LOREDANA BERTÉ/ Video, “Cosa ti aspetti da me”: interpretazione al top e sui social è delirio! (Sanremo 2019)

- Paolo Vites

Loredana Berté è in gara al festival di Sanremo 2019 con il brano “Cosa ti aspetti da me”. Interpretazione da brividi e ricca di energia, per un risultato che…

loredana_berte_canto
Loredana Berté

Ricca di energia la performance di Loredana Bertè, che porta sul palco del Festival di Sanremo 2019 la sua “cosa ti aspetti da me”. Anche lei, come chi l’ha preceduta, ha scelto di optare per una canzone d’amore dal messaggio pieno di speranze, il tutto condito dalla carica rock da sempre tanto cara all’interprete. Nel suo messaggio, accompagnato dalla sua inconfondibile presenza scenica e da una voce che non ha eguali, la cantante urla “io non posso credere che esista un altro amore come te”, ma a farla da padrone è ancora una volta il suo look, fortemente caratterizzato da un abito rock che le lascia scoperte le gambe. E sui social fioccano copiosi i complimenti: “La Bertè a 70 anni ha le gambe più belle delle mie”, “Il pezzo della Bertè è senza dubbio il migliore finora. Tanto bello quanto inaspettato”, “Molto meglio la Bertè che i Zen Circus! #festivaldisanremo2019”, scrivono gli utenti su Twitter. (Agg. di Fabiola Iuliano)

TUTTI I SUCCESSI SUL PALCO DELL’ARISTON

Quattro sorelle e un padre poco affettuoso, anzi distante e distaccato. Due sorelle che entrano nel mondo dello spettacolo, Domenica, in arte Mimì Martini, morta in circostanze mai del tutto chiarite, il suicidio quasi sicuramente dopo una vita tra depressione e disperazione, l’altra Loredana Bertè, che invece nella rabbia e nella provocazione ha trovato, non sempre, lo sfogo. Perché anche lei Loredana Berté ha sofferto molto e i segni li porta tutti. Con questi ricordi torna sul palco di Sanremo 2019  con Cosa ti aspetti da me dopo il caso di auto plagio come fu definito nel 2008 il brano Musica e parole che viene definito uguale al suo successo Ultimo segreto che vent’anni prima aveva cantato un’altra cantante, tanto che Loredana sarà squalificata. Nel 1986 invece si era presentata fintamente incinta, cosa che provocò scandalo, ma era una provocazione, spiegò, per dire che una donna incinta non è una donna di serie B. Questa estate è stata protagonista del brano tormentone Non ti dico no con il gruppo dei Boomdabash, che curiosamente saranno in gara anche loro a Sanremo.

LA SORELLA MIA…

Torno a Sanremo per mia sorella” ha detto Loredana Berté, aggiungendo che “mia sorella Mia Martini è uno dei motivi per cui spero che sia una bella performance. Vorrei fosse orgogliosa di me. Per una volta. Ci presentammo assieme nel 1993 – l’unico impegno professionale che abbiamo condiviso: lei fu immensa, io andai in palla. Non me lo perdono”. La presenza della sorella anche adesso che non c’è più, anzi di più, è sempre preponderante. Però dice che alla fine rispetto a lei è “sempre stata più quadrata”: “Quando mi presentai a Sanremo “incinta”, nel 1986, strepitarono senza andare ad analizzare il significato profondo della mia provocazione: intendevo solo sottolineare che una donna incinta non è malata o infetta, ma splendida e forte perché sta per dare alla luce una nuova vita. Non è stato capito”. Il 12 febbraio poco dopo la fine del Festival di Sanremo 2019 andrà in onda il film dedicato a Mia Martini: “Ho partecipato alla stesura della sceneggiatura proprio per tutelarla, per fare in modo che uscisse la vera Mimí, la sua essenza. Per esempio, ho insistito moltissimo affinché fosse presente la sua cagnolina, Movie: erano letteralmente inseparabili. Per quanto, a livello cronologico, siamo stati costretti a forzature, il risultato è stato ottimo, con il contributo determinante di Serena Rossi: la impersona in maniera magistrale”.

COSA TI ASPETTI DA ME, IL TITOLO DELLA CANZONE DI LOREDANA BERTE’ A SANREMO 2019

Loredana Berté porterà a Sanremo 2019 il brano Cosa ti aspetti da me. L’artista ha già detto che questo sarà il suo ultimo festival di Sanremo: “Ci torno per chiudere il cerchio. Cosa ti aspetti da me – il pezzo scritto da Gaetano Curreri, Gerardo Pulli e Piero Romitelli – parla del peso delle aspettative che “subiamo”: nessuno escluso, persino i più piccoli. Anche in un rapporto d’amore l’importante è esattamente questo: comprendere cosa ci si attende dall’altro e trovare un punto d’incontro”. Il Maestro Massimo Zanotti dirigerà l’orchestra sul palco dell’Ariston su cui Loredana Berté duetta con Irene Grandi nella serata del venerdì. L’8 febbraio uscirà una nuova edizione del suo ultimo album “Libertè“, pubblicato lo scorso settembre e il 45 giri del brano in gara.



© RIPRODUZIONE RISERVATA