The Wolf of Wall Street, Rai 2/ Streaming video del film sulla vita di Jordan Belfort (6 febbraio 2019, oggi)

The Wolf of Wall Street va in onda stasera, mercoledì 6 febbraio, alle ore 21,05 su Rai 2. Si tratta di un film autobiografico sulla vita di Jordan Belfort con la regia di Martin Scorsese.

06.02.2019, agg. alle 19:49 - Matteo Fantozzi
The Wolf of Wall Street

Marzia Gandolfi parla di The Wolf of Wall Street su MyMovies come di una “commedia nera e stupefacente senza redenzione, una brillante analisi antropologica sull’avidità“. D’altronde era difficile aspettarci un tonfo nell’acqua dalla coppia formata da Martin Scorsese e Leonardo DiCaprio che si può considerare una vera sicurezza. Maurizio Acerbi su Il Giornale parla di un film “esagerato” come il protagonista veramente esistito: “Nelle parolacce servite alla media di quasi tre al minuto, nell’uso della droga che abbonda in ogni inquadratura, nel sesso voyeuristico senza sentimenti, nella volontà cinica di sfruttare sempre e comunque il prossimo“. Per il critico non sembra sempre un film di Scorsese, ma a volte di John Landis con picchi che toccano il cinema di Quentin Tarantino. Eccessivo per vari motivi come quello di “una voluta mancanza di un centro narrativo e di una sgangheratezza estetica“. Eppure è un film “carismatico, coinvolgente e destabilizzante”. The Wolf of Wall Street sarà trasmesso anche in diretta streaming, grazie a RaiPlay, e potremo seguirlo cliccando qui. Andiamo a scoprire qualcosa in più sul film con il trailer, clicca qui per il video. (agg. di Matteo Fantozzi)

CURIOSITÀ SUL FILM

The Wolf of Wall Street  è tratto dal libro di memorie omonimo che era l’appellativo dato dalla rivista Forbes a Jordan Belfort. Il film è stato candidato a 5 Premi Oscar (miglior film, migliore sceneggiatura non originale, miglior regista, miglior attore protagonista, miglior attore non protagonista), 1 candidatura al David di Donatello come miglior film straniero, 2 candidature ed un premio come miglior attore protagonista ai Golden Globes. Questa pellicola è stata co-prodotta da Leonardo DiCaprio che ha acquisito i diritti insieme alla Warner Bros nel 2007 ed è stato controllata da Martin Scorsese per evitare che fosse autorizzata alla visione esclusivamente per i maggiori di 18 anni; ne è comunque vietata la visione ai minori di 16 anni in molti Paesi a causa dei suoi riferimenti espliciti al sesso ed alla droga. In questa ottica il film ha anche un particolare primato: è il film più volgare della storia del cinema con una media di parolacce pari a circa 4 ogni minuto (681 in totale) come stabilito da Guinness World Record. Al Gran Premio Internazionale di Doppiaggio la versione italiana di The wolf of Wall Street vinse il premio come miglior direzione di doppiaggio. Ci sono voluti ben 27 ciak per girare la scena del bacio tra Joanna Lumley e Leonardo DiCaprio in quanto quest’ultimo era molto teso anche perché tra i due attori esiste una notevole differenza di età (circa 22 anni)

Nel cast Leonardo DiCaprio

The Wolf of Wall Street va in onda stasera, mercoledì 6 febbraio, alle ore 21,05 su Rai 2. Si tratta di un film autobiografico sulla vita di Jordan Belfort con la regia di Martin Scorsese. Gli attori principali sono Leonardo DiCaprio (Titanic, Gangs of New York, il grande Gatsby, Revenant-Redivivo, Prova a prendermi, The Aviator), Margot Robbie (Focus – Niente è come sembra, Suicide Squad, Sopravvissuti, The Legend of Tarzan, Whiskey Tango Foxtrot) e Matthew McConaughey. Questo è il film più lungo mai girato da Martini Sorsese: la versione completa dura infatti oltre tre ore (184 minuti per l’esattezza). Leonardo Di Caprio e Martin Scorsese con questo film sono alla loro quinta collaborazione nell’arco di 12 anni: insieme hanno girato film famosi come The Aviator, The Departed, Shutter Island, Gangs of New York; DiCaprio ha successivamente lavorato anche con Margot Robbie in Once Upon a Time in Hollywood. Jordan Belfort recita in un cammeo alla fine del film presentando se stesso (interpretato da DiCaprio).

Clicca qui per il trailer del film

The Wolf of Wall Street, Trama del film

The Wolf of Wall Street narra la storia di Jordan Belfort dal 1987 al 2000, in cui diviene il miglior broker di Wall Street. All’inizio Jordan è un normale aspirante broker di borsa che però incontra Mark Hanna un eccentrico e famoso trader, da cui impara ogni trucco possibile sia onesto che, soprattutto, disonesto. In questo modo Jordan riesce sia a guadagnare parecchi soldi che a prendere l’agognata licenza di broker. L’inizio non è dei migliori in quanto il giorno della sua assunzione presso la Rothscild viene licenziato per il fallimento della stessa, ma Jordan non si dà per vinto e rientra nel giro grazie all’enorme guadagno che riesce ad avere vendendo, tramite un call center, azioni che sul mercato sono pochissimo quotate. Grazie anche all’aiuto di un suo vicino di casa (Donnie Azoff) Jordan fonda una sua società, la Stratton Oakmont, con cui inizia a truffare i suoi clienti spacciando per sicuri investimenti ad altissimo rischio e riuscendo così a guadagnare milioni di dollari grazie alle altissime percentuali su ogni investimento. Nel frattempo Belfort comincia ad assumere con maggior frequenza cocaina, diventandone così dipendente e, all’apice del successo, divorzia dalla moglie Teresa e si risposa con Naomi conosciuta durante un party, sottovalutando le ricerche effettuate dall’agente Patrick Denham dell’FBI sia sulla Stratton Oakmont che sul suo conto. Jordan pensa quindi di nascondere gli incassi delle commissioni trasferendoli in un conto svizzero intestato alla zia inglese di Naomi, che viene utilizzata come prestanome, ma nel frattempo le cose cominciano a girare molto meno bene per la Stratton Oakmont. Un socio di Jordan, Brad Bodnik, infatti viene arrestato dall’FBI ma la società riesce a passare indenne in quanto Brad, pur facendosi tre mesi di carcere, non parla ma l’FBI mette sotto controllo tutti i telefoni di Jordan, sia privati che aziendali.

Questa notizia viene data a Belfort da Bo Dietl suo investigatore privato in un momento veramente critico: poche ore prima Donnie aveva procurato delle pillole di quaalude molto datate che non avevano fatto subito effetto, per cui sia Donnie che Jordan avevano preso una grande quantità di pillole; queste però, a causa della loro senescenza, avevano solamente ritardato il loro effetto, facendolo letteralmente esplodere durante la telefonata con Bo. Jordan riesce comunque a ritornare a casa appena in tempo per evitare che Donnie, al telefono con il banchiere svizzero loro complice, parli a ruota libera confidando quindi tutto all’FBI. Durante un suo viaggio nel mediterraneo, Jordan apprende della morte di Emma, la zia di Naomi e decide di andare subito a Ginevra ma il suo viaggio è alquanto burrascoso: prima una tempesta fa naufragare lo yacht e, successivamente al salvataggio di tutti i membri da parte di una nave italiana, anche l’aereo noleggiato ha un guasto e precipita prima dell’atterraggio. Jordan, che si riesce a salvare, decide quindi di smettere di assumere alcoolici e droghe ma nulla può fare un paio d’anni dopo quando l’FBI arresta Samuel, il banchiere complice di Jordan, che rivela tutti gli illeciti compiuti da Belfort e dalla sua società. Jordan Belfort viene quindi arrestato ma riesce ad avere un congruo sconto di pena in quanto decide di collaborare fornendo nomi dei collaboratori. Jordan viene microfonato ma nell’intento di avvertire Donnie viene scoperto e incarcerato di nuovo; grazie alla sua collaborazione sconta solamente 36 mesi in un carcere a bassa sicurezza. Uscito, si trasferisce in Nuova Zelanda dove ricomincia la sua carriera organizzando seminari specifici sulle varie strategie di marketing e vendita.

Il trailer del film



© RIPRODUZIONE RISERVATA