Giulia Bongiorno/ “Gli uomini che uccidono? Una cultura che esiste” (Domenica in)

- Bruno Zampetti

Giulia Bongiorno parla a Domenica in di doppia difesa, del suo incontro con Michelle Hunziker e della legge anti stalker che…

giulia bongiorno domenica in
Giulia Bongiorno a Domenica In

Giulia Bongiorno parla a Domenica in del suo impegno a difesa delle donne che subiscono violenza. Da molti anni, insieme a Michelle Hunziker, si occupa infatti del progetto di Doppia Difesa, nato per sostenere chi non ha i mezzi per ribellarsi a situazioni di disagio. “Doppia Difesa nasce dall’incontro tra me e Michelle Hunziker che in realtà è un incontro professionale perché Michelle aveva una stalker pericoloso, che però non si poteva denunciare – ricorda la Bongiorno – Michelle aveva un reato davanti, non penalmente rilevante per lo Stato italiano”. Oggi, conferma l’ospite di Mara Venier, la violenza sulle donne è un retaggio della cultura italiana: “Veniamo da un passato in cui c’è stata una legislazione con una sorta di simpatia nei confronti di chi faceva violenza contro le donne – ricorda la Bongiorno – non tutti sanno che c’era l’omicidio d’onore, in cui l’uomo poteva uccidere e avere una pena di sette anni […] le leggi sono state abrogate – continua il ministro – ma resta la cultura, molti uomini che uccidono dicono ‘l’ho fatto perché era mia’, ma questo significa che la donna è considerata un oggetto. Non diciamo mai che gli uomini che uccidono sono pazzi. È un tipo di cultura che esiste ancora”. (Agg. di Fabiola Iuliano)

LE INIZIATIVE A SOSTEGNO DELLE DONNE

Giulia Bongiorno sarà ospite questo pomeriggio della puntata di Domenica in. Non lo farà tanto e non solo in qualità di ministro della Pubblica amministrazione, ma soprattutto come persona impegnata da tempo in prima linea, con la Fondazione Doppia difesa, costituita insieme a Michelle Hunziker, per aiutare tutte quelle donne vittime di abusi e violenze. La trasmissione di Mara Venier, infatti, con l’avvicinarsi dell’8 marzo ha deciso di dar vita oggi a una puntata speciale dedicata alle donne. Insieme a Giulia Bongiorno, dunque, verranno illustrate le iniziative di sostegno concreto a quante subiscono violenze ma non hanno il coraggio di denunciare, a volte per paura delle conseguenze. Probabile che parli anche delle iniziative del Governo intraprese in questa importante direzione.

GIULIA BONGIORNO, L’ATTIVITÀ DI DOPPIA DIFESA

L’attività di Doppia difesa, che ha superato i dieci anni di vita, resta importante e certamente ha aiutato molte donne, anche per via dei messaggi che sono stati veicolati attraverso le sue due testimonial principali, Giulia Bongiorno e Michelle Hunziker, sui media. Il ministro è inoltre già presente da tempo in Parlamento e ha potuto portare avanti importanti attività legislative proprio per aiutare le donne vittime di abusi e violenze. Secondo quanto riporta l’Ansa, le enoteche Signorvino hanno deciso, proprio in occasione dell’8 marzo, di donare un contributo alle attività istituzionali della Fondazione Doppia Difesa Onlus. Nella ricorrenza inoltre la catena di enoteche offrirà alle donne in tutti i punti un calice di benvenuto in omaggio, insieme a un messaggio che la catena vuole urlare: ”un NO convinto alla violenza sulle donne”.

IL TURNOVER NELLA PA

Giulia Bongiorno, al di là dell’impegno per le donne e per Doppia difesa, in questo periodo è però chiamata a far sì che la Pubblica amministrazione non subisca i contraccolpi di una riforma importante come quella pensionistica. Quota 100, infatti, potrebbe portare diversi dipendenti pubblici verso la via del pensionamento, con la possibilità quindi che ci siano dei settori in cui l’erogazione dei servizi possa risentire del minor personale presente. Certo è stata prevista una finestra semestrale per il pensionamento dei lavoratori pubblici, ma occorrerà predisporre per tempo i necessari concorsi per sostituire i pensionandi, anche a livello locale. Basti pensare che in Campania è in programma un maxiconcorso per 10.000 posti, sul quale il Governatore De Luca avrà un incontro con Giulia Bongiorno il 12 marzo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA