Albalisa Sampieri chi è/ Femminista coraggiosa: “La mia battaglia contro la violenza sulle donne” (Le Ragazze)

- Emanuela Longo

Albalisa Sampieri, femminista convinta oggi tra le protagoniste de Le Ragazze: la sua esperienza in politica e la passione per il teatro

Albalisa Sampieri
Albalisa Sampieri

Albalisa Sampieri, un’appassionata femminista, sarà tra le protagoniste della nuova puntata de Le Ragazze, in onda su Raitre nella prima serata odierna. La donna è scossa da una grande libertà interiore e da anni porta avanti con coraggio, orgoglio ed estrema passione battaglie per l’affermazione dell’autonomia e della libertà delle donne. Nata a Buonconvento, dall’età di 12 anni vive a Siena e proprio qui, come racconta la stessa nella sua biografia sul sito dell’associazione Atelier Vantaggio Donna di cui fa parte, sin dal 1970 ha preso parte attiva al movimento delle donne. Grazie al suo innato impegno ha portato alla nascita di numerosi contesti associativi tutti aventi il medesimo importante obiettivo, ovvero l’affermazione della differenza sessuale e l’autonomia della donna nella propria vita e in ambito sociale e politico. Dal 2006 è socia dell’associazione Atelier Vantaggio Donna, nata in provincia di Siena nel 1999. Un impegno importante, come trapela dalle sue stesse parole: “Oggi per me rappresenta uno spazio privilegiato dove posso agire e combinare le mie due grandi passioni: la politica delle donne ed il teatro, con la consapevolezza che i linguaggi di entrambi, apparentemente diversi, possono contaminarsi e produrre valore aggiunto”, dice.

ALBALISA SAMPIERI, FEMMINISTA CONVINTA: IL SUO IMPEGNO IN POLITICA

Albalisa Sampieri non è solo una femminista convinta. A questa attività affianca infatti quella di progettazione e docenza che si vanno perfettamente ad unire alle sue attività di regista ed attrice in un mix frizzante ed efficace sul piano comunicativo. “Il mio impegno nel movimento delle donne è il bagaglio con il quale mi presento. Le questioni della violenza sulle donne e della discriminazione di genere mi stanno molto a cuore: sono temi di attualità e riguardano anche il nostro territorio. C’è un tavolo operativo, io mi sento e spero di poter portare un valore aggiunto”, aveva commentato nel 2014, alla vigilia del suo ingresso nel consiglio comunale di Siena, durante una intervista al Corriere di Siena. Nell’ambito del suo forte impegno per la politica, dunque, ha trovato ampio spazio la sua esperienza nel femminismo dalla quale sono nati numerosi progetti ed iniziative nella sua Siena.



© RIPRODUZIONE RISERVATA