Lorella Cuccarini: “Migranti? In Italia ci sono regole”/ Scontro con don Sigurani

Lorella Cuccarini e don Pietro Sigurani, scontro ad Agorà sul tema migranti: secondo la showgirl in Italia “le regole ci sono”.

lorella cuccarini
Lorella Cuccarini

Lorella Cuccarini, siparietto sui migranti ad Agorà. Intervenuta al programma condotto da Serena Bortone e in onda su Rai 3, la showgirl ha avuto un battibecco con don Pietro Sigurani, che ha commentato: «La mentalità anti-straniera sta scemando perché il cuore umano è fondamentalmente per l’accoglienza: posso fare tutta la politica che voglio e la propaganda che voglio, ma ciò che è fondamentale è il cuore umano, che è aperto all’altro. Io senza l’altro non vivo, e più l’altro è diverso da me e più mi arricchisce. I fatti singoli non vanno amplificati». Queste le parole della Cuccarini: «Io sono molto d’accordo con questo, io vengo da due anni di tour in tutta Italia e ho potuto toccare con mano la popolazione, il pubblico. Sinceramente vedo un’Italia accogliente, come è sempre stata: l’Italia ha sempre abbracciato tutti, ma nel rispetto delle regole».

“IN ITALIA LE REGOLE LE ABBIAMO”

«Se ci fossero le regole», ribatte don Pietro Sigurani, con Lorella Cuccarini che ha immediatamente replicato: «Per fortuna le abbiamo». Questo, infine, il giudizio del don: «Se un tunisino vuole venire in Italia come fa? Occorre una riforma sull’immigrazione. Io in Tunisia avevo due scuole per l’immigrazione regolare, ne ho portati 400 con l’aereo in maniera regolare, con il sindaco Rutelli che ha messo a disposizione abitazioni». Non è il primo intervento politico di Lorella Cuccarini, che recentemente ha innescato numerose polemiche con queste affermazioni: «La differenza non è più tra destra e sinistra ma tra chi pensa agli elettori e chi alle élite e alla finanza. Ma quali politiche di destra? Ha fatto più cose di sinistra questo governo di quelli precedenti. Io vorrei che i miei figli fossero liberi di scegliere se andare fuori o rimanere in un Paese che offra loro delle possibilità. Invece qui non riesci a fare nulla, siamo in austerity, abbiamo un tasso di disoccupazione altissimo, 5 milioni di poveri. E mi dite che bloccare l’immigrazione è di destra? È sacrosanto».



© RIPRODUZIONE RISERVATA