimarranno fuori dal suo istituto. Nelle lezioni di Italiano, Storia, Geografia e soprattutto Educazione Artistica, si comincia a parlare dei temi delle grandi Rivoluzioni, da quella Russa a quella non violenta di Gandhi, al Surrealismo, e negli studenti inizia a nascere il desiderio di cambiamento. Vedremo quindi come i ragazzi reagiranno alle regole rigide e ferree dell’istituto.

PROFESSORI E STUDENTI

Corpo docente: Paolo Bosisio (Preside), Andrea Maggi (Italiano ed Educazione Civica), Maria Rosa Petolicchio (Matematica e Scienze), Luca Raina (Storia e Geografia), Dario Cipani (Educazione fisica), David Wayne Callahan (Inglese), Diana Cavagnaro (Educazione musicale), Alessandro Carnevale (Arte), Lucia Gravante (Sorvegliante), Piero Maggiò (Sorvegliante)Studentesse: Alice Carbotti, Beatrice Cossu, Cora Fazzini, Marilù Fazzini, Ginevra Pirola, Giulia Mannucci, Jennifer Poni, Nicole Rossi, Noemi Ortona.Studenti: Elia Libero Gumiero, Esteban Frigerio, Evan Nestola, Francesco Michael Gambuzza, Gabriele De Chiara, Matias Caviglia, Riccardo Tosi, William Carrozzo, Youssef Komeiha.Il set del programma è anche quest’anno il Collegio Convitto di Celana di Caprino Bergamasco, in provincia di Bergamo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA