Benvenuto Presidente!, Rai 3/ Streaming del film con Claudio Bisio (15 febbraio 2019)

- Matteo Fantozzi

Benvenuto Presidente! Stasera, 15 febbraio 2019, va in onda su Rai Tre il film con protagonista Claudio Bisio che parla di un clamoroso scambio a capo del Governo.

benvenuto presidente 2019 film
Benvenuto Presidente!

Claudio Bisio è il protagonista di “Benvenuto Presidente!”. Il conduttore di Sanremo 2019, interpreta Giuseppe Garibaldi: “La persona più lontana dalla politica che si possa pensare. Non è mai stato a Roma, è un piccolo bibliotecario che vive in un paesino della Val di Susa, in Piemonte, con l’hobby della pesca delle trote, con la barba, un po’ malconcio”, ha detto Bisio a Primissima.it presentando il suo personaggio. Per quanto l’ambientazione ha detto: “Abbiamo girato poco al Quirinale, siamo però entrati per vedere le stanze, gli arredi, i corazzieri ecc… e già questo vi assicuro è un’emozione molto forte. Tanto che dal punto di vista scenografico e di ambientazione il film è curatissimo anche perché sono stati molto gentili con noi e ci hanno dato anche del materiale proveniente proprio dal Quirinale quindi tutto risulta assolutamente realistico”. Il film, infatti, è stato girato quasi tutto al Palazzo Carignano di Torino, almeno per quanto riguarda gli interni. Ricordiamo che il film “Benvenuto Presidente!”, clicca qui per vedere il trailer, andrà in onda su Rai 3 a partire delle 21.20 ma sarà possibile vederlo anche sintonizzando i propri dispositivi mobile a Rai Play, cliccando qui. (agg. di Matteo Fantozzi)

Curiosità sul cast del film

Uno dei principali protagonisti di Benvenuto Presidente! è l’attore italiano Omero Antonutti nato il 3 agosto del 1935 diventato famoso tra il pubblico italiano anche per le proprie capacità di doppiatore. La sua carriera cinematografica nelle vesti di attore ha avuto inizio nel 1966 grazie alla pellicola intitolata Le piacevoli notti per la regia di Armando Crispino e Luciano Lucignani. Nel 1974 invece ha collaborato con Lucio De Caro per la realizzazione della pellicola Processo per direttissima per poi essere diretto dal maestro Roberto Rossellini nell’ambito del film Anno uno. Tra le pellicole di maggiore successo in cui ha preso parte ricordiamo La donna della domenica, Padre padrone, Alessandro il grande, La notte di San Lorenzo, Notturno, Il disertore, La visione del Sabba, A peso d’oro, Un eroe Borghese, La ragazza del lago, Miracolo a Sant’Anna e Romanzo di una strage.

Nel cast Kasia Smutniak

Benvenuto Presidente!

animerà la prima serata di Rai 3 stasera 15 febbraio 2019. Si tratta di una pellicola italiana realizzata nel 2013 dalla casa cinematografica della Indigo film in collaborazione con Rai Cinema, Technicolor Sa ed altre aziende del settore la cui distribuzione è stata gestita dalla 01 Distribution. La regia è stata firmata da Riccardo Milani con soggetto scritto da Fabio Bonifacci in collaborazione con Nicola Giuliano mentre per l’adattamento della sceneggiatura c’è stata la collaborazione tra lo stesso Bonifacci e Luca Miniero. Il montaggio delle varie scene di questa pellicola è stato realizzato da Giogiò Franchini, La scenografia è stata firmata dalla celebre regista Paola Comencini mentre nel cast figurano diversi attori e volti noti del mondo dello spettacolo italiano come nel caso di Claudio Bisio Kasia Smutniak Remo Girone Giuseppe Fiorello Massimo Popolizio Cesare Bocci e Omero Antonutti.

Benvenuto Presidente!: la trama del film

Passiamo alla trama di Benvenuto Presidente! Il Parlamento italiano si trova a dover decidere il nuovo presidente della Repubblica e siccome, come spesso accade in questo genere di situazioni, manca ancora il nome in grado di mettere d’accordo le varie forze politiche tutti i partiti decidono scherzosamente di scrivere il nome di Giuseppe Garibaldi naturalmente facendo riferimento a L’eroe dei due Mondi che praticamente è stato colui che ha portato all’Unione del nostro paese. Questa sarà una terribile leggerezza che i componenti del parlamento pagheranno in quanto su tutto il territorio italiano esiste un cittadino di nome Giuseppe Garibaldi di oltre 50 anni per cui, così come prevede la normativa, eleggibile al ruolo di Presidente della Repubblica. Nonostante l’errore la Costituzione impone l’elezione di questo Giuseppe Garibaldi ossia un bibliotecaio che vive in un piccolo paesino di montagna nel nord dell’Italia il quale suo malgrado si vede catapultato in una storia molto più grande di lui. Dopo l’iniziale scoramento i vari leader dei partiti politici si tranquillizzano certi di poter manipolare tutte le azioni del neoeletto presidente. In realtà non sarà così in quanto il nuovo presidente della Repubblica seppur difetti per quanto concerne le buone maniere ed il rispetto di quelli che sono i protocolli istituzionali si dimostra un ottimo capo dello Stato dando la giusta attenzione alla popolazione e per la prima volta impone il rispetto i cittadini più disagiati. Il suo consenso tra il popolo inizia a salire in maniera cospicua il che mette in allarme i partiti politici i quali si vedono costretti a cercare una via d’uscita per costringere il povero Giuseppe Garibaldi a rassegnare le dimissioni. Sarà per l’Italia una esperienza straordinaria che riporterà i cittadini ad avere fiducia nelle istituzioni grazie alle innumerevoli azione benefiche portate avanti dal neo presidente che peraltro riuscirà a conquistare anche il proprio staff inizialmente scoraggiato per il suo modo di fare poco consono.

Il trailer del film



© RIPRODUZIONE RISERVATA